Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Putin ha affermato che sconfiggere la Russia in Ucraina è “impossibile” |  Tucker Carlson ha rilasciato un'intervista esclusiva al presidente russo

Putin ha affermato che sconfiggere la Russia in Ucraina è “impossibile” | Tucker Carlson ha rilasciato un'intervista esclusiva al presidente russo

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto all’Occidente che sconfiggere la Russia in Ucraina era “impossibile”. In una lunga intervista al giornalista conservatore americano Tucker Carlsonl'ex conduttore della Fox, andrà in onda questo giovedì.

Carlson è vicino al candidato alla Casa Bianca ed ex presidente repubblicano Donald Trump. Hanno posto alcune domande difficili e hanno ascoltato il punto di vista di Putin sulla storia russa, dipingendo il Paese come una vittima dei tradimenti occidentali.. Il presidente russo ha difeso la sua decisione di invadere l’Ucraina nel febbraio 2022, affermando che l’Occidente ora si rende conto che la Russia non sarà sconfitta, nonostante gli aiuti statunitensi, europei e della NATO a Kiev. Ha aggiunto: “C'era chiasso e grida di infliggere una sconfitta strategica alla Russia sul campo di battaglia, ma ora sembrano rendersi conto che è difficile raggiungere questo obiettivo, anche se fosse possibile. Secondo me, è impossibile per definizione .” .

Ha anche colto l'occasione per inviare Un messaggio al Congresso americano, dove i repubblicani, sotto l’influenza di Trump, sono diventati sempre più riluttanti a continuare a sostenere l’Ucraina con armi e aiuti militari.. “Vi dirò cosa diciamo su questo tema e cosa trasmettiamo ai leader americani. Se vogliono davvero fermare i combattimenti, dovrebbero smettere di fornire loro armi”, ha detto. Alla domanda se Mosca prenderebbe in considerazione l’idea di invadere altri paesi della regione come la Polonia e la Lettonia, due membri della NATO, o l’intero continente europeo in generale, Putin ha risposto di “non avere alcun interesse”.

Ha inoltre escluso che i rapporti tra Washington e Mosca cambieranno con l'elezione di un nuovo presidente degli Stati Uniti il ​​5 novembre, molto probabilmente in un duello tra il democratico Joe Biden e Trump. “Mi hai appena chiesto se arriva un altro leader e cambia qualcosa? Non si tratta del leader. Non si tratta della personalità di una persona in particolare.” Ha risposto nell'intervista registrata martedì.

Carlson non ha posto domande a Putin sulla sua relazione con Trump. Quando era presidente e dopo la sua sconfitta contro Biden nelle elezioni presidenziali del 2020, Trump ha più volte elogiato Putin, e il polo repubblicano non ha condannato l’invasione dell’Ucraina, e nelle sue manifestazioni sottolinea che se verrà rieletto, potrà risolvere la guerra. In “24 Ore”, senza spiegare come.

Questi sono stati alcuni dei messaggi più importanti di Putin durante l'intervista, secondo la BBC.

1. Invadere la Polonia, la Lituania o qualsiasi altro paese della NATO è “assolutamente fuori discussione”

Il presidente russo ha escluso un'invasione della Lituania, della Polonia o di qualsiasi altro paese della NATO, affermando che questa possibilità è “assolutamente fuori discussione”.

L’invasione dell’Ucraina ha fatto temere agli Stati baltici, alla Polonia e ad altri paesi europei che la Russia possa lanciare le sue forze anche contro di loro.

READ  L'Argentina sarà la prima destinazione di Borek quando | Anche Lagos, Bachelet e Pinera hanno scelto Buenos Aires come prima destinazione

Infatti, preoccupati per questa possibilità, Finlandia e Svezia, due paesi tradizionalmente rimasti neutrali nella battaglia tra Mosca e l'Occidente, hanno deciso di presentare domanda di adesione alla NATO.

Nell’intervista Putin ha escluso la possibilità di un’altra invasione. Ha detto che ciò accadrebbe solo in un caso, “se la Polonia attaccasse la Russia”.

Sebbene il presidente russo abbia rifiutato ogni possibilità di lanciare un attacco contro un paese della NATO,… Lui ha sottolineato che la NATO deve accettare il mantenimento da parte della Russia dei territori ucraini da essa occupati Dall'inizio delle ostilità.

2. Se gli Stati Uniti vogliono porre fine alla guerra, “devono smettere di fornire armi all'Ucraina. Sarà finita tra poche settimane”.

Carlson ha chiesto al presidente russo se intendesse parlare direttamente con il presidente americano Joe Biden per raggiungere un accordo per porre fine alla guerra in Ucraina.

Putin è stato deciso a garantire i contatti tra alcune agenzie russe e americane, ma “non c’è nulla di cui parlare” finché gli Stati Uniti continuano a inviare armi all’Ucraina, una politica che ha descritto come un “errore strategico”.

“Vi dirò davvero cosa stiamo cercando di far capire alla leadership americana: Se vuoi davvero fermare i combattimenti, devi smettere di fornire armi. Tra qualche settimana finirà.“, Egli ha detto.

La risposta di Putin arriva mentre il Senato degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge che amplierebbe gli aiuti militari all’Ucraina di 61 miliardi di dollari, ma deve affrontare una forte opposizione nella Camera dei Rappresentanti controllata dai repubblicani, che comprende dozzine di alleati di Trump che hanno ripetutamente votato contro gli aiuti. A Kiev.

In contrasto con la posizione di Putin, i sostenitori dell'Ucraina spesso dicono che è Mosca che dovrebbe deporre le armi. “Se la Russia smette di attaccare, la guerra finirà”, dicono, “ma se l’Ucraina smette di difendersi, l’Ucraina finirà”.

3. “Non possono infliggere una sconfitta strategica alla Russia”.

Il presidente russo ha fatto riferimento allo sviluppo degli armamenti da lui promosso in Russia.

Lo ha giustificato con il rifiuto dei successivi governi americani di accettare le sue proposte sul disarmo nucleare.

Pur negando che il suo Paese stia pianificando di avviare azioni offensive contro qualcuno, Putin ha sottolineato ciò che considera un progresso nell’industria militare russa, come i sistemi d’arma ipersonici, più avanzati, ha detto, di quelli di altri paesi.

Ha avvertito che i governanti occidentali si sono resi conto “che non potevano infliggere una sconfitta strategica alla Russia”.

4. “L’Ucraina è uno stato artificiale formato per volontà di Stalin”.

Durante l’intervista, Putin ha fornito una serie di riferimenti storici, alcuni risalenti al XIII secolo. Tuttavia, si concentrava principalmente sui dettagli della storia dell’Unione Sovietica negli anni precedenti la Seconda Guerra Mondiale.

READ  Allarme nel Regno Unito: avvertono che l'alternativa...

In particolare, ha affermato che l'idea dell'Ucraina come paese facente parte dell'Unione Sovietica è nata “inspiegabilmente” dalla mente del leader sovietico Vladimir Lenin.

Lui ha sottolineato che la creazione dell'Ucraina è il prodotto del programma di “insediamento” delle regioni Imposto dall’Unione Sovietica sul suo territorio nel tentativo di rafforzare le lingue e le culture nazionali.

Ha aggiunto che alla fine della guerra, sotto Stalin, l'Ucraina ha ricevuto aree sia dalla Polonia che dall'Ungheria, dove vivono ancora persone che parlano ungherese o polacco. La sua conclusione fu: “L’Ucraina è uno stato artificiale formato per volontà di Stalin”.

Tuttavia, lo storico Matthew Leno dell’Università di Rochester ha sottolineato che, sebbene non sia possibile trovare una storia dello stato ucraino prima del 1918, non c’è dubbio che ora sia uno stato nazionale. “Putin sostiene che non esiste una storia ucraina separata da quella russa, ma questo non è vero”.Leon ha detto in un'intervista del marzo 2022.

“Tra i parlanti ucraini e nelle terre che oggi compongono l'Ucraina, ci sono state molte esperienze diverse. A volte appartenevano a paesi e regni diversi”, ha aggiunto. “Ma c'è stata un'interazione tra i parlanti ucraini durante gran parte di questa storia e hanno sviluppato un identità comune, soprattutto dopo la metà del secolo.” XIX”.

5. “Si può raggiungere un accordo” per liberare il giornalista americano detenuto in Russia

Putin ha fatto riferimento alla situazione di Ivan Gershkovich, giornalista del Wall Street Journal imprigionato in Russia con l'accusa di spionaggio.

Putin ha affermato di credere che sia possibile raggiungere un accordo per il rilascio di Gershkovitch (32 anni) “se i nostri partner adotteranno misure reciproche”..

“I servizi speciali sono in contatto. Stanno parlando… Penso che si possa raggiungere un accordo.”

Gershkovich, giornalista del Wall Street Journal, è stato arrestato nella città di Ekaterinburg, a circa 1.600 chilometri a est di Mosca, il 29 marzo dello scorso anno.

A gennaio la Russia ha nuovamente prolungato la sua detenzione preventiva fino alla fine di marzo. Se condannato rischia fino a 20 anni di carcere.

Carlson ha chiesto a Putin se voleva rilasciare immediatamente il giornalista e ha detto: “Lo rimanderemo negli Stati Uniti”.

Il giornale per cui lavora e il governo americano sostengono che il giornalista sia stato detenuto illegalmente.

Putin ha accennato a chi la Russia accetterebbe nell’accordo sullo scambio di prigionieri. Ha dichiarato: “Personalmente, per sentimenti patriottici, [que] Eliminare un bandito in una delle capitali europee…durante gli eventi nel Caucaso.”

Si tratta quasi certamente di un riferimento a Vadim Krasikov, un sicario dell'FSB attualmente imprigionato in Germania dopo aver sparato a un ufficiale militare georgiano, Zelimkhan Khangoshvili, in un parco di Berlino nel 2019.

6. “Gli Stati Uniti hanno promesso che la NATO non si sarebbe espansa, ed è successo cinque volte”.

Parte della lunga spiegazione storica di Putin a Tucker Carlson si riferiva alle varie occasioni in cui si diceva che gli Stati Uniti avessero informato la Russia che la NATO non si sarebbe espansa verso est nelle vicinanze della Russia.

READ  Senza menzionare Lula o la sua sconfitta, Bolsonaro ha detto che avrebbe rispettato "tutti i comandamenti della costituzione".

Secondo il presidente russo, diversi leader (anche se non ne ha nominato nessuno in particolare) hanno promesso al Cremlino che la NATO non si espanderà. Per Putin, con la disintegrazione dell’Unione Sovietica, non c’era più bisogno di una tale organizzazione.

Tuttavia, l’argomentazione di Putin non è nuova. Il predecessore di Putin, Boris Eltsin, affermò nel 1993 che l’espansione della NATO verso est era “illegale”.

Yevgeny Primakov, l’ex ministro degli Esteri russo, ha sostenuto un argomento simile quando ha affermato di aver ricevuto un impegno in tal senso. “Nessun paese che si ritirerà dal Patto di Varsavia aderirà alla NATO”..

Tuttavia, secondo Christina Spohr, professoressa di storia internazionale alla London School of Economics, l’unico impegno preso nei confronti della Russia è avvenuto dopo la caduta del muro di Berlino, quando Mosca ha accettato di ritirare 380.000 soldati di stanza nella Germania dell’Est e in Germania. Saranno sostituiti dalle forze NATO.

A quel tempo, James Baker, segretario di stato di George H.W. Bush, lo avrebbe informato che le forze della NATO non si sarebbero spostate “nemmeno di un centimetro verso est”, riferendosi piuttosto al confine tra la Germania occidentale e quella orientale.

Intervista controversa

L'intervista è stata preceduta da polemiche. Alcuni analisti lo interpretano come: Un tentativo di Putin di influenzare gli elettori americani in un anno in cui dovrà ancora una volta eleggere il proprio presidente. Sottolineano inoltre che ciò accade in un momento in cui il Congresso degli Stati Uniti incontra difficoltà nei negoziati per approvare più fondi per fornire aiuti militari all’Ucraina a causa del rifiuto dei legislatori repubblicani vicini a Donald Trump. L'ex presidente si è lamentato degli aiuti miliardari inviati da Washington all'Ucraina e ha chiesto la fine dell'escalation del conflitto.

C'è stata polemica anche su un video promozionale precedentemente pubblicato da Carlson in cui affermava che “nessun giornalista occidentale” era interessato a incontrare Putin dal 2022 per ascoltare le sue argomentazioni. Le sue dichiarazioni hanno suscitato critiche per la presenza di un gran numero di giornalisti di vari organi di informazione che affermano di aver più volte richiesto interviste al presidente russo ma non le sono mai state concesse. Tra loro c'è Steve Rosenberg, direttore della BBC Russia. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha confermato di aver rifiutato ulteriori interviste prima di incontrare Carlson.