Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

iPhone ti consentirà di installare app al di fuori dell’App Store

Sembra che Apple consentirà il sideload su iPhone

Sembra che Apple consentirà il sideload su iPhone
immagine: Kirill Kudryavtsev (Immagini Getty)

L’inferno è congelato.

Negli ultimi anni, la divisione servizi di Apple è cresciuta in modo esponenziale fino a diventare la seconda fonte di entrate dell’azienda, dietro solo alle vendite di iPhone.

La commissione dell’Apple App Store (15% se lo sviluppatore fattura meno di 1 milione di dollari, 30% se fattura di più) è la gallina dalle uova d’oro per questo business. Il trucco è che iOS consente solo l’installazione di app tramite l’App Store, quindi tutti gli sviluppatori che vogliono essere su iPhone sono soggetti a questa tassa. È un tributo multimiliardario che Apple difende con le unghie e con i denti.

Ma come abbiamo detto, l’inferno si è ghiacciato.

secondo Rapporto BloombergL’esclusività dell’App Store terminerà. E non perché Apple sia stata improvvisamente attaccata dalla generosità, ma perché l’Unione Europea inasprirà i suoi regolamenti.

Bloomberg afferma che gli ingegneri del software e i dipendenti dei servizi Apple stanno lavorando a un modo per rimuovere queste limitazioni da iOS in modo che le app possano essere installate da fonti alternative dell’App Store. Il progetto dispone di risorse elevate all’interno di Apple ed è guidato da Andreas Wendker, vicepresidente dell’ingegneria del software dell’azienda, in collaborazione con Jeff Robbin, presidente dell’ingegneria dei servizi.

Sideloading, API meno private e sblocco NFC per terze parti

Le fonti di Bloomberg indicano che questi cambiamenti saranno inclusi nelle novità di iOS 17, la versione di iOS che verrà rilasciata nell’autunno del prossimo anno. E garantiscono che il suo ambito potrebbe estendersi oltre l’App Store, a seconda di come Apple si adeguerà alle nuove normative europee.

Esempio. I browser Web di terze parti disponibili sull’App Store, come Chrome, Firefox, Opera e Edge, sono necessari per utilizzare WebKit, il motore di rendering di Safari sviluppato da Apple. Secondo il nuovo piano di conformità alle normative, Apple prenderà in considerazione l’annullamento di questo obbligo.

Secondo Bloomberg, Apple sta anche aprendo alcune delle sue API in modo che gli sviluppatori possano sfruttare al meglio l’hardware dei loro dispositivi, comprese le fotocamere e un chip NFC. Gli utenti iPhone possono utilizzare Apple Pay solo all’interno dell’app Wallet per effettuare pagamenti contactless; Forse in futuro potrebbero usare altre app finanziarie.

Bloomberg menziona anche l’apertura di più della rete Trova il mio (per individuare i dispositivi smarriti), ma afferma invece che Apple non sta prendendo in considerazione l’integrazione del protocollo RCS nella sua app Messaggi e non ha preso una decisione su come aprire iMessage a terzi- servizi di partito.

Tutti questi cambiamenti distoglieranno le risorse dal consueto sviluppo dell’aggiornamento iOS, dove devono essere pronte prima che una nuova legge dell’UE per i mercati digitali entri in vigore nel 2024. Le regole più severe si applicano alle società tecnologiche con valutazioni di mercato di almeno 75 miliardi di euro e oltre Almeno 45 milioni di utenti mensili all’interno dell’Unione Europea, e richiede Che le società tecnologiche consentano l’installazione di applicazioni di terze parti e Modifica più facilmente le impostazioni predefinite per i dispositivi.

Gerard de Graaf, ambasciatore dell’UE nella Silicon Valley, ha dichiarato in una conferenza stampa al consolato irlandese a San Francisco: “Se hai un iPhone, dovresti essere in grado di scaricare app non solo dall’App Store, ma anche da altri app store. O Internet”. Apple ha passato anni a elencare i rischi carico laterale (Installa software da fonti alternative dell’App Store) Per difendere la tua attività, soprattutto in tribunale. Infatti ha vinto Battaglia legale contro Epic Ha uno sviluppatore Fortnite Ha affermato di avere il proprio Play Store su iOS. Un tribunale ha stabilito che il produttore di iPhone non ha violato le leggi antitrust statunitensi, ma il malware, le violazioni della privacy e altre scuse sono diminuite nel tempo e l’Unione Europea è riuscita a far crollare il gigante.

Tuttavia, sembra che l’App Store non sarà l’unico modo per gli sviluppatori di app di voler essere su iPhone carico laterale Sarà un elemento di minoranza su iOS (come lo è su Android), alcuni utenti e sviluppatori trarranno grandi benefici da questo cambiamento. Chissà, forse andrà a finire come sui sistemi desktop e store alternativi all’App Store, come Steam o Epic Games Store, arriveranno su iPhone e diventeranno servizi molto popolari.

READ  La NASA ha sospeso il lancio della missione Artemis I sulla Luna