Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quale terapia genica sta studiando la scienza per rigenerare i denti?

Quale terapia genica sta studiando la scienza per rigenerare i denti?

USAG-1 è una proteina che inibisce l’attività della BMP, che limita la proliferazione degli odontoblasti, ma è stato dimostrato che l’inibizione di USAG-1 mediante anticorpi specifici migliora la formazione e la rigenerazione dei denti, per ora, nei topi. (Credito: Pixel)

In una pietra miliare per dentistaIl Giappone implementa Studi clinici sull’uomo per la crescita dei denti.

Nel meraviglioso campo Biotecnologie e medicina rigenerativaUn recente studio evidenzia un nuovo trattamento che potrebbe rivoluzionare l’odontoiatria: Terapia anti-USAG-1 per la rigenerazione dei denti. Questo approccio si basa sulla modulazione della segnalazione della proteina morfogenetica ossea (BMP), che è fondamentale per lo sviluppo e la rigenerazione dei tessuti.

Questo lavoro scientifico, sviluppato da un team di ricercatori guidati dal professor Takashi Tsuji presso il Centro RIKEN per lo sviluppo biologico, Potrebbe cambiare il modo in cui vengono trattate la perdita dei denti e altre malattie dentali.

Lui Nuovo studio Condotto da studiosi di Università di Kyoto e Università di Fukui può offrire qualche speranza in questo ambito: il team ha riferito che A Gli anticorpi contro il gene (gene 1 associato all’allergia uterina o USAG-1) possono stimolare lo sviluppo dei denti nei topi con agenesia dei denti., una condizione congenita. L’articolo è stato pubblicato sulla rivista Science Advances.

Il gruppo di ricerca ha preso in considerazione il gene USAG-1 e, eliminandolo, si è scoperto che apporta benefici allo sviluppo dei denti, anche se la sicurezza di questa delezione nello sviluppo dei denti è ancora in fase di studio. Europe Press/Contact/Dong Jianghui

Questo studio È stato il primo a dimostrare i benefici degli anticorpi monoclonali nella rigenerazione dei denti Fornisce un Un nuovo quadro terapeutico Per un problema clinico esistente Può essere risolto solo con impianti e altre misure artificiali.

READ  Diretto: il missile cinese fuori controllo si sta avvicinando al suolo e non si sa dove andrà a scontrarsi

Nel settembre di quest’anno, 30 uomini di età compresa tra 30 e 64 anni, ognuno dei quali aveva almeno un dente mancante, Parteciperanno alla prova. Lo studio somministrerà il farmaco per via endovenosa per valutarne l’efficacia e la sicurezza.

Se tutto continua, come credono i ricercatori, l’ospedale Kitano si occuperà del trattamento Pazienti di età compresa tra 2 e 7 anniche hanno perso almeno quattro denti, con l’obiettivo finale di essere disponibili Medicina per la crescita dei denti entro il 2030

Il trattamento si concentra sull’inibizione USAG-1UN Proteina che agisce come un antagonista nella segnalazione BMP. Neutralizzando questa proteina, l’attività delle BMP viene migliorata. Promuovendo così la rigenerazione dei denti. I risultati ottenuti negli studi condotti su modelli animali mostrano progressi significativi verso la possibilità di rigenerazione dei denti nell’uomo.

Un recente studio biotecnologico ha evidenziato la terapia anti-USAG-1 per la rigenerazione dei denti, mostrando risultati promettenti in modelli animali. Gli scienziati prevedono di farlo sugli esseri umani entro pochi anni (Immagine: Capture)

Per comprendere l’effetto di questo trattamento è necessario conoscere il ruolo che svolge USAG-1 (antigene genetico associato all’allergia uterina 1) Nella biologia dentale. Questa proteina fa parte della famiglia degli antagonisti delle BMP, che regola varie funzioni cellulari e processi di crescita. In condizioni normali, USAG-1 inibisce l’attività delle BMP, limitando la proliferazione e la differenziazione delle cellule che compongono il tessuto dentale.

La ricerca è stata condotta da un team di scienziati giapponesi. hanno dimostrato che inibendo USAG-1, si libera il potenziale delle BMP nel promuovere la formazione e la rigenerazione dei denti.

Utilizzando anticorpi specifici per neutralizzare USAG-1, i ricercatori hanno osservato una significativa rigenerazione dei denti Modelli di topi. Questo risultato suggerisce che la modifica di USAG-1 potrebbe essere una strategia praticabile per il trattamento della perdita dei denti e di altre malattie associate alla carie dentale.

READ  Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | Mosca avverte Washington ei suoi alleati di un possibile confronto nucleare

Gli esperimenti sono stati condotti su topi geneticamente modificati per essere privi di USAG-1, nonché su topi normali a cui erano stati somministrati questi anticorpi. In entrambi i casi, i risultati hanno dimostrato un’efficace rigenerazione dei denti, dimostrando che l’inibizione di USAG-1 può ripristinare la capacità del tessuto dentale di rigenerarsi.

Questo studio è il primo a dimostrare i benefici degli anticorpi monoclonali nella rigenerazione dei denti e fornisce un nuovo quadro terapeutico per un problema clinico che attualmente è risolto solo dagli impianti dentali (informazioni sull’immagine)

Sebbene la bocca di un adulto normale contenga 32 denti, circa l’1% della popolazione ne ha di più o di meno a causa di malattie congenite. Gli scienziati hanno scoperto le cause genetiche dei casi di troppi denti come prova della rigenerazione dei denti negli adulti.

Secondo Katsuo Takahashi, uno degli autori principali dello studio e professore senior presso la Scuola di Medicina dell’Università di Kyoto, le molecole di base responsabili dello sviluppo dei denti sono già state identificate. “La formazione dei singoli denti dipende dalle interazioni di diverse molecole, tra cui BMP o proteine Morfologia osseaTakahashi ha detto, secondo comunicato stampa Dall’Università di Kyoto.

Ipotizzando che prendere di mira i fattori che antagonizzano specificamente BMP e Wnt nello sviluppo dei denti potrebbe essere più sicuro, il team ha preso in considerazione il gene USAG-1. “Sapevamo che l’eliminazione di USAG-1 avvantaggia lo sviluppo dei denti. Ciò che non sapevamo era se ciò fosse sufficiente”, ha aggiunto Takahashi.

Pertanto, gli scienziati hanno studiato gli effetti di diversi anticorpi monoclonali contro USAG-1. Gli anticorpi monoclonali sono comunemente usati per trattare il cancro, l’artrite e sviluppare vaccini.

Scienziati dell’Università di Kyoto e dell’Università di Fukui hanno dimostrato che un anticorpo contro il gene USAG-1 può stimolare la crescita dei denti nei topi con agenesia, una scoperta pubblicata su Science Advances (Getty Images)

USAG-1 interagisce sia con BMP che con Wnt. Di conseguenza, gli esperti lo hanno sottolineato Diversi anticorpi hanno causato una diminuzione dei tassi di natalità e sopravvivenza nei topiCiò conferma l’importanza sia di BMP che di Wnt nella crescita dell’intero corpo. Tuttavia, un anticorpo promettente ha bloccato l’interazione di USAG-1 solo con BMP.

READ  Il primo ministro Liz Truss si dimette

Gli esperimenti con questo anticorpo hanno rivelato che la segnalazione BMP è essenziale per la determinazione del numero dei denti nei topi. Inoltre, una sola dose era sufficiente per generare un dente intero. Esperimenti successivi hanno mostrato gli stessi benefici nei roditori. “I roditori sono animali dioici con modelli di denti simili a quelli umani. Il nostro prossimo piano è testare gli anticorpi in altri animali come maiali e cani”, ha spiegato Takahashi.

“L’ingegneria tissutale convenzionale non è adatta alla rigenerazione dei denti. Il nostro studio dimostra che la terapia molecolare priva di cellule è efficace in un’ampia gamma di casi di agenesia congenita”, ha concluso Manabu Sugai dell’Università di Fukui, un altro autore dello studio.

La terapia anti-USAG-1 non solo apre nuove porte nel trattamento dentale, ma solleva anche interrogativi sul futuro della medicina rigenerativa e sul potenziale delle terapie basate sulla modulazione di specifici percorsi biologici.