Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché i prodotti Apple iniziano con una “i”

Perché i prodotti Apple iniziano con una “i”

Nasce così la lettera “i” come simbolo dell’azienda nei suoi prodotti.

Oltre al progresso tecnologico, manzana Si è distinto per la sua forte presenza negli annunci che vende e uno dei suoi badge è la lettera “i” prima del nome di ogni dispositivo o servizio.

Molti potrebbero pensare che questa lettera significhi “intelligente”, riferendosi all’evoluzione del prodotto, ma in realtà non è questo il motivo della sua esistenza, che risale al 1998 quando Steve Jobs annunciato per primo iMac.

Fin dall’inizio, l’azienda ha concentrato gran parte dei suoi sforzi sul mercato interno e sullo sviluppo di software e hardware differenziali. con arrivo Macintosh Negli anni ’80 consolidarono il loro successo e si posizionarono come concorrenti per il futuro, in un’epoca in cui Internet era ancora lontano dall’essere la base dell’informatica.

Alla fine del ventesimo secolo, il cambiamento arriverà in questo settore e questo sarà l’impulso per la comparsa di questo messaggio in tutti i dispositivi dell’azienda.

Così è nata la lettera
Nasce così la lettera “i” come simbolo dell’azienda nei suoi prodotti.

durante la visualizzazione iMacE Carriere Ha parlato di quattro caratteristiche essenziali del prodotto: “Internet, individuale, guida, informazione e ispirazione”, motivo per cui si è deciso di anteporre al nome del computer una vocale che riassumesse il nome del primo home computer lanciato dall’azienda. Negli anni Ottanta.

Parte delle caratteristiche di questo computer erano un display da 15 pollici, 32 MB di memoria standard, 4 GB di memoria su disco, un’unità CD-ROM 24x, una porta Ethernet da 100 MB, un modem da 33,6 KB e 4 MB IrDA. Oltre ad offrire un design completamente diverso da quello che era in commercio, con colorazioni diverse e uno stile futuristico all’epoca.

READ  WhatsApp a WhatsApp Plus | Come recuperare copia di seguridad | Recupera | Chat | Conversazioni | Smartphone | Applicazioni | nda | nnni | DEPOR-PLAY

Tuttavia, il co-fondatore dell’azienda ha successivamente confermato che “i” non aveva un significato specifico, che era solo un pronome personale, “I” in inglese, e che era anche un modo per avvicinare i dipendenti a ciò che faceva. marchio in quel momento.

Infine, l’uso di questa parola in altri prodotti come I phone Quanto a iPadNon ha un significato specifico ma è una porta aperta a tutte le opzioni che si possono offrire e alle libertà che l’azienda intende mostrare.

Così è nata la lettera
Nasce così la lettera “i” come simbolo dell’azienda nei suoi prodotti.

Il logo che dà vita al marchio Apple più famoso al mondo è stato disegnato da Rob Janoff. Fino al 2009 ha osato parlare delle sue origini, definendolo una leggenda metropolitana. “È una grande leggenda metropolitana.”

Secondo Janoff, ha progettato il morso nella mela per distinguerla per proporzione e misura da qualsiasi altro frutto. Inoltre, nel logo originale, la mela si adatta alla lettera “un” Con questo morso e se vuoi cercare più simbolismo, la parola morso in lingua inglese è “morso”, una parola molto simile alla parola “byte”.

Il progettista ha affermato che il morso “dà una chiara indicazione che si tratta di una mela” perché la dimensione del frutto può farla scambiare per una ciliegia o un altro frutto tondo. Inoltre, il morso della mela lo consente Il logo dovrebbe essere piccolo per adattarsi a dispositivi di diverse dimensioni. Pertanto, Apple non ha altro significato se non il suo contributo al marchio.

Il primo logo contiene un’immagine Isacco Newton È stato progettato nel 1976 da Ron Waynesocio fondatore di Apple, insieme a Steve Wonziak e Steve Jobs. Nella foto, utilizzata solo per un anno, Newton è accanto all’albero che porta la mela, il nome dell’azienda e una frase che recita: “La mente viaggia sempre attraverso gli strani mari del pensiero”.

READ  Rockstar potrebbe aver confermato la recente fuga di notizie sul trailer di GTA VI

“All’epoca sapevo che non stavo creando un logo del 20° secolo, era un logo del 19° secolo, ma è stato divertente. Tutto ciò che abbiamo fatto all’inizio era per divertimento”, ha detto l’autore del logo in un intervista pubblicata da Vice nel 2017.