Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Progressi nella medicina riproduttiva: l’intelligenza artificiale potrebbe rivoluzionare i trattamenti per la fertilità

Progressi nella medicina riproduttiva: l’intelligenza artificiale potrebbe rivoluzionare i trattamenti per la fertilità

A livello globale, si stima che circa 48 milioni di coppie soffrano di infertilità, ovvero circa il 15% di quelle in età fertile. A 10 anni dall’entrata in vigore della Legge Nazionale sulla Fecondazione Assistita (26862), il numero delle nascite dovute al trattamento è in aumento in Argentina. Apparizione del dottor Rodolfo Agustin Pasqualini.

04 luglio 2023 14:30

Secondo il Organizzazione mondiale della sanità (OMS), L’infertilità è una condizione che colpisce sia uomini che donne ed è caratterizzata dall’incapacità di concepire nonostante almeno 12 mesi di rapporti regolari senza contraccezione.

In tutto il mondo, si stima che alcuni 48 milioni di coppie soffrono di infertilitàChe rappresenta circa il 15% di quelli in età fertile. Nel frattempo, il tasso di successo per i trattamenti di fertilità è solo tra il 10% e il 40%, percentuali che possono diminuire con l’età. 10 anni dopo l’approvazione del National Assisted Fertilization Act (26.862), Forbes ha parlato con Rodolfo Agustin Pasqualini (MN 102.009), Halitus Direttore Sanitario e portavoce del Laboratorio Ferring, Specializzato in Medicina della Riproduzione.

Quanti bambini nascono ogni anno in Argentina con la fecondazione assistita?

In Argentina esiste il Registro Argentino di Fecondazione Assistita (RAFA), che fa parte della Società Argentina di Medicina della Riproduzione (SAMER). Il registro è responsabile della conservazione dei dati sui cicli di trattamento annuali che si svolgono nel paese. Il conferimento dei dati è volontario, ovvero non vi è alcun obbligo di segnalazione, anche se molti lo fanno, come non tutti lo fanno, c’è sicuramente una sottosegnalazione dei dati.

Ci sono cambiamenti rispetto agli anni precedenti?

Sicuramente sì, per due motivi. Il primo è che nel corso degli anni e grazie ai miglioramenti nei risultati dovuti ai progressi tecnologici (miglioramenti nei media culturali, ecc.), I trattamenti stanno diventando più efficaci Quindi ci sono sicuramente più gravidanze. E la seconda cosa è che dal 2013 abbiamo una legge nazionale sulla fecondazione assistita, che dà accesso alle cure a tante persone che magari senza quella legge non potrebbero farsi curare in un certo modo.

READ  Il "leader" italiano dei vaccini finisce in ospedale causa Covid e chiede di "seguire la scienza"
Rodolfo Agustin Pasqualini.

– All’interno dei trattamenti di riproduzione assistita, qual è il rapporto tra bassa e alta complessità (e all’interno di questi trattamenti, IVF, IVF, ICSI)?

Bassa complessità è attualmente molto poco. Fondamentalmente perché dentro L’età media per la prima consultazione è di circa 38 anni E spesso per vari motivi, non solo per l’età, è opportuno fare un invito. Ovviamente questo deve essere analizzato in ogni caso particolare ed è difficile generalizzare, ma la verità è che l’inseminazione intrauterina viene eseguita raramente.

Ciò significa che La maggior parte dei trattamenti è molto complessa e circa il 70% di essi viene eseguita con le sue stesse uova.e il 30% con ovociti donati. È importante notare che questo numero è aumentato negli anni anche a causa dell’aumento dell’età, soprattutto nelle donne e della prevalenza di una bassa riserva ovarica anche nelle giovani donne.

– Quali sviluppi e tecnologie vengono incorporati nel campo della medicina riproduttiva?

La genetica e tutte le sue applicazioni per la diagnosi e la prevenzione delle malattie hanno rappresentato un importante progresso. Sia lo screening per malattie recessive con esami del sangue della coppia che si sottoporrà al trattamento, sia lo studio genetico degli embrioni prima dell’impianto, o PGT. ma indubbiamente, Ciò che arriva ora è l’intelligenza artificiale e la sua applicazione per aiutare nella selezione dello sperma, nella classificazione delle uova e nella selezione embrionale. Per aiutarci in definitiva a migliorare i risultati per i nostri pazienti.

– Com’è l’Argentina rispetto ad altri paesi della regione in termini di progresso, tecnologie e accesso ai trattamenti per la fertilità?

Il nostro paese in termini di accesso è il leader in America Latina, quindi l’accesso è molto buono. Ci sono chiaramente alcune questioni che devono essere migliorate, ma in termini di progressi stiamo andando molto bene. Conosciamo le difficoltà che questo paese deve affrontare e, nonostante ciò, I centri fanno un grande sforzo per rimanere al passo con la tecnologia. Tutti i nostri input e le nostre apparecchiature vengono importati, il che a volte lo rende più impegnativo. nella stessa vena, Una questione importante è quella delle importazioni, che a volte significa che i fornitori non hanno gli input per rifornire i centri..

READ  Le otto puntate "sotto l'armadio" che questa star del lusso femminile ha sempre

– In che modo la promulgazione della legge nazionale sulla riproduzione assistita ha influito sull’Argentina?

Penso che ci siano diversi punti da analizzare, poiché ci sono anche molti attori in questa fase. I pazienti hanno beneficiato di avere accesso ai trattamenti necessari per ciascuno di loro. I finanziatori hanno dovuto incorporare trattamenti ad alto costo nelle loro pratiche fornite agli affiliati, in un sistema in cui sappiamo che i costi hanno un impatto diretto sulla loro efficienza. Inoltre, I centri di fertilità hanno dovuto adeguarsi al modo in cui operano in base a un accordo e adeguarsi ai valori e ai termini di pagamento di ciascun finanziatore.

Fertilità (1)

– Cosa è cambiato principalmente nella medicina riproduttiva dall’inizio della pandemia?

La pandemia ha colpito tutti noi e la medicina riproduttiva non è estranea. I centri di fecondazione sono chiusi e gestiscono solo le emergenze, alcuni per mesi. Successivamente, le attività sono state gestite in modo molto rigoroso e, secondo i suggerimenti di Samer, le attività sono state riattivate. Il 2021 non è stato lo stesso di prima della pandemia ma già Nel 2022 si stanno raggiungendo più cicli rispetto al periodo pre-pandemia, quindi ora le cure sono aumentate.

Fondamentalmente ciò che stiamo vedendo al rialzo è Congelamento degli ovuli e riduzione dell’età delle donne che lo desiderano. Aveva una media di 38 anni e ora ne ha circa 35. Oggi il congelamento delle uova è diventato una realtà per quelle donne che, per vari motivi, vogliono posticipare la maternità. E dopo la pandemia, è stato anche osservato che le donne anziane si consultano per la maternità.

Quali sono le principali questioni relative alla medicina riproduttiva su cui è necessario lavorare?

Indubbiamente informazioni. Soprattutto per le giovani donne per quanto riguarda gli effetti dell’età sulla gravidanza. Sebbene le donne oggi siano molto attive e si dedichino maggiormente alle cose personali, L’orologio biologico rimane lo stesso e la migliore fertilità si trova fino all’età di 35 anni. Poi fino al 37 rimane stabile e dopo il 38 inizia a calare. È chiaro che c’è una gravidanza, quindi non c’è nulla da temere, ma la qualità delle uova diminuisce.

READ  Filmus apre QUBIC: "La passione fa nascere un progetto che funziona da 15 anni"

Ecco perché è bene che quando ti rivolgi a un ginecologo o a uno specialista in medicina della riproduzione chiedi informazioni riserva ovarica E ricevere informazioni per poter prendere decisioni. Oggi è molto facile scoprirlo con un esame del sangue e un’ecografia.

Quando si parla di pianificazione familiare, viene in mente la contraccezione. Probabilmente dovremmo chiamarla la pianificazione riproduttiva più completa che include sia la contraccezione che il congelamento degli ovociti.

Fortunatamente oggi Al giorno d’oggi si parla più di trattamenti e non è più un tabù. Quello che devi rispettare è il momento di ogni individuo e non essere aggressivo se non ti dicono dove sei in termini di voler essere una madre. Penso che i tempi di tutti vadano rispettati, per questo noi di Halitus ci uniamo alla campagna del Laboratorio Ferring per fermare questa domanda, che alcuni a volte fanno per scherzo su di te quando?

– Cosa succede agli embrioni o ai gameti che rimangono nelle banche?

Sebbene esista una legge sulla copertura con regolamenti, non esiste alcuna regolamentazione sui feti. Oggi sono molti gli embrioni congelati da anni ei genitori non hanno più contatti con i centri E i centri non hanno modo di contattarli. Viene fatto un censimento RAFA per vedere di quanto si parla Ma, senza dubbio, la regolamentazione è necessaria sia per i pazienti che per i centri.