Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Persecuzione in Nicaragua: l'arcivescovo di Managua chiede l'unità della Chiesa dopo un'ondata di arresti di sacerdoti

Persecuzione in Nicaragua: l'arcivescovo di Managua chiede l'unità della Chiesa dopo un'ondata di arresti di sacerdoti

Leopoldo Brenes, arcivescovo di Managua (Reuters/Osvaldo Rivas)

Cardinale Arcivescovo di Managua Leopoldo BrenesQuesta domenica ha invocato l'unità della Chiesa cattolica in Nicaragua, dopo che dal 20 dicembre sono stati arrestati almeno 13 sacerdoti.

“Ho voluto preparare un piccolo messaggio per tutta la famiglia, un messaggio di incoraggiamento e di speranza, e soprattutto un messaggio in cui ci uniamo fortemente nella preghiera”, ha detto Brenes nella cattedrale di Managua.

“Alle famiglie e alle comunità che in questo momento sentono l'assenza dei loro sacerdoti o vivono altri tipi di dolore, voglio esprimere la mia vicinanza. “È giunto il momento di chiedere insieme nella preghiera il conforto di Dio e la nostra forza nell’unità ecclesiale”.Ha aggiunto.

Almeno 13 sacerdoti sono stati arrestati dal 20 dicembre in Nicaragua, tra cui un vescovo, in un contesto di forte tensione tra la Chiesa cattolica e il regime di Daniel Ortega, secondo attivisti religiosi e umanitari, oppositori e media nazionali del Paese.

L’Arcivescovo del Nicaragua ha aggiunto: “Chiediamo al buon Dio la benedizione della nostra saggezza e che le nostre parole e le nostre azioni testimonino questa pazienza che tutto realizza e che la luce di Gesù aiuta tutti noi a trovare cammini di riconciliazione e di fraternità. “

Il regime di Daniel Ortega e Rosario Murillo intensifica la repressione contro la Chiesa cattolica in Nicaragua (AP Photo/Alfredo Zúñiga)

Né il regime di Ortega né la polizia nicaraguense hanno commentato queste accuse.

Il rapporto tra la Chiesa e il governo si è deteriorato durante le proteste del 2018Dopo che Ortega ha accusato i religiosi di sostenere gli oppositori in quello che considerava un tentativo di colpo di stato.

READ  Richiedi un aiuto finanziario per la pandemia e spendi soldi per auto di lusso e viaggi

Le proteste, che hanno visto posti di blocco e scontri tra oppositori e sostenitori del governo, hanno portato alla morte di oltre 300 persone dopo la brutale repressione attuata dal regime, secondo i dati delle Nazioni Unite.

Vescovo Silvio BaezIl Papa, che ha lasciato il Nicaragua nel 2019, sabato ha denunciato la “persecuzione” a cui è sottoposta la Chiesa e ha chiesto la solidarietà dei vescovi del mondo e della comunità internazionale di fronte all’arresto dei due monaci.

“Non sono prigionieri né criminali, ma uomini di Dio (…); “Siamo orgogliosi di loro e saremo con loro in preghiera finché non otterranno la libertà”, ha detto Baez in un video sui social media sabato sera.

“Chiediamo alla comunità internazionale di essere più efficace nella sua pressione”. Il vescovo, che ore fa ha denunciato sul suo conto

Il vescovo nicaraguense Rolando Álvarez è stato condannato a 26 anni di carcere per “tradimento del Paese”. È detenuto da più di 500 giorni (EFE/Jorge Torres)

Tra gli arrestati c'erano dei monaci Silvio FonsecaVicario della Famiglia della Diocesi di Managua; Miguel Manteca, sempre dalla Chiesa di San Francisco in D.C.; E Marcos DiazDalla diocesi di Lione (nord-ovest), secondo queste fonti.

Sono stati arrestati anche i sacerdoti Gerardo Rodriguez, Mikel Monterrey, Raúl ZamoraI media nicaraguensi che pubblicano in Costa Rica hanno affermato che coloro che forniscono servizi religiosi nelle chiese di Managua.

Questi arresti si aggiungono a quelli di mons. Isidoro Mora e di due seminaristi il ​​20 dicembre, seguiti la settimana scorsa dagli arresti del pubblico ministero di Managua. Carlos Avilés E i preti Hector Tremeno, Fernando Calero e Pablo Villafranca.

READ  La Russia ha aumentato le tensioni con gli Stati Uniti e ha minacciato di distruggere i carri armati M1 Abrams se fossero stati inviati in Ucraina

11 dei detenuti figurano nell'elenco presentato all'agenzia Agenzia di stampa francese Dall'avvocato Marta Molinaesperto di questioni ecclesiali nicaraguensi, in esilio negli Stati Uniti.

Giornale la stampa Ha aggiunto il sacerdote tra i detenuti Hernandez se n'è andatoparroco di una chiesa a Managua.

Lo ha detto Molina sui social sabato sera Ismaele SerranoÈ stato arrestato lo stesso giorno e ha detto che era un “prete molto malato”.

Attivista per i diritti umani in Nicaragua Bianca Jagger In ha scritto: “Non abbandonarli, sono in pericolo e hanno bisogno del tuo aiuto”.

Il vescovo ausiliare di Managua, monsignor Silvio Páez, denuncia che gli “oppressori” vivono “chiusi dalla Parola di Dio” (EFE/Jorge Torres)

Mercoledì scorso, il vicepresidente e moglie Daniel Ortega, Rosario Murillo chiama “diavoli” i religiosi Che, secondo le sue parole, semina “odio” nel Paese.

Rolando Alvarez (57 anni) è stato condannato il 10 febbraio a 26 anni di carcere con l'accusa di tradimento, diffusione di notizie false e disprezzo, il giorno dopo essersi rifiutato di partire per gli Stati Uniti con 222 oppositori incarcerati espulsi.

Alvarez ha preferito il carcere all'esilio e non era tra i 12 sacerdoti rilasciati a ottobre e inviati a Roma dopo un accordo del governo con il Vaticano.

L'opposizione condanna gli sforzi del regime di Ortega per smantellare la Chiesa nicaraguense (AP Photo/Alfredo Zúñiga)

In mezzo alla crescente persecuzione, molti dissidenti nicaraguensi in esilio hanno condannato nelle ultime ore l'ondata di arresti di sacerdoti da parte della polizia di Ortega. “La dittatura di Ortega M. cerca di smantellare la Chiesa cattolica”ha detto il leggendario combattente sandinista a cui è stata tolta la cittadinanza Dora Maria Tellez Tramite il social network X.

READ  Cresce la minaccia della Cina contro Taiwan: il regime ha schierato più di 60 aerei e quattro navi militari vicino all'isola

Per Ortega e sua moglie, il vicepresidente Rosario Murillo, la tradizionale processione di Gesù Sacramento, indetta il 1° gennaio e alla quale partecipano generalmente migliaia di cattolici, “è una minaccia”, ha affermato Tellez, che faceva parte del primo governo sandinista ( 1979-1990).

“La paura e la paranoia li guidano”, ha detto Tellez. “La strategia della dittatura di Ortega Murillo è smantellare completamente la Chiesa cattolica”. E “lasciare le parrocchie senza preti”.

(Con informazioni da AFP ed EFE)