Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Problemi per la Bce in Italia e Germania

Problemi per la Bce in Italia e Germania

Negli ultimi dieci anni, la BCE ha intrapreso un ampio programma di allentamento quantitativo – o stampa di denaro a basso costo – per contrastare la deflazione e, soprattutto, impedire che paesi come l’Italia falliscano.

Se nessuno di un Paese membro vuole obbligazioni, la banca centrale interverrà sempre per acquistarle (noto come “fare ciò che è necessario” per proteggere l’euro, come ha affermato Mario Draghi, ex capo dell’Autorità monetaria comunitaria suprema). Con una somma pari all'82% del Pil, la Bce ha stampato più moneta della Federal Reserve Bank degli Stati Uniti, con il 36% del Pil, o della Banca d'Inghilterra con il 39% del Pil.


Le banche centrali dei paesi membri dell’Eurozona sono state costrette ad acquistare obbligazioni a tassi di interesse prossimi allo zero. Ora devono pagare commissioni più alte per il denaro depositato presso di loro. Allo stesso tempo, i grandi squilibri finanziari all’interno della regione, con ampi surplus commerciali in Germania e deficit altrove, devono essere riciclati attraverso il sistema bancario, creando più passività. Ora non c'è fine ai numeri rossi in vista.


I banchieri centrali hanno promesso, come ha fatto il massimo dirigente della Bundesbank lo scorso febbraio, che non andranno in bancarotta (qualunque cosa!), ma non è affatto rassicurante dover assicurare a tutti che non lo faranno. Fallimento.. In un documento di lavoro dell’anno scorso, il Fondo monetario internazionale ha assicurato a tutti che “ “Le perdite, anche se grandi, sono temporanee e reversibili.”. Ha riconosciuto che i governi non otterranno nessuno dei benefici di cui godono le loro banche centrali e purtroppo dovranno aumentare le tasse. Ma non hanno bisogno di essere salvati.

READ  Catturano Sylvester Stallone mentre cammina con una donna misteriosa in Italia


Vedremo. In realtà ci sono tre problemi principali. Innanzitutto, resta da vedere se l’inflazione sarà davvero sotto controllo e se i tassi di interesse diminuiranno in modo duraturo.


In secondo luogo, Se i deficit italiani non finiscono e non ci sono segnali di un ritorno a una crescita sostenibileLa BCE potrebbe dover continuare ad acquistare questi titoli per evitare che la speculazione danneggi il Paese.


Ricapitalizzazione


E infine, e soprattutto, Se la Bundesbank venisse in qualche modo ricapitalizzata dal governo di Berlino, Ciò metterà sicuramente fine alla pazienza degli elettori tedeschi nei confronti della valuta sociale e della politica guidata da Christine Lagarde. È stato loro ripetutamente detto che l’euro non significava che sarebbero stati costretti a salvare altri paesi, una promessa che sarebbe stata chiaramente non mantenuta. La fiducia viene distrutta per sempre con risultati imprevedibili. Se la Bundesbank è nei guai (a febbraio aveva promesso di assorbire quasi 20 miliardi di accantonamenti), lo sarà anche l’Eurozona, anche se ci vorranno anni per rimettersi in sesto.