Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il vaccino argentino e “sovietico” contro Covid e…

Il blocco che le economie centrali hanno imposto ai vaccini e alle forniture sanitarie quando è stata dichiarata la pandemia è stata una forte prova dell’importanza strategica di possedere la propria industria farmaceutica.. L’Argentina ha un vaccino domestico in sviluppo, un altro legato al Messico e ai presidenti venerdì Alberto Fernandez S Il presidente russo Vladimir PutinDalla Russia, Sputnik V, “Vida”, ha lanciato il vaccino “sovietico”, che avrà la sua linea di produzione completa nel paese dal Richmond Laboratory.

L’Argentina avrebbe potuto promuovere lo sviluppo di vaccini progettati, ingegnerizzati e prodotti dagli scienziati di Conicet e dell’Università di San Martín, ma il progetto non sarà terminato fino alla fine dell’anno. Necessità urgente di cercare opzioni immediate. Il primo è stato lo sviluppo del vaccino AstraZeneca in collaborazione con il Messico, un progetto nato dall’abbinamento dei laboratori mAbxience dell’imprenditore argentino Hugo Sigman, con l’investimento dell’imprenditore messicano Carlos Slim, che ha posto come condizione che il principio di il vaccino prodotto in Argentina, è stato confezionato nel laboratorio messicano Liomont.

La parte argentina ha prodotto il principio attivo di milioni di vaccini e li ha inviati in Messico, dove sono rimasti paralizzati perché gli Stati Uniti non hanno permesso l’esportazione di filtri specifici per la scissione e il confezionamento del farmaco. Questa è stata un’ulteriore prova del modo in cui le economie centrali ostacolano lo sviluppo tecnologico delle economie periferiche, perché questo sviluppo le rende indipendenti.

Scandalo Pfizer

L’insonnia dell’opposizione a un vaccino favorito dagli Stati Uniti giovedì ha provocato la frase esatta del capo dello staff, Santiago Cafiero: “Sembrano visitatori medici, non politici”. La mancata conclusione dei negoziati con Pfizer è stata una delle principali critiche all’opposizione. E l’argomento è completo che dietro i problemi con Pfizer ci saranno pregiudizi antiamericani.

READ  Un bambino di un anno è caduto a 15 metri dalla finestra ei suoi genitori non si sono resi conto | Cronaca

In effetti, la prima scelta è stata Pfizer perché sembrava che sarebbe stata la prima azienda a entrare nel mercato. È stato il primo a ricevere l’approvazione dall’Anmat perché, inoltre, in Argentina è stata attuata parte della terza fase del vaccino. AstraZeneca è nata dopo Pfizer, quando erano ancora in corso le trattative con il laboratorio statunitense (che ha assorbito Parke Davis), uno dei suoi principali azionisti è il fondo di investimento BlackRock, che ha una forte lobby diplomatica e mediatica.

L’ex presidente Donald Trump ha vietato i vaccini dagli Stati Uniti, rendendo molto difficile per Pfizer onorare i suoi contratti. L’urgenza dei governi mette la massima tensione. I laboratori dell’Unione Europea che producono Pfizer rifornivano la Germania, ma la Gran Bretagna aveva il monopolio del vaccino AstraZéneca, ritardando il programma di vaccinazione in molti paesi.

Israele, con una popolazione di nove milioni, ha effettuato la campagna di vaccinazione più veloce. Aveva una solida infrastruttura sanitaria che permetteva al laboratorio di monitorare da vicino i suoi prodotti, ma per ottenerlo doveva anche pagare circa 50 dollari per il vaccino Pfizer, il doppio di quanto pagato dagli europei.

Motivi del fallimento della trattativa

La corsa contro la diffusione del virus ha determinato che la terza fase di tutte le vaccinazioni è stata accorciata. Altrimenti, la vaccinazione sarebbe ritardata di un anno o due. Il che avrebbe significato milioni e milioni di morti. L’Organizzazione mondiale della sanità e le istituzioni di controllo sanitario in tutti i paesi hanno dato l’approvazione “di emergenza”, che ha suggerito che i laboratori li sollevano dalla responsabilità. Le organizzazioni sanitarie hanno ritenuto che la sua efficacia fosse sufficientemente dimostrata senza conseguenze negative e la richiesta di laboratorio è stata approvata.

READ  Alberto Fernandez al centenario del Partito Comunista Cinese | "Vorrei ringraziarvi per la vostra collaborazione. Ci avete sicuramente aiutato con le vaccinazioni".

Spinta da restrizioni di fornitura su tutti i contratti, Pfizer ha esteso le sue trattative con l’Argentina, aggiungendo una clausola di negligenza all’esenzione di responsabilità. In altre parole: i laboratori non sono esclusi se i vaccini sono arrivati ​​in cattive condizioni. Pfizer non accetta questo articolo. Il governo non accetta garanzie contro qualsiasi pretesa sui beni sovrani del paese. Che potrebbe essere dal ghiacciaio alla nave scuola.

A dicembre, il governo ha contrattato 47 milioni di vaccini. Queste alternative (da quando ho iniziato con Pfizer, ho parlato con AstraZeneca, Sputnik, Sinopharm e Covax), non erano mesi, ma sono state implementate in poche settimane tra novembre e dicembre dello scorso anno, molte di esse sono state contemporaneamente e hanno ancora trattative. A dicembre dello scorso anno, il governo ha stimato che entro agosto di quest’anno più della metà della popolazione sarebbe stata vaccinata. Ma i ritardi a gennaio e febbraio, per tutti i decenni, anche con lo Sputnik, hanno rallentato la vaccinazione nei primi mesi.

Il turno di Kovacs

In questo momento, l’Observer of Public Immunization riferisce che ci sono 10 milioni e mezzo di persone con una dose e 3 milioni infettati con entrambe. Se l’attuale tasso di vaccinazione verrà mantenuto, il governo arriverà alla fine di luglio non lontano dall’obiettivo fissato, sebbene la maggior parte di loro abbia ricevuto solo la prima dose.

Dei 30 milioni di vaccini distribuiti da Covax in America Latina, meno del 10% proveniva da Pfizer. Lo scandalo che l’opposizione ha cercato di mettere insieme per il presunto rifiuto del governo di ricevere questo vaccino è insostenibile.

Non è un ente di beneficenza. Nonostante i finanziamenti, nel caso dell’Argentina i vaccini vengono pagati. Oltre ai governi e all’Organizzazione mondiale della sanità, Covax ha rappresentanti dell’industria e di altri attori del mercato. Covax non avrebbe mai consegnato i vaccini di Pfizer a un paese che non avesse terminato le negoziazioni con quel laboratorio perché avrebbe interferito con l’accordo.

READ  Il Botox può proteggere le persone dal contrarre il COVID-19?

Pfizer non fornisce, non ottiene CABA

Insieme a Sputnik e Moderna, Pfizer è tra i tre vaccini con un’efficacia superiore al 90%. Ma è più costoso e trattarlo è un problema perché deve essere tenuto a meno 70 gradi. E se lo facesse, nulla cambierebbe. Il Cile ha firmato contratti per ottenere 10 milioni di vaccini da Pfizer nel dicembre dello scorso anno e la prima spedizione è stata di 21.000. Diversi mesi dopo, ha avuto due milioni di visite e la maggior parte della sua campagna ha dovuto svolgersi con il cinese Sinovac. Il Brasile ha contratti con Pfizer per cento milioni di vaccini e ne ha ricevuti solo un milione. Tutti i laboratori hanno mostrato ritardi dovuti alle pressioni sui mercati.

Un altro punto controverso era che l’opposizione ha respinto l’attenzione del governo nazionale sull’acquisto di vaccini e altre forniture sanitarie. Questo sistema è stato attuato per impedire al Paese di moltiplicare tra le province le difficoltà causate dalla disuguaglianza tra nazioni ricche e povere, sebbene la legge adottata sulla somministrazione dei vaccini consenta a ciascuna provincia, se vuole e può, di sviluppare i propri acquisti. Mercoledì, il governo Kappa ha riferito che i suoi sforzi con Pfizer, AstraZeneca e Moderna erano falliti. Ma venerdì, la persona che ha annunciato di aver firmato un contratto per dieci milioni di vaccini con l’India non era un governante dell’opposizione, ma Axel Kiselov. Ha detto che avrebbe comunque fornito i vaccini Covaxin al governo nazionale.