Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuovo caso di riciclaggio di denaro che coinvolge Keiko Fujimori |  Stanno indagando se l’ex candidato peruviano sia il braccio politico di un’organizzazione criminale

Nuovo caso di riciclaggio di denaro che coinvolge Keiko Fujimori | Stanno indagando se l’ex candidato peruviano sia il braccio politico di un’organizzazione criminale

da Lima

nuovo caso di Riciclaggio di denaro Capo Fujimorismo include, Keiko Fujimori. Sconfitto tre volte candidato presidenzialefiglia ed erede politico del dittatore imprigionato Alberto Fujimori accertamento fiscale a un’organizzazione criminale che dirige L’ex segretario generale ed ex membro del Congresso del Partito Popolare Fujimorista Fuerza, Joaquín Ramírez. Questa settimana l’ufficio del procuratore ha sequestrato quasi 300 immobili e veicoli appartenenti a Ramirez, anch’egli indagato per traffico di droga. Keiko è accusata di essere il braccio politico di questa organizzazione criminale, dandole protezione e beneficiando economicamente del riciclaggio di denaro. Parte dei 183 milioni di dollari, secondo i primi resoconti dell’ufficio del procuratore generale, sarebbero stati illegalmente sottratti e riciclati dal clan Ramirez, secondo questa indagine, per finanziare le campagne elettorali di Kiko.

Caso Odebrecht

Il boss di Fujimorismo è accusato in un altro caso di riciclaggio di denaro, per aver ricevuto e non aver reso pubblici più di dieci milioni di dollari da potenti uomini d’affari peruviani e da una società di costruzioni brasiliana. odebrecht, Coinvolto in un enorme scandalo di corruzione regionale, perché Campagne elettorali 2011 e 2016. Per questo caso la Procura le ha chiesto 30 anni di carcere. Il processo orale dovrebbe iniziare nei prossimi mesi.

Ramirez, che lavorava come collezionista di autobus, è riuscito ad accumulare una fortuna sconosciuta. Nel 2016, quando era un membro del Congresso e manager e finanziatore della campagna di Kiko, è stato rivelato che l’agenzia antidroga degli Stati Uniti, La Drug Enforcement Administration lo stava indagando per traffico di droga. In precedenza, nel 2014, in Perù, l’ufficio del procuratore antiriciclaggio lo ha incriminato per riciclaggio di denaro. Quando gli hanno chiesto i libri contabili per controllare le sue entrate, ha detto di averli persi quando li aveva dimenticati in un taxi. Protetto da Fujimorismo, e l’immunità di cui godeva come membro del Congresso impedire questa indagine. Nel 2017 questa indagine sul lavaggio è stata archiviata, ma è stata successivamente riaperta. Questa settimana il caso è tornato alla ribalta quando un procuratore specializzato in riciclaggio di denaro ha sequestrato 295 proprietà di Ramirez, tra cui residenze di lusso, edifici per uffici, veicoli e aerei. La dimensione di questi beni è stimata in circa un miliardo di dollari. L’indagine fiscale coinvolge quattordici persone, tra cui Keiko e il fratello di Joaquín Ramírez, Osias, che era anche membro del Congresso di Fujimori.

READ  I casi di coronavirus sono aumentati del 63%: cosa si sa di Perola, la nuova alternativa a Omicron

Secondo l’indagine fiscale, l’organizzazione guidata da Joaquín Ramírez ha utilizzato l’Università Alas Peruanas, gestita per due decenni dallo zio di Ramírez, per arricchirsi attraverso operazioni illegali, che includevano contratti fraudolenti per servizi non realizzati o gonfiati. Resta aperto l’approfondimento delle indagini sul traffico di stupefacenti come fonte di introiti illeciti per il multimilionario Ramirez. Ci sono seri sospetti che la sua vasta fortuna non sia legata solo al lavoro sporco all’università. L’ex membro del Congresso Fujimori ha utilizzato una serie di stazioni di servizio, varie attività commerciali e acquisti immobiliari per riciclare i suoi proventi illeciti. La Procura della Repubblica indica che Kiko, oltre a beneficiare economicamente delle risorse illecite di questa organizzazione, è stato coinvolto direttamente in almeno una triangolazione nell’acquisto e rivendita di terreni. come parte del processo di lavaggio.

La relazione di Ramirez con Kiko è stretta e risale a anni fa. Ramirez ha finanziato Fujimorismo e Keiko ha usato il suo potere al Congresso e la sua influenza nel sistema giudiziario per garantirgli protezione. Quella relazione, basata sulla forza della sua ricchezza, permise a Ramírez di salire rapidamente al comando di Fujimori. Nel 2011 è stato eletto al Congresso, poi portavoce dell’ufficio di Fujimori. È stato membro del parlamento e segretario generale di Fuerza Popular fino al 2016. Nonostante Ramírez sia stato dichiarato colpevole nel 2014 dall’ufficio del pubblico ministero per riciclaggio di denaro, Keiko lo ha nominato capo della sua campagna elettorale per le elezioni del 2016. Per questa campagna, Keiko stabilì il suo quartier generale a House, in un quartiere residenziale privato a Lima di proprietà di Ramirez. L’indagato per riciclaggio di denaro ha ceduto un’altra sua proprietà nella capitale per farne l’ufficio di Fuerza Popular. Ha anche dato carri. Ramírez è diventato il braccio destro di Kiko in quella campagna. Andavano ovunque insieme.

READ  Padri dei “quantum dots”, paladini della rivoluzione TV e LED | Monge Boundy, Louis Bruce e Alexei Ekimov vincono il Premio Nobel per la Chimica

indagato dalla Drug Enforcement Administration

Nella parte finale della campagna del 2016, un pilota di linea peruviano e informatore della DEA con sede negli Stati Uniti, Jesús Vasquez, ha rilasciato una dichiarazione in cui confermava che Ramírez era indagato da quell’agenzia e che in un incontro glielo aveva detto. Ha riciclato 15 milioni di dollari per Kiko usando la sua catena di distributori di benzina. Questo è confermato La Drug Enforcement Administration stava indagando sul leader di alto rango Fujimori. A causa dello scandalo, Ramírez si è dimesso da segretario generale di Fuerza Popular e si è ritirato dal partito, almeno formalmente, in un processo di controllo dei danni che non ha impedito a Keiko una sconfitta elettorale. Nel gennaio di quest’anno, Ramirez è entrato in carica Sindaco della provincia di Cajamarcaposizione alla quale fece domanda per formare un movimento regionale indipendente.

Fujimorismo voleva prendere le distanze da Ramírez dicendo che non faceva più parte del partito, ma gran parte degli eventi denunciati si sono verificati quando era un alto comandante di Fujimorista e Keiko era coinvolta. E sebbene ora cerchino di negarlo, la protezione che gli hanno dato e che hanno beneficiato del denaro sporco di Ramirez è innegabile. Dopo le prime dichiarazioni dei ministri dell’Interno e della Giustizia a sostegno dell’indagine fiscale, Fuerza Popular ha rilasciato un comunicato in cui chiedeva la nomina del presidente Dina Polwart Egli “ordina ai suoi ministri” di non commentare le accuse contro Kiko e Ramirez. Poco dopo questa dichiarazione, scritta in tono minaccioso, il presidente del Consiglio dei ministri, Alberto Otarola, è uscito per annunciare che nessuno del governo avrebbe parlato su questo tema. “Non faremo riferimento ad alcun caso oggetto di indagine”, si è affrettato a dichiarare per rassicurare Fujimorismo. Un cambiamento radicale nella posizione a cui propendevano Otarola e gli altri ministri, e la stessa presidente, nel caso di Pedro Castillo, testimonia attivamente sulle indagini fiscali dell’ex presidente. Ora che si indaga sul fujimorismo, il governo sceglie il silenzio. Keiko lo richiede e il governo acconsente. Ancora una volta, il caso Ramirez mette in pericolo sia Keiko che Fujimorismo con denaro sporco, operazioni illegali e oscure personalità legate al traffico di droga.

READ  L'esercito di occupazione israeliano uccide tre dei figli del leader del movimento Hamas nella Striscia di Gaza Ismail Haniyeh ha avvertito che “questo spargimento di sangue ci renderà più forti”.