Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Netanyahu riafferma il suo rifiuto della creazione di uno Stato palestinese  Almeno 165 abitanti di Gaza sono morti nella Striscia di Gaza

Netanyahu riafferma il suo rifiuto della creazione di uno Stato palestinese Almeno 165 abitanti di Gaza sono morti nella Striscia di Gaza

L'esercito israeliano ha continuato il suo attacco Striscia di GazaMentre era Primo Ministro di Israele, Benjamin Netanyahu ha ribadito la sua opposizione alla creazione di uno Stato palestinese e di una forma di sovranità palestinese in un possibile scenario postbellico..

Secondo l'ultimo rapporto diffuso dal Ministero della Sanità di Gaza, gli attacchi israeliani nelle ultime ore hanno ucciso almeno 165 palestinesi e ferito altri 280 nella Striscia. da qui, Il numero totale dei morti dall'inizio della guerra si avvicina ai 25.000, mentre i feriti superano i 62.000. In uno scenario di distruzione diffusa e di crisi umanitaria che peggiora ogni giorno.

Durante la giornata, le forze israeliane hanno approfondito le loro operazioni in direzione sud nell'area della città di Khan Yunis, ma hanno operato anche nel centro e nel nord dei territori palestinesi. Secondo un portavoce militare, le forze israeliane hanno effettuato un raid mirato su un sito di produzione di armi nel quartiere Al-Zaytoun di Gaza City e nelle aree circostanti nel nord della Striscia di Gaza, dove hanno trovato e smantellato un lanciarazzi a lungo raggio.

Netanyahu ha rifiutato

La guerra continua ancora senza via d’uscita. In una recente conversazione con Joe Biden, Netanyahu ha ribadito la sua politica secondo cui, dopo la distruzione di Hamas, Israele deve mantenere il controllo di sicurezza su Gaza per garantire che il territorio non rappresenti una minaccia per il suo paese, una richiesta che è in conflitto con la richiesta di diritti palestinesi. sovranità.

Con questa dichiarazione il primo ministro israeliano ha preso ancora una volta le distanze dall’amministrazione Biden, che chiede una soluzione a due Stati per il conflitto israelo-palestinese. Gli Stati Uniti proposero che, una volta finita la guerra, l’Autorità Nazionale Palestinese – che oggi governa la Cisgiordania – avrebbe preso il controllo della Striscia.

READ  Stati Uniti: la Food and Drug Administration statunitense ha approvato il vaccino Pfizer per i bambini dai 5 agli 11 anni

Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio GuterresHa descritto la posizione del governo israeliano come inaccettabile. Guterres ha affermato: “Rifiutare di accettare una soluzione a due Stati per israeliani e palestinesi e privare il popolo palestinese del diritto a uno Stato è inaccettabile”. Alla cerimonia di chiusura del diciannovesimo Vertice dei Capi di Stato e di Governo del Movimento dei Non Allineati in Uganda. Ha sottolineato che “questo prolungherebbe indefinitamente il conflitto, che è diventato una grave minaccia alla pace e alla sicurezza globale, esacerbarebbe la polarizzazione e incoraggerebbe gli estremisti ovunque”.

Governo dell'Esercito Popolare Nazionale Ha anche espresso il suo punto di vista sulla conversazione tra Netanyahu e Biden. Il portavoce presidenziale palestinese Nabil Abu Rudeina ha detto: “Ciò che è richiesto agli Stati Uniti è riconoscere lo Stato di Palestina e non limitarsi a parlare di una soluzione a due Stati, e questo è il momento opportuno per farlo”. Ha aggiunto: “Il governo israeliano non è preoccupato per la pace o la stabilità e rifiuta ancora di riconoscere che la pace non sarà raggiunta senza la creazione di uno stato palestinese indipendente con Gerusalemme Est come capitale”..

Reclamo interno

Sembra che la gestione del conflitto da parte di Netanyahu stia suscitando crescenti critiche, anche tra l'opinione pubblica del suo Paese. Più di 300 persone appartenenti a circa 40 organizzazioni hanno partecipato ad una marcia per le strade di Haifa, una città israeliana vicino al Mar Mediterraneo. Lo scopo della manifestazione era esprimere opposizione alla guerra a Gaza ed è stata la prima manifestazione consentita in quella città dall'inizio del conflitto. La partecipazione è stata possibile grazie al permesso concesso dalle autorità israeliane, che hanno concesso il permesso dopo una decisione dell'Alta Corte di Giustizia israeliana. Questa corte ha accolto la richiesta degli organizzatori di cancellare il divieto iniziale emesso dalla polizia israeliana.

READ  Stati Uniti: un morto e case e auto distrutte dopo che un'autocisterna si è ribaltata ed è esplosa

Durante la marcia, i partecipanti hanno issato bandiere antifasciste e dell'ex Partito Comunista Israeliano, nonché bandiere arcobaleno e palestinesi per protestare contro il “genocidio commesso da Israele” a Gaza. Alla marcia ha risposto un altro, più piccolo raduno di sostenitori del governo israeliano, senza incidenti.

Il Forum per le famiglie degli ostaggi e delle persone scomparse ha iniziato una protesta e ha allestito un accampamento davanti alla casa di Netanyahu Nella località di Cesaria, mentre il padre di uno degli ostaggi ha iniziato uno sciopero della fame per chiedere un'azione più forte per la liberazione dei prigionieri.. L'Hostage Families Forum ha osservato: “È troppo tardi per gli omicidi. Il gabinetto di guerra non deve perdere nessuna opportunità per raggiungere un accordo che riporti tutti a casa”. Lo hanno aggiunto I manifestanti rimarranno davanti alla residenza del Primo Ministro finché non verrà ad ascoltarli e si impegnerà a condurre un vertice internazionale con la partecipazione di tutti i paesi interessati dalla crisi, fino a quando questa non sarà risolta e tutti gli ostaggi saranno restituiti alle loro case.

Dei 240 rapiti dopo l'attacco di Hamas del 7 ottobre, almeno 132 sono ancora detenuti a Gaza e 25 di loro sono considerati morti, i cui corpi non saranno restituiti. Circa 100 ostaggi sono stati rilasciati durante una tregua umanitaria alla fine di novembre, in cambio del rilascio dei prigionieri palestinesi in Israele.