Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Più della metà degli spagnoli esclude una ripresa a breve termine

Tempo del sogno espansione

Il 54% degli spagnoli esclude una ripresa a breve termine dopo aver colpito la pandemia e ritiene che questo processo si estenderà oltre i prossimi dodici mesi, secondo un rapporto della società di consulenza EY.

Lo studio mostra come più della metà degli spagnoli intervistati ignori questo periodo fino a quando l’economia non riacquista una certa normalità, mentre il 20% ritiene che sarà possibile recuperare entro un anno (il restante 26% è considerato “neutro”).

Questa percentuale in Spagna contrasta con il 42% dei tedeschi o il 44% degli americani che ritengono che l’economia del proprio paese si riprenderà nei prossimi dodici mesi.

Anche altri paesi come Francia, Regno Unito e Italia sono più pessimisti poiché il 51%, il 50% e il 44% degli intervistati rifiuta questo periodo di recupero.

Il rapporto riassume: “La vaccinazione della popolazione rimane un pilastro per ripristinare la normalità e il consumatore è chiaro che solo un’alta percentuale di persone immunizzate farà sì che il Covid-19 smetta di influenzare le loro vite”.

In questo contesto, l’intenzione di aumentare il risparmio continua a crescere tra gli spagnoli di cinque punti, mentre il 42% afferma che il proprio reddito continua a diminuire e il 73% non ritiene che il proprio reddito migliorerà nei prossimi dodici mesi.

“L’economia spagnola ha bisogno di un consumatore che voglia tornare alla sua routine e ripristinare i suoi livelli di spesa e sembra che questo non arriverà fino a quando il processo di vaccinazione non acquisirà slancio e la maggioranza della popolazione sarà immunizzata”, valuta il partner responsabile del consumatore e settore della distribuzione di EY, Javier Vello.

READ  Il reddito disponibile delle famiglie spagnole è diminuito del 3,3% nel 2020, il numero peggiore in Europa

Per quanto riguarda i comportamenti post-crisi, lo studio indica che i consumatori “chiaramente preferiscono” spendere di più in vacanza e attività all’aria aperta, oltre che su articoli legati allo sport e alla cura della persona, oltre a rimanere nelle principali categorie. Prodotti per la casa, freschi e alimentari.

Inoltre, il canale online continua a crescere in tutti i gruppi di consumatori, sebbene il negozio fisico rimanga il canale principale principalmente per alimenti, bevande e prodotti per la casa.

Per questo rapporto, nel primo trimestre del 2021 sono stati intervistati più di 14.400 consumatori provenienti da 20 paesi, di cui 530 spagnoli.