Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Prezzi sopra il tetto: Argentina, tra Turchia e Russia, sul podio dei Paesi con la più alta inflazione del G20

Prezzi sopra il tetto: Argentina, tra Turchia e Russia, sul podio dei Paesi con la più alta inflazione del G20

A causa di sciocchezze, l’inflazione in Turchia negli ultimi 12 mesi è stata superiore a quella in Argentina EFE / EPA / SEDAT SUNA

L’Argentina è stato il secondo Paese con il tasso di inflazione più alto del G20 negli ultimi 12 mesi, superato solo dalla Turchia, che fino ad aprile ha registrato un’inflazione annua del 70%, quindici punti in più rispetto al 55% registrato fino a marzo. Argentina. Va notato che l’Argentina e la Turchia hanno registrato una sorprendente coincidenza nelle loro crisi economiche e finanziarie negli ultimi quarant’anni.

presidente turco, Recep Tayyip Erdogan Ha rimosso tre capi delle banche centrali l’anno scorso e ha insistito per combattere l’inflazione tagliando i tassi di interesse (in modo che la debole lira aumenti la competitività e il surplus commerciale dell’economia turca), cosa che gli economisti considerano una sciocchezza.

L’inflazione argentina, a sua volta, è stata ben al di sopra del tasso di inflazione su 12 mesi del 16,7%, che anche l’economia russa ha registrato fino a marzo.

Sono i dati di un’indagine di Bloomberg basata sulle informazioni delle banche centrali e delle agenzie statistiche dei membri del Group of Twenty, gruppo creato nel 1998, per volere del Canada e degli Stati Uniti, nel bel mezzo di una crisi finanziaria. Nel sud-est asiatico, è composto da 19 paesi e dall’Unione Europea come blocco.

I dati sull’inflazione corrispondenti per l’Argentina saliranno tra il 57 e il 58% anno su anno quando l’inflazione sarà nota ad aprileche sarà compreso tra il 5,5 e il 6% ed escluderà dal calcolo il 4,1% registrato ad aprile dello scorso anno.

Il Brasile, all’11,3%, e gli Stati Uniti, con un tasso di inflazione annuo dell’8,5%, in entrambi i casi fino a marzo, completano i primi cinque paesi con l’inflazione più alta nel G-20. Dietro queste cifre ci sono l’Unione Europea e il Messico (l’altro Paese latinoamericano del gruppo), che ha registrato un incremento annuo del 7,5 per cento.

READ  Dal duello con Di Maria e Paredes ai consigli di Cristiano: chi è Matias Sule, l'argentino che l'Italia vuole ricordare

Allo stesso tempo, Fino allo scorso aprile la Germania registrava un’inflazione del 7,4%, superiore a quella di altri paesi europei come Regno Unito (7%), Italia (6,2), Francia (4,8%) e anche in paesi a basso sviluppo come l’India. (7%) e Sud Africa (5,9%). I paesi del G20 con il tasso di inflazione più basso degli ultimi 12 mesi sono stati il ​​Giappone (1,2%), la Cina (1,5%) e l’Arabia Saudita (2%).

L'aumento dei prezzi dell'energia è il principale fattore alla base dell'aumento dell'inflazione in Europa, soprattutto in Germania EFE / JUAN CARLOS HIDALGO / File
L’aumento dei prezzi dell’energia è il principale fattore alla base dell’aumento dell’inflazione in Europa, soprattutto in Germania EFE / JUAN CARLOS HIDALGO / File

In larga misura, l’inflazione in paesi come la Germania è stata causata dall’aumento dei prezzi dell’energia, sebbene il Giappone abbia una dipendenza uguale o maggiore dall’energia, che è riuscita ad assorbire l’effetto.

Alcuni dei dati di inflazione e svalutazione sono davvero sorprendenti. dipende dalla situazione, Da ieri, finora quest’anno la valuta più apprezzata del G20 è il rublo, nonostante l’economia russa sia bersaglio di un’ampia serie di sanzioni economiche da parte di Stati Uniti, Unione Europea e altri paesi occidentali, e lo yuan è stato il più ammortizzato.sebbene la Cina fosse stata precedentemente identificata come una delle economie che avrebbe maggiormente beneficiato degli effetti dell’invasione russa, della guerra in Ucraina e della successiva sequenza di sanzioni e controreazioni tra Mosca e le capitali occidentali.

Allo stesso tempo, In America Latina, il peso argentino è stato incoerente con lo sviluppo delle valute dei suoi principali partner commerciali, che si sono deprezzate in termini reali rispetto al dollaro. In termini nominali anche il peso argentino si è deprezzato, ma a un tasso inferiore all’inflazione, con la quale è “cresciuto” nel senso che è diminuito il potere d’acquisto del dollaro ufficiale.

READ  peggiore sconfitta | ordine del giorno generale

Relazione della società di consulenza Quantum guidata da Daniele Marcol’ex ministro delle Finanze, precisa che tra il 30 marzo e il 2 maggio (cioè nel mese di aprile) nonostante il deprezzamento della moneta argentina del 4,4% nominale rispetto al dollaro, in termini “reali” (tenendo conto dell’inflazione), si è aumentato dello 0,6 per cento.

Il grafico di Quantum mostra come il peso si sia mosso nella direzione opposta a quella dei suoi partner commerciali, poiché l'inflazione ha superato l'aumento del dollaro ufficiale.
Il grafico di Quantum mostra come il peso si sia mosso nella direzione opposta a quella dei suoi partner commerciali, poiché l’inflazione ha superato l’aumento del dollaro ufficiale.

Questo sviluppo ha lasciato il peso interno in completa discordia con i suoi partner commerciali, il che significa una perdita di competitività esterna. Nello stesso periodo il real brasiliano (sempre in termini reali) si è deprezzato del 7,5%, il peso cileno del 9,9%, il peso messicano del 3,5%, l’euro del 5,8% e lo yuan cinese del 5,4%.

La perdita di competitività esterna derivante dall’apprezzamento “reale” del peso argentino sarebbe molto maggiore se i conti tornassero a dicembre 2019, Quando l’attuale governo ha preso il potere. La quantità lo determina Da allora il peso argentino è “cresciuto” di almeno il 13,4%, mentre il real brasiliano si è deprezzato del 19,3%, il peso cileno del 12,6%, il peso messicano del 7,5%, l’euro del 10,5% e lo yuan cinese del 4,4%.

Ironia della sorte, nonostante questa “stima”, il tasso di inflazione del paese è molto più alto di tutti i paesi a confronto.

Lungi dall’allentarsi, il processo potrebbe approfondire a seguito di un aumento dei tassi di interesse statunitensi, a meno che il Ministero dell’Economia e la Banca Centrale non accelerino in modo aggressivo l’aumento del dollaro ufficiale.

READ  Se hai intenzione di pagare più di 1.000 euro in Spagna, avrai bisogno della carta

Il peggio non è successo

‘Il percorso degli aumenti di prezzo negli Stati Uniti e diffondere generato tra le curve dei rendimenti di altri paesi sviluppati (ad esempio, 200 punti base contro la media delle obbligazioni europee a 10 anni) porta a un vero processo di apprezzamento del dollaro”, afferma il rapporto Quantum e osserva che I primi mesi dell’anno riflettono le difficoltà incontrate da BBK nell’accumulare riserve internazionali: le importazioni sono cresciute del 39% in valore su base annua nel primo trimestre dell’anno e le esportazioni del 26%, influenzate, in particolare, da la politica di cambio.nonostante l’andamento positivo dei prezzi internazionali dell’Argentina.

Il rapporto affermava brevemente che “il persistere del divario di cambio ei movimenti internazionali ci spingono a pensare a come correggere questa situazione”. corretta basso Il tasso di cambio e la sfida dell’inflazione affrontata dal governo Albert Fernandez.

Continuare a leggere:

L’inflazione misurata dai promotori privati ​​è in aumento: 65,1% entro il 2022, sei punti in più rispetto alla stima del mese scorso
Un’altra lacuna finanziaria: stimano che il Kirchnerism Pension Endowment Project costerà almeno 480.000 milioni di dollari all’anno.