Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Piano spagnolo anticrisi, sesto in termini di spesa del PIL nell’UE

Nell’ultima settimana, non solo il governo spagnolo ha annunciato nuove misure fiscali per ridurre la bolletta dell’elettricità dei consumatori e al contempo abbassare l’imposta sul valore aggiunto sul gas. Lo ha annunciato il governo tedesco Pacchetto forte da 65.000 milioni di euro Lo scorso fine settimana, così come il Belgio, sta lavorando all’attuazione di una tassa inaspettata nel settore energetico. La maggior parte dei governi, infatti, sta attivando scudi fiscali per aiutare le famiglie e le imprese a far fronte ai prezzi sempre più elevati dell’elettricità, in alcuni casi con un costo elevato per le casse pubbliche. Secondo un rapporto del centro di ricerca Bruegel, la Spagna è il sesto Paese a destinare la percentuale più alta del proprio PIL a questo scopo, dopo la Grecia o la Germania, ma prima della Francia.

Le misure più comuni sono le riduzioni delle tasse, come la riduzione dell’imposta sul valore aggiunto o di altre tasse sull’elettricità, l’assistenza diretta ai gruppi vulnerabili, i sussidi ai trasporti pubblici o l’installazione di apparecchiature più efficienti dal punto di vista energetico. I calcoli di questo Centro di Studi Economici di Bruxelles non tengono conto delle misure regionali, per esempio, ma Lo status della Spagna come sesto partner europeo Quale percentuale del tuo prodotto interno lordo (PIL) assegni. Il calcolo non tiene conto dell’impatto che la nuova riduzione dell’Iva sul gas potrebbe avere sulle casse pubbliche, in quanto non esiste ancora una stima. Tiene però conto del nuovo pacchetto tedesco, quantificato dallo stesso governo di Berlino. Pertanto, secondo questi calcoli, la Spagna stanzia 27.300 milioni di euro per politiche come la riduzione dell’imposta sul valore aggiunto, gli aiuti sul carburante o il tetto massimo del prezzo del gas, il che significa il 2,3% del suo PIL. La Commissione Europea, nei suoi ripetuti messaggi, ha insistito per proteggere i più vulnerabili e per iniziare a ridurre le politiche di aiuto. All’inizio dell’estate, ad esempio, l’Eurogruppo ha convenuto in una dichiarazione che era giunto il momento di porre fine agli aiuti pubblici che avevano causato disavanzi pubblici nella stragrande maggioranza dei paesi dell’UE a causa delle misure di sostegno contro la pandemia di coronavirus. “Non possiamo affrontare la crisi energetica con misure più complete e permanenti”, ha affermato il commissario all’Economia Paolo Gentiloni.

READ  Le aziende esportatrici con "cuore" e "visione" brillano nel commercio estero | Economia | Notizia

Bruxelles sostiene iniziative che proteggano le famiglie più vulnerabili o che compensino le aziende per un uso più intensivo di elettricità, ma mette in guardia contro i sussidi ai combustibili fossili in generale, ad esempio. Tra i consigli di capitale di comunità, le tasse vengono riscosse sugli utili straordinari delle società elettriche. Questo è ciò che Ho deciso di fare, ad esempio, paesi come la Spagna, Romania, Italia e Grecia). Ora sta valutando anche il Belgio, un paese in cui i prezzi dell’elettricità sono saliti a circa 600 MWh di euro ad agosto.

In effetti, le autorità belghe hanno preso in considerazione questa opzione per settimane e questa settimana è stato concordato di creare un gruppo di lavoro che studierà diverse opzioni per presentare una proposta nelle prossime settimane. “È già nel settore nucleare. Il premier belga Alexandre de Croo ha spiegato in una conferenza stampa raccolta da Effie che l’obiettivo è raggiungere altre aziende del settore energetico o alcuni attori che ora hanno profitti molto alti.

Inoltre, lo Stato sta studiando con il settore finanziario la possibilità di redigere una sospensione del mutuo. “Alcuni cittadini hanno una bolletta energetica più alta di L’importo della rata del mutuo, Il premier ha affermato che l’obiettivo è “coordinarsi con il settore bancario per posticipare il pagamento del mutuo”.

Il governo federale ha anche deciso di estendere speciali tagli alle tasse sul carburante e Mantenimento dell’IVA al 6% per il gas ed elettricità. Il Belgio è uno dei paesi dell’Unione Europea in cui il prezzo dell’elettricità è aumentato in modo significativo e il suo governo sostiene la richiesta spagnola di applicare un tetto al prezzo del gas comune in tutta l’Unione Europea. Tuttavia, questa settimana gli esperti della Commissione Europea hanno rifiutato, considerando che, di fatto, una tale politica porterebbe al consumo di gas.

Varie iniziative

Altri governi, come il governo tedesco, dall’inizio di quest’anno hanno applicato una riduzione di quasi la metà della tassa sull’elettricità. La misura ha un costo 3,3 miliardi di euro È finanziato direttamente dal bilancio federale e dal mercato dell’anidride carbonica. Un pacchetto di sovvenzioni del valore di 130 milioni di euro è stato destinato anche alle famiglie a basso reddito. Secondo i calcoli del governo, le case tedesche vedranno aumentare in media del 63,7% le bollette elettriche nel 2022.

Altre iniziative sono le disposizioni per i pendolari giornalieri, con pagamenti di 135 euro per studenti e cittadini vulnerabili, detrazioni fiscali sull’imposta sul reddito o un sussidio di 100 euro per i disoccupati. Un’altra misura degna di nota in Germania è la riduzione dell’abbonamento mensile per il trasporto pubblico a 9 euro e, in generale, le misure per aiutare a finanziare l’efficienza energetica nelle case e nelle imprese. Tutto questo è presupposto fattura di 60200 milioni di euro, È il più alto dell’Unione Europea in termini assoluti, ma relativamente più basso, rappresentando l’1,7% del PIL tedesco.

Spicca anche l’Austria, che da settembre di quest’anno ha fissato un tetto al prezzo dell’elettricità residenziale (0,11 EUR per KW/h, anche Estonia o Grecia applicano limiti simili. Questo tetto coprirà l’80% del consumo medio delle famiglie Costerà 250 milioni di euro all’erario pubblico del Paese. In Danimarca il governo ha varato un fondo di 33,6 milioni di euro per sostenere la sostituzione accelerata delle singole caldaie a gas e in Lituania sono state rinviate le ultime misure per completare la liberalizzazione del settore elettrico al fine di controllare i prezzi.

CommentiIl WhatsAppIl WhatsAppFacebookFacebookTwitterTwitterLinkedInLinkedIn