Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Più di 20 migranti uccisi che vogliono entrare in Spagna: il governo accusa le “bande” di confine

Più di 20 migranti uccisi che vogliono entrare in Spagna: il governo accusa le “bande” di confine

Primo Ministro spagnolo, Pedro Sanchez sabato ha accusato la “mafia” del tentativo “violento” di oltre 2.000 migranti di attraversare ieri il confine spagnolo-marocchino. Nell’enclave di Melilla ci sono differenze sul numero dei morti, che le ong specializzate stimano in 27 e fonti ufficiali lo hanno portato a 23.

“Se c’è qualcuno responsabile di tutto ciò che sembra essere accaduto su quel confine, lo è La mafia che traffica personeSanchez ha detto in una conferenza stampa a Madrid prima di elogiare la cooperazione delle forze di sicurezza marocchine per fermare il valico.

Sanchez ha detto questo Fu un “violento attacco (…) a una città all’interno del territorio spagnolo”, “Questo è un attacco all’integrità territoriale del nostro paese”, ha affermato l’agenzia di stampa francese AFP, citando l’agenzia di stampa francese Afp.

Il numero dei migranti subsahariani è stato ufficialmente portato da 18 a 23 Ieri dalla parte marocchina in un massiccio tentativo di entrare con la forza nella città spagnola di Melilla situata in Nord Africa.

Tuttavia, le organizzazioni specializzate che operano sul campo, come Passando il confine, hanno messo in dubbio i numeri ufficiali.

L’attivista e fondatrice di tale organizzazione, Helena Malino, afferma che l’entità “L’uccisione di 27 giovani può essere confermata” e ha criticato il trattamento riservato alle “vittime” da parte delle autorità.

“Hanno agognato per ore sotto lo sguardo crudele di coloro che avrebbero dovuto aiutare e non l’hanno fatto”, L’attivista, che ha pubblicato sui social le foto della zona in cui si vedono migranti stipati per terra e circondati da agenti, si è lamentata.



L’Associazione marocchina per i diritti umani ha rivelato le foto, che mettevano in guardia contro “ogni tentativo di ordinare la rapida sepoltura dei morti dell’Africa subsahariana e degli immigrati sudanesi senza aprire un’indagine completa, rapida e seria per determinare le responsabilità e le carenze”.

READ  Gustavo Petro entra in carica: per la prima volta nella storia della Colombia, un presidente di sinistra | Alberto Fernandez, testimone di una parte importantissima dell'America Latina

Anche la Lega andalusa per i diritti umani (APDH) si è unita alla causa, che Ha descritto quanto accaduto al confine con Melilla come una “tragedia insopportabile”.

“Chiediamo un’indagine immediata”, Lo hanno detto all’agenzia di stampa Europa Press, citando il governo spagnolo come “responsabile congiuntamente” della tragedia dovuta all'”esternalizzazione del controllo delle frontiere”.

“Qualsiasi tentativo di seppellire urgentemente tutti i migranti deceduti senza un’indagine adeguata e seria” sarà visto come un ostacolo “per stabilire la responsabilità per quanto accaduto”, ha affermato l’organizzazione.

Da parte sua, Malino si è rivolto direttamente a Sanchez, accusandolo di essere un “compagno” per “congratularsi con gli autori di questa brutalità”, riferendosi all’elogio dato dal premier spagnolo all’operato della gendarmeria marocchina.

L’organizzazione non governativa Solidary Wheels ha ritenuto che le forze di sicurezza e i servizi marocchini e spagnoli “hanno esercitato (ieri) Uno dei più grandi episodi di violenza della polizia a Melilla degli ultimi tempi”. Hanno chiesto “chiarimento dei fatti”.

D’altra parte, l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati e l’Organizzazione internazionale per le migrazioni hanno espresso “profonda tristezza e preoccupazione” per le morti e hanno esortato “Dare priorità alla sicurezza di migranti e rifugiati, Astenersi dall’uso eccessivo della forza e difendere i propri diritti umani”.

L’Organizzazione internazionale per le migrazioni e l’UNHCR hanno rinnovato il loro appello alla comunità internazionale per promuovere l’accesso a rotte alternative sicure per evitare che rifugiati e migranti debbano ricorrere a rotte pericolose.

Gli ultimi tentativi di penetrazione su larga scala in Spagna da parte di una delle sue due enclavi nordafricane (Ceuta e Melilla) sono stati all’inizio di marzo, prima del disgelo delle relazioni ispano-marocchine.

Il Marocco afferma di esserne di proprietà nel territorio del Sahara occidentale, ex colonia spagnola, e la crisi diplomatica si è conclusa quando la Spagna ha abbandonato la sua storica neutralità tra i combattenti per l’indipendenza sahrawi e Rabat, per sostenere il piano marocchino per il territorio, che è di concedergli autonomia.

READ  Nuova battuta d'arresto per Putin: 32mila mercenari hanno rescisso il contratto con il Gruppo Wagner e si sono già ritirati dal campo di battaglia

Fonte: Telam