Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Non esiste meno diritto”, è il potente appello del movimento femminista di 25N

“Non esiste meno diritto”, è il potente appello del movimento femminista di 25N

Un giorno dopo aver celebrato la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, varie organizzazioni e gruppi politici hanno organizzato venerdì una marcia per le strade del centro di Cordoba per evidenziare la richiesta che viene ascoltata il 25 novembre di ogni anno a livello globale.

La colonna, partita alle sei di sera da Colonia e dal Canada, era guidata da rappresentanti di varie organizzazioni, che hanno alzato la bandiera con lo slogan della marcia: “Niente meno diritti, niente più emendamenti”. Il clima di incertezza e tensione provocato dall’avanzata elettorale dell’estrema destra si è fatto sentire nelle strade. Vari leader del movimento femminista hanno avvertito della necessità di una maggiore unità e organizzazione del movimento per difendere i diritti conquistati negli ultimi anni.

A livello nazionale, le marce si svolgeranno sabato a Buenos Aires e in altre città del Paese. Il contesto politico e sociale è teso a causa di diverse minacce e persecuzioni. Venerdì il Ministero delle Donne, del Genere e della Diversità è stato oggetto di due minacce di bombe. I lavoratori della linea 144 che hanno denunciato violenze hanno invece rilasciato una dichiarazione in cui confermano di aver subito molestie e minacce già da domenica scorsa.

La marcia, che non ha superato i quattro isolati, ha raggiunto piazza Olmos e ha incluso tra i suoi slogan principali la lotta contro gli abusi sessuali sui minori. “Ti credo”, diceva l’ampia bandiera rossa.

Tra i partecipanti alla marcia c’era Vanessa Dominguez, madre di Milagros Geraldina Reyes, l’adolescente pugnalata a morte pochi giorni fa nel quartiere Monja Sierra di Cordoba.

“Siamo qui per chiedere giustizia. Mi hanno portato via mia figlia”, ha detto la donna il cui ex compagno è stato accusato e detenuto per il crimine di Geraldina. Gli amici e la famiglia di Geraldina l’hanno accompagnata nella passeggiata.

READ  Andò al mercato delle pulci e trovò cose che valevano più di un milione di pesos e rimase sbalordito "pazzo": "molto di più"

Alla domanda su quale messaggio lascerebbe alle altre donne che subiscono violenza, ha risposto: “Abbi cura di te, parla apertamente perché la paura spesso ti paralizza. E non sai chi possono portarti via”.

In prima fila a sventolare la bandiera c’erano le autorità politiche dei partiti di sinistra, Soledad Diaz Garcia. Cynthia Francia, Luciana Echevarria, Julia De Santi e Laura Vilches. Andando più indietro, c’era anche Liliana Olivero.

Una marcia a Cordoba in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne (Nicolas Bravo/Lavoz).
Una marcia a Cordoba in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (Nicolas Bravo/Lavoz).

La lotta femminista e il governo Miley

Nel frattempo, Florencia Bianco, dell’organizzazione Protected Mothers Against Child Sexual Abuse, ha sottolineato l’importanza della protesta e della lotta femminista in un contesto politico come quello che il Paese vivrà dal prossimo 10 dicembre.

“Da tempo stiamo evidenziando questa violenza che i bambini e gli adolescenti hanno storicamente subito e, grazie alle conquiste del femminismo, stiamo rimuovendo la vergogna con cui questo tema veniva trattato in precedenza”, ha spiegato. Al-Sanaf, il difensore civico dell’infanzia, sta fallendo”. “Anche nel rimuovere questa violenza dalle famiglie”.

Poi ha aggiunto: “Quest’anno arriviamo non solo con queste affermazioni, ma con un orizzonte un po’ oscuro. Conosciamo i gruppi e le organizzazioni che difendono i pedofili che accompagnano il presidente eletto Javier Miley. Sotto un governo che nega i diritti delle donne, non credo che le nostre denunce troveranno un finale migliore per i nostri figli.

Una marcia a Cordoba in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne (Nicolas Bravo/Lavoz).
Una marcia a Cordoba in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (Nicolas Bravo/Lavoz).

Da parte sua, Cecilia Aguirre, una casalinga auto-organizzata, ha partecipato alla marcia con la sua giovane figlia, che portava un cartello con la scritta “+ESI – ASI”, che indicava la necessità di attuare un’educazione sessuale più completa (ESI). Per prevenire gli abusi sessuali sui minori (CSA). “Sono venuto per difendere i diritti dei ragazzi e delle ragazze. L’ESI dovrebbe essere presente in tutte le scuole, è un diritto di nascita dei bambini. Questa marcia è anche contro gli abusi sui minori”, ha detto.

READ  La guerra in Ucraina: tensioni, trasformazioni e un disegno di legge del Dipartimento di Stato per la posizione dell'Argentina contro la Russia
Una marcia a Cordoba in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne (Nicolas Bravo/Lavoz).
Una marcia a Cordoba in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (Nicolas Bravo/Lavoz).

Un po’ più lontano dall’inizio della colonna, c’era una giovane donna di nome Sophia, di 23 anni, vestita di bianco e con in mano un cartello che diceva: “Non mi faranno tacere!” Sono stato aggredito sessualmente. Se lo sei anche tu, dipingi i miei vestiti. Un contenitore di vernice rossa e un pennello hanno accompagnato Sofia nella sua performance. Mentre le persone passavano, pulivano i loro vestiti e li abbracciavano moltissimo.

Lo shock era evidente nei suoi occhi e nella difficoltà a respirare. “Ho deciso di farlo perché ne avevo bisogno. Ho subito abusi quando avevo 17 anni. Non l’ha mai espresso pubblicamente. Penso che a molte persone sia necessario dirlo. È importante che lo sappia”, ha detto Sofia, sentendosi un nodo in gola. “Quelli che hanno vissuto questa fase che ci siamo e che parlano perché è sbagliato tenere tutto nascosto.”

Una marcia a Cordoba in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne (Nicolas Bravo/Lavoz).
Una marcia a Cordoba in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (Nicolas Bravo/Lavoz).

Numeri

A Cordoba, quest’anno sono stati registrati 13 femminicidi, secondo l’indagine che LaVoz conduce ogni anno. A livello nazionale, l’Osservatorio dell’Organizzazione Mumala ha contato 219 casi di omicidio di donne e casi di omicidio per il trasporto di donne.

Complesso

Sabato 25 novembre, le organizzazioni riunite per Feminist Alert si incontreranno nel Parco Sarmiento alle 17:00, ora Feminist Alert.

Una marcia a Cordoba in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne (Nicolas Bravo/Lavoz).
Una marcia a Cordoba in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne (Nicolas Bravo/Lavoz).