Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Prendere le parti che non esistono, di Sergei Pamis

Prendere le parti che non esistono, di Sergei Pamis

L’industria dell’intrattenimento copre tutte le aree dell’informazione. È un modo di strumentalizzare la realtà, non accontentandosi dei fatti ed estraendo petrolio dai campi mediatici con poca sostanza. Internet ha favorito il tipo di elenchi arbitrari (la categorizzazione, si chiama) e amplificato la tendenza umana a trasformare qualsiasi attività umana (o animale), e quindi qualsiasi argomento di conversazione, in una competizione. Anche se vivi all’interno di una bolla sociale volontaria, sei sfidato a partecipare a concorsi che in realtà non esistono.

Forse l’origine di questo impulso va ricercata nel dilemma dei nonni su chi preferire, mamma o papà, o nello spirito competitivo degli apostoli per guadagnarsi il rispetto di Gesù. Ma quando questo impulso al confronto diventa un’industria, i muscoli si sviluppano e, invece di rimanere in un beato stato di atrofia, si sovraccaricano. Esempi. Di recente, durante un promettente dopocena, qualcuno ha iniziato a spiegare un viaggio in Italia ma li ha subito interrotti per offrire veleno di valutazione: quale città italiana ti piace di più? Oppure, da bambino, ricordo che nel bel mezzo della febbre dei Beatles (ero un devoto di cantautori e sperimentai la Beatlemania come un dissidente), era comune, piuttosto che commentare le canzoni, che la conversazione si spostasse sul fatto che io adorava di più John o Paul o Ringo o George. Ho capito subito che per non essere emarginato nel discorso globale dovevo schierarmi (a proposito: non ho mai capito che un altro oltre a Ringo potesse essere un idolo).

L’industria che meglio sfrutta il vizio del confronto è il cinema

READ  Devastata la reazione di Mauro del Grande Fratello dopo aver appreso cosa ha detto Furia riguardo alla sua prestazione sessuale

A complemento dell’informazione e della promozione dei prodotti, l’industria che sfrutta più efficacemente questo vizio è l’industria cinematografica commerciale. Quanti articoli e programmi ti hanno chiesto nella tua vita di scegliere quale James Bond ti piace di più? È un paragone senza alcuna coerenza, e forse per questo vale per altri franchise: qualunque Spider-Man o Batman o Penguin o Joker sia il tuo preferito, il miglior film di Indiana Jones, i Puffi o Fratello Dalton che ti piacciono di più o il film dell’orrore che ti ha dato più panico. Per quanto riguarda il campo del cinema d’autore, questo gioco è impossibile. I dogmi dell’arte e del saggio obbligano l’appassionato a dichiarare categoricamente che i film non possono essere paragonati e che sarebbe un’eresia classificare i capolavori di Federico Fellini, Ingmar Bergmann, Chantal Ackermann, Apichatpong Werasethakul o Albert Serra. E oggi l’industria annuncia Avatar: Senso dell’acqua Come nuova arma per il collezionismo di massa, ci sono due strategie che si aggiungono al valore cinematografico: l’enorme torrente di dati tecnici e il cameratismo sul 3D, e ovviamente la domanda se questo sia migliore. immagine simbolo Dal primo o metti per mescolare le pere con le mele, che Titanico.