Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ostacoli alla guarigione

C’è un grande consenso su ciò che è necessario fare affinché le economie catalana e spagnola si riprendano con l’aiuto dei fondi europei. In primo luogo, accelerare la vaccinazione in modo che una vita normale torni prima piuttosto che dopo, e in particolare in modo che il turismo e l’ospitalità ripristinino livelli di attività più vicini al periodo pre-pandemico. In secondo luogo, fornire assistenza sufficiente alle aziende, ai lavoratori autonomi e alle famiglie per superare la crisi ed evitare una serie di fallimenti. In terzo luogo, investire nel futuro, dove il capitale umano e l’innovazione saranno centrali per un mondo più digitale, ecologico e inclusivo.

Sul terzo lato, i fondi europei di nuova generazione potrebbero svolgere un ruolo di primo piano. Dobbiamo spostare il nostro sistema di produzione verso industrie pulite ed energie rinnovabili. L’ecosistema dei veicoli elettrici giocherà un ruolo centrale sia in Catalogna che in Spagna integrando 5G, intelligenza artificiale (pensiamo a una prospettiva di guida autonoma), energia rinnovabile e produzione di batterie, ad esempio. Allo stesso tempo, il settore dei servizi, il commercio e il turismo in particolare necessitano di un cambio di paradigma che integri tecnologia digitale e sostenibilità. Il turismo in particolare deve essere allineato con lo spettacolo culturale, che deve essere promosso senza esitazioni dal presunto elitarismo.

Manuel Brooke / EFE

Lo squilibrio politico deve essere superato per garantire il successo dei fondi europei

Infine, per realizzare la necessaria trasformazione, è necessario attuare una serie di riforme in sospeso da tempo. Alcuni mirano a rendere sostenibile lo stato sociale, come la riforma del sistema pensionistico, e altri ad affrontare la disoccupazione endemica e la bassa produttività della nostra economia. La riforma del lavoro è urgente per superare la duplicazione del nostro mercato del lavoro con una percentuale molto elevata di contratti temporanei che danneggiano sia i lavoratori che le aziende. Tra le altre misure, per renderlo più efficiente è necessario un pacchetto di sostegno in corso per la scienza, la ricerca e lo sviluppo, la riforma dell’amministrazione della giustizia, una forte politica antitrust nel settore dei servizi e la riforma della pubblica amministrazione.

La Commissione europea chiede riforme per aiutare i paesi beneficiari a garantire che il denaro europeo sia rimessa e che i paesi non avranno più bisogno di più soldi entro pochi anni. Il consenso sui primi tre elementi crolla quando le riforme necessarie vengono aggiunte alla nostra economia. Sebbene tutti sembrino preferire le riparazioni, le cose sono più complicate nella pratica. Ad esempio, non è affatto chiaro che la riforma del lavoro richiesta dalla Commissione europea in Spagna sia quella che finirà per essere attuata. Altri non sono implementati. E le potenziali contraddizioni nelle riforme sono solo uno degli ostacoli che devono essere superati.

GRAFCVA9258.  Valencia, 05/11/2020.  - Il Primo Ministro Pedro Sanchez, durante il suo intervento al Museo della Scienza di Valencia, dove presenta un piano di ripresa, trasformazione e resilienza dell'economia spagnola, che mira a promuovere una nuova modernizzazione del Paese e ad affrontare la crisi derivante dall'epidemia .  EFE / Manuel Brooke
Manuel Brooke / EFE

Il primo ostacolo è l’inerzia del settore privato con la rete di interessi speciali dello status quo che resiste al cambiamento. In questo caso, si dovrebbe considerare un risarcimento per coloro che potrebbero essere danneggiati dalle riforme necessarie in modo che non vi si oppongano. Il secondo ostacolo è la mancanza di centri decisionali imprenditoriali locali, un fattore che è peggiorato in Catalogna dal 2017. L’elenco dei trasporti industriali è molto lungo, nel settore automobilistico in particolare. Fino alla crisi finanziaria del 2007-2009, le deportazioni si stavano dirigendo verso l’Europa orientale, la Cina e altri paesi in via di sviluppo. Dopo la crisi, processo di rimpatrio parziale o Reinsediamento Solo non verso di lui Aree remote Dalla Germania dell’Est ma anche all’Europa occidentale, dove si trovano le sedi delle multinazionali. Nemmeno loro stanno aiutando Dimissioni Società locali che vendono a fondi internazionali.

Il terzo ostacolo è la potenziale mancanza di capacità del settore pubblico di attuare i progetti europei in modo tempestivo, anche supponendo che sia stato scelto il potenziale migliore e più trasformativo. In passato, la Spagna non era efficiente nell’esecuzione di denaro europeo. Il quarto ostacolo è la debole situazione finanziaria sia dello Stato che dell’amministrazione regionale, che ha portato a un’assistenza meno diretta alle imprese. Il problema, infatti, è anche europeo se confrontiamo la forte risposta degli Stati Uniti, sottolineata dal presidente Biden, con i suoi successivi e molto ambiziosi piani di rilancio. Quest’ultimo, che non è stato ancora identificato e approvato, è un piano infrastrutturale di oltre 2 trilioni di dollari. Gli Stati Uniti hanno risposto con un aiuto massiccio e rapido mentre l’Europa è stata lasciata indietro da entrambe le parti.

A tutte queste difficoltà dobbiamo aggiungere l’ambiente politico altamente polarizzato e tossico in Spagna, che in Catalogna si incarna nella mancanza di governo che in realtà dura diversi mesi. La disfunzione politica può essere l’ostacolo più difficile da superare nell’attuazione dei cambiamenti e nel garantire il successo dei fondi europei. Non è impossibile battere come mostra Mario Draghi in Italia. Rischiamo il futuro.

READ  Blue Moon: cos'è e in cosa consiste questo fenomeno astronomico - scienza - vita