Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Qual è il programma economico di Gabriel Borek per il nuovo Cile | Misure di trasformazione strutturale del paradigma neoliberista

riforme fiscali, in uno dei paesi più diseguali dell’America Latina, e il sistema pensionistico, dove da decenni si saccheggia i gestori del Fondo Pensione (AFP), sembra che Due assi principali del programma economico del presidente eletto cileno, Gabriel Borek.

Fuori dal lato tecnico, ci sarà uno spettacolo politico in Cile a partire 11 marzo 2022Che di fatto ha portato nel 2019 alla ribellione al paradigma liberale, che ha portato alla nascita di un’Assemblea Costituente che proporrà anche l’anno prossimo una nuova Magna Carta. Che, come sarà, a che ora andrà il destino del nuovo e giovane presidente, è vedere se il popolo cileno è nell’interesse di Hanno cambiato il modello imposto dal dittatore Augusto Pinochet e dai suoi figli a Chicago con sangue e fuoco.

A giudicare dal risultato elettorale, oltre il 44 percento desidera ancora questo modello, figuriamoci quello Al primo turno, la destra ha vinto molti seggi in Parlamento tra tutte le sue fazioniChe servirà a fermare ciò che minaccia la sua ragion d’essere: Proprietà e controllo della ricchezza del paese da parte di un’élite molto coesa.

Tre assi di governo

Ex socialista (PS) Marcelo Diaz, l’ex ambasciatore in Argentina, fa parte della squadra politica di Borek, potrebbe far parte del gabinetto e sentirsi dire monetario: Ci sono tre assi che seguiremo: Uno Riattivazione con timbro verde e viola (vale a dire con investimenti per una nuova economia ambientale e la creazione di una generazione di posti di lavoro che diano priorità alle donne), a Riforma del sistema AFP e posta in sanitàNon c’è più una distinzione completa tra ricchi e poveri.

Elisabetta Gerber, direttore della Fundación Chile 21 e accademico dell’Università di Santiago del Cile, ha aggiunto:Sfida Borek (fronte finanziario, rapporto stato-mercato, redistribuzione della ricchezza) È sullo sfondo politicoPerché le azioni intraprese mettono in pericolo il dominio del mercato e danneggiano gli interessi della società, come l’imposta sul patrimonio e le royalty minerarie”.

Ha anche osservato che “questo richiederà accordi politici al Congresso, dove non c’è maggioranza, e ci sarà un nuovo attore che si opporrà a tali cambiamenti e avrà un ampio blocco conservatore/repubblicano. A sua volta, il voto alto per Porich e il record di partecipazione di cui parlano a Forte sostegno dei cittadini al progetto di trasformazione“.

Jose Carcamo, l’economista cileno e professore all’Università di Buenos Aires, ha evidenziato un passaggio del discorso di Borek nel Giorno della Vittoria, domenica: “La crescita economica basata sulla profonda disuguaglianza ha piedi di fango”.. Ha aggiunto che “anno dopo anno in termini di sviluppo umano, secondo le Nazioni Unite, il Cile è in ritardo a causa della massiccia disuguaglianza nella distribuzione del reddito e nell’accesso alla salute, all’istruzione e alla pensione dignitosa”, questioni che saranno al centro del prossimo amministrazione che riunirà le forze del Fronte largo e del Partito Comunista, con l’appoggio di Da alcuni settori del precedente accordo.

READ  Gli Stati Uniti hanno condannato le dichiarazioni antisemite del presidente turco sul conflitto tra Israele e il movimento terrorista di Hamas

Due obiettivi principali: AFP e tasse

C’erano due superlativi del Cile moderno ma diseguale, a cominciare da Pinochet in poi, Sistema pensionistico privato e regressione fiscale. Entrambi hanno cementato un modello che i neoliberisti avevano dimostrato di avere successo, ma che nascondeva le radici di a Un’apparente ingiustizia sociale di cui pochi beneficiano.

Marco Kramermann, ricercatore della Fundación Sol e uno dei principali studiosi sul caso AFP in Cile, identifica che solo 7 gruppi stanno lavorando: MetLife, Prudential e Principal dagli Stati Uniti; capitale della Comunità Sora in Colombia; Heitat, la capitale statunitense del Cile; e due locali più piccoli, Modelo, del gruppo Sonda della famiglia Navarro, e Uno.

spiegare a monetario Quali sono i pensieri di Borek sul sistema pensionistico? Ha spiegato che ci saranno due aree di lavoro. “Da un lato, subito Piano garantito 250.000 pesos cileni (70 percento dell’attuale salario minimo in Cile, l’equivalente di $ 400) Per tutti i pensionati senza dover fare affidamento su alcun contributo previo. Inizierà includendo il 20 percento delle persone più povere fino a coprire l’intero spettro”.

Secondo Kremman, poiché “non è incorporato nel sistema dei contributi privati” ed è quindi raccolto da tutti, prevale un modello disuguale, poiché verrà imposto sia a coloro che non hanno ricevuto nulla prima sia a coloro che hanno già ricevuto un pensione per AFP. . Infatti, il presidente uscente, Sebastian Pinera, e anche le società di gestione dei fondi hanno accettato un aumento, anche se inferiore.

Oggi, di tutti i cileni in età pensionabile, solo il 60 per cento è coperto dal censimento, con un reddito di base di 165.000 pesos. Pertanto, questa procedura migliorerà la situazione.

secondo asse La proposta di pensionamento di Borek È più moderato di quello condotto dal Fronte Amplio nelle precedenti elezioni presidenziali (quando è uscito terzo con la candidata Beatriz Sanchez ed è quasi entrato nelle urne), ed è stato avallato e avallato dal coordinatore di Trabagadores no Mas. Lo ha detto l’esperto all’Afp. Si tratta di andare contro l’AFP dopo l’aumento dei benefici per la pensione e chiedere accordi al Congresso, dove né la sinistra (né la destra) hanno la maggioranza, il che costringerà a negoziati permanenti.

Come sarà la riforma delle pensioni?

La riforma inizierà alzando il contributo del lavoratore dal 10 al 16 per cento (In Cile, il datore di lavoro paga molto poco per l’onere sociale, nemmeno vicino al 50 percento raccomandato dall’Organizzazione internazionale del lavoro.) “Con questo denaro aggiuntivo verrà finanziato il nuovo sistema pubblico a cui vengono trasferiti i soldi dell’AFP, che resterà solo per coloro che sono disposti a contribuire volontariamente. Ma la proposta non ha un interesse definito (non si sa cosa percentuale del patrimonio sarà trasportata quando)”, ha detto Kremermann. diventa un impegno), ma un contributo concreto”.

Ha notato che ci sarebbero due campi: “Uno per i conti collettivi e uno per i conti individuali, che non è l’idea originale del Fronte Amplio. sistema misto E dove si conserva il capitale individuale, per Borek possono nascere due tensioni, sia dai fondi pensione che resisteranno, sia dai gruppi contrari alla riforma non macro. “

READ  La guerra in Ucraina: tensioni, trasformazioni e un disegno di legge del Dipartimento di Stato per la posizione dell'Argentina contro la Russia

a foto di Fernando Carmona, che proviene da PC e fa parte del team economico di Boric, La riforma delle pensioni è legata alla discussione della nuova costituzione. “L’idea di Pinochet, che è ancora valida, non parla di sicurezza sociale ed è per questo che ha aperto la strada all’AFP. Ci auguriamo che il nuovo documento Magna Carta stabilisca che i fondi pensione dovrebbero essere della Previdenza Sociale e che questo essere una guida per le riforme. Aiuterà il processo al Congresso, anche se difficile, ad essere più veloce ea lasciare fuori luogo il sistema attuale, salvo contributi volontari”. anche detto monetario aspettatelo Le scorte accumulate dalle forze armate delle Filippine vengono gradualmente trasferite all’ordine pubblico”..

Cosa sono le proposte fiscali?

Il problema sarà al Congresso. Diaz ha commentato che il prossimo partito di governo avrà la maggioranza semplice alla Camera, ma al Senato c’è un 25 a 25, quindi sì o sì bisognerà rompere il blocco almeno al minimo a destra. Inoltre, hanno una maggioranza speciale in un sistema molto complesso a seconda del disegno di legge in votazione, con 2/3, 3/5 e 4/7 dei voti. da questa parte Le riforme non saranno facili e dipenderanno dalla pressione popolare.

L’altro grande asse che Borek spera di portare a veri cambiamenti è le tasse. Tutti gli intervistati lo hanno elencato come segue:

* Un nuovo schema con maggiori entrate minerarie, ovvero per ottenere più risorse dal settore più redditizio dell’economia cilena.

* Rifusione dell’imposta sul reddito, che è stata finora indebolita dalle grandi fortune delle imprese non distinguendo tra profitti aziendali e personali.

* Annullamento delle esenzioni e supporto per altri settori come la vendita di azioni e altri.

* Tasse sui ricchissimi e eredità.

Cosa fare con le royalties delle compagnie minerarie

Carmona, Caramo e Crimman hanno concordato il set di dati dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE, di cui il Cile è membro): Il paese ha il peggior record di imposte sul reddito e sul patrimonio.

vice Foto di Camila Vallejos Ha presentato una riforma alla Camera dei Rappresentanti per intervenire in questa situazione, ma non ha funzionato. “Puoi riprovare”, disse Carcamo. Ha anche sottolineato, come Carmona, che i rendimenti minerari esistono ma sono molto bassi. “Dovrebbe salire molto ed essere usato per riparare i danni ambientali”, ha detto.

Questo caso è un esempio di ciò che la destra cercherà di fermare al Congresso, compreso il partito di Pinera, indagato per trattative ed evasione fiscale nel caso della miniera di Dominga: per approvare modifiche a questo schema servono i 3/5 dei voti in entrambe le case legislatori.

READ  Kazakistan: decine di morti e migliaia di feriti nel quinto giorno di proteste | La Russia e i suoi alleati hanno inviato truppe per affrontare i manifestanti

Secondo Gerber, La riforma fiscale è anche la chiave per aumentare la spesa scientifica e tecnologica, che in Cile è molto basso in rapporto al PIL (0,2 per cento) e che sono “essenziali per la trasformazione produttiva e il ripristino del dinamismo economico, l’utilizzo delle risorse naturali in modo compatibile con l’ambiente e la promozione della ricerca e dell’innovazione in nuovi settori” .

Rileva inoltre che, al riguardo, “c’è tensione su tre bisogni: redistribuzione della ricchezza, finanziamento del programma di governo (stimato in 12.500 milioni di dollari), e riduzione degli squilibri fiscali. In percentuale del PIL, la nostra raccolta è molto stagnante rispetto ad altri paesi della regione.” OCSE”.

Kramermann, a sua volta, ha sostenuto che “La riforma fiscale è al centro del problema del Cile. Oggi la pressione fiscale raggiunge a malapena il 20% del PIL. Dovrebbe raggiungere il 28 o il 30 percento in un periodo di due governi. Il programma di Boric punta a salire di 5 punti nel suo mandato. Inoltre, l’onere della riscossione è dato in Iva e non in imposte progressive sul reddito e sugli utili, e l’evasione fiscale è alta”.

Altre metriche per un cambio di paradigma radicale

Il cosiddetto “mercato” non ha accolto molto bene Borek. Il lunedì dopo la sua vittoria, quando le feste popolari erano nuove, dollaro Passò da 840 a 874 pesos e Borsa di Santiago Ha aperto con un calo del 7,45%, guidato dal calo dei titoli minerari, e ha mantenuto quella tendenza negativa su tutta la ruota, il calo più evidente da quando la sinistra ha prevalso anche nell’Assemblea Costituente.

Al nuovo presidente che vuole anche Creazione della Banca nazionale per lo sviluppo, riduzione dell’orario di lavoro, stabilizzazione della società statale per il litio, chiusura di Isapre (aziende sanitarie private) per costruire un sistema sanitario completo, i media mainstream definiscono già la sua sfera “nominando” i suoi principali collaboratori economici.

Andrea Repetto all’erario, nel qual caso sarà la prima donna in carica? Roberto Zahler in banca centrale? Sebbene siano voci, indicano che l’establishment vuole ex funzionari del Partito della Concordia Democratica che ha governato il Cile senza cambiare molto con Patricio Aylwin, Eduardo Frei, Ricardo Lagos e Michelle Bachelet. L’ex CD si è avvicinato a Borich nella fase finale della vittoria, che per inciso ha aiutato sul fronte elettorale del ballottaggio.

Un altro conflitto che provocano o inventano è la lotta tra i socialdemocratici moderati e i ribelli del Partito Comunista, così come la reazione ovunque ci siano alleanze popolari: cercare la divisione, scelta tragica per Salvador Allende, che Borek ha citato in il suo discorso. un Scenario impegnativo di un giovane venuto dall’estremo sud del Cile.