Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Platense ha ricevuto una borsa di studio in Italia e difende la bandiera argentina: “Ci sono riuscito grazie all'università”

Platense ha ricevuto una borsa di studio in Italia e difende la bandiera argentina: “Ci sono riuscito grazie all'università”

Incertezza, paura e impotenza sono i sentimenti che attanagliano i lavoratori delle università nazionali, preoccupati per l'attacco a cui sono state sottoposte la scienza e la tecnologia in Argentina dall'insediamento del nuovo governo.

Malena Taube è laureata in Fisica Medica presso l'Università Nazionale di La Plata ed è attualmente PhD Conicet Fellow in campo fisico, dove ricerca algoritmi di ricostruzione per la macchina PET (tomografia a emissione di positroni) e fornisce dettagli in prima persona della corrente. Stato del settore.

“Qualche mese fa il sistema scientifico ed educativo aveva paura per tutto quello che si diceva di noi. Inoltre, ricordate il giorno in cui Miley urlò come una pazza: “Conisit?” All’estero cerchino finanziamenti privati. Il problema non è se i privati ​​vengono a contribuire, il problema è che i privati ​​non capiscono il tempo della conoscenza. Per dare un po’ di contesto: un dottorato di ricerca dura cinque anni, è un argomento molto specifico e specifico ed è ricercato da una persona. Pensi davvero che il settore privato resisterà a questi tempi? Il diario di oggi.

Nel 2023 il ricercatore si è aggiudicato una borsa di studio per andare a conoscere la fluoroscopia presso l'ICTP (Centro Internazionale di Fisica Teorica) in Italia a pagamento.

“Sono pienamente consapevole di aver raggiunto questo obiettivo grazie alla formazione che ho ricevuto grazie all'università e grazie al fatto che Conicet scommette sulla mia materia. Non riesco nemmeno a immaginare come si sentano le persone che non erano informate dei risultati, persone che hanno iniziato a lavorare il 2 gennaio e che ora non sanno se “Hanno posti di lavoro, colleghi che sono stati licenziati e tutte le persone che aspettano di essere indagate nel nostro Paese”.

READ  San Valentino: come è nata la leggenda di San Valentino, un santo che si festeggiava il 14 febbraio e che potrebbe non essere mai esistito

Smettere di finanziare

Riguardo alla cessazione dei finanziamenti, il professionista ha sottolineato che “non sono stati presentati gli esiti delle borse di dottorato che solitamente vengono presentate il 15 gennaio, né sono stati presentati alcuni contributi alla Professione di ricerca scientifica e tecnologica (CIC).

Allo stesso modo, si evidenzia che come “borsisti non abbiamo contributi, congedi di maternità, congedi per salute mentale, congedi per malattia o congedi per violenza di genere. A ciò si aggiunge la richiesta di una prospettiva transfemminista nelle valutazioni e in Conicet da parte delle persone della comunità LGBTI+.

In conclusione, lo specialista ha sottolineato che “l'Argentina, ad esempio, sta conducendo ricerche sulla malattia di Chagas, sul cancro della pelle, sul diritto all'istruzione superiore per le persone con disabilità sensoriali, sull'allevamento di pecore in Patagonia, su progetti energetici e molto altro ancora. Molte di queste indagini non interessano solo il settore privato, ma anche le “grandi potenze”. Perché smettere di finanziare Conicet quando è la migliore istituzione scientifica dell’America Latina, 13a nel mondo e 1a tra le istituzioni governative con il maggiore impatto sociale nella regione (classifica Scimago 2023)?”