Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Non arrivano a fine mese, i prezzi non reggono e le assunzioni sono ancora molto rischiose

Gli ultimi dati pubblicati ci hanno piacevolmente sorpreso La nostra economia è cresciuta del 5,5% nel 2022, quando molti di noi si aspettavano qualcosa di peggio. È vero che i dati sono avanti, in attesa dei dati definitivi, ma considerandolo buono senza entrare nell’analisi del deflatore del PIL utilizzato, vale la pena Evidenziare la nota esplicativa dell’Istituto Nazionale di Statistica Rilevando che, data la difficoltà intrinseca della posizione, le revisioni future potrebbero mostrare una crescita più elevata.

A quanto pare, la Spagna sta andando a razzo, con una crescita più forte di Stati Uniti, Italia, Francia o Germania, È vero, questi paesi sono tornati ai livelli del PIL pre-crisi qualche tempo fa. Non è il nostro caso perché, a prezzi correnti, il PIL è di 1.329 trilioni di euro e ci vorrebbe una crescita di almeno il 7% in termini reali per tornare al fondo di partenza nel 2020.

Come nelle discoteche quando le luci si accendono e si spengono, questi dati trimestrali confermano chiaramente che la festa è finita e che stanno arrivando i postumi di una sbornia. È un rallentamento che dovrebbe ridurre la crescita dell’economia quest’anno a livelli prossimi all’1% o peggioCome previsto dal consenso degli analisti. E non è peggio perché la spesa pubblica diluisce la realtà. La domanda interna è in calo a causa del fatto che nel quarto trimestre La spesa delle famiglie è diminuita nella stessa misura di quella delle pubbliche amministrazioni, ma anche gli investimenti in capitale fisso, macchinari, beni strumentali e costruzioni che sono indicatori avanzati di ciò che verrà. Le esportazioni ci salvano, anche se a fine anno registrano anche performance peggiori e vedremo come se la caveranno man mano che l’euro si rafforza nei confronti del dollaro.

READ  Il crollo del settore immobiliare in Germania e negli Stati Uniti minaccia di provocare un effetto domino nell'edilizia abitativa globale, secondo la Federal Reserve di Dallas