Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nazisti in Ucraina |  Pagina|12

Nazisti in Ucraina | Pagina|12

L’incidente tra Volodymyr Zelenskyj e Justin Trudeau, il primo ministro canadese, questa settimana al parlamento canadese, quando hanno applaudito Yaroslav Honka, un ex combattente ucraino che in seguito si è rivelato essere un membro delle SS, ha attirato critiche in diversi media occidentali. . . Il vecchio è stato presentato all’evento come un “combattente per l’indipendenza dell’Ucraina contro i russi durante la seconda guerra mondiale”.

La domanda da porsi è: fino a che punto i partecipanti non erano a conoscenza del passato del premiato.

In Occidente, per decenni, hanno esagerato il ruolo degli Stati Uniti e della Gran Bretagna nella sconfitta del nazismo, ignorando il fatto che i sovietici avevano distrutto l’80% delle forze tedesche. Successivamente, durante la Guerra Fredda, i sovietici si fusero con i russi, consentendo all’Unione Sovietica di essere presentata come uno stato in cui altri paesi erano subordinati ai russi e cercavano di provocare rivalità tra loro. Era poco noto che per gran parte della storia sovietica i suoi principali leader non erano russi: Stalin era georgiano, Krusciov e Breznev erano ucraini. Inoltre, il Canada fu un rifugio per un gran numero di collaboratori ucraini che si unirono nel Congresso canadese ucraino, un’associazione molto attiva con una retorica anticomunista e anti-russa.

Si può quindi comprendere l’ignoranza dei leader canadesi sul fatto che il premiato, essendo un combattente contro i sovietici – o “russi” – doveva essere dalla parte dei nazisti.

Questa ignoranza storica non può essere attribuita a Zelenskyj, perché in Ucraina il dibattito sul passato va avanti da anni, anche sotto il suo governo. Sin da prima dell’indipendenza e anche prima, il ruolo dei nazionalisti ucraini nella guerra è stato dibattuto. I collaborazionisti nazisti furono glorificati come legittima opposizione al comunismo perché avrebbe potuto andare peggio per gli ucraini e qualsiasi coalizione era valida per sconfiggerli. L’Organizzazione dei nazionalisti ucraini (OUN), creata nel 1929 per ottenere lo stato statale dell’Ucraina, era giustificata. Questa organizzazione fu successivamente divisa in due parti: una di queste era guidata da Stepan Bandera. Nella Polonia occupata dai tedeschi, le Brigate nazionaliste ucraine Nachtinghal e Roland furono formate nel 1941 e incorporate nell’esercito tedesco per l’invasione dell’Unione Sovietica. Lì, il battaglione, guidato dal rumeno ucraino Shujevich, organizzò il primo massacro di ebrei, davanti agli stessi nazisti.

READ  Le ambasciate degli Stati Uniti e del Regno Unito in Afghanistan hanno esortato i loro cittadini a lasciare il Paese "il prima possibile" a causa dell'avanzata dei talebani

Nel 1942, l’ONU di Bandera creò l’Esercito ribelle ucraino (UPA) per combattere sovietici, polacchi e tedeschi e creare il proprio stato, anche se in seguito si accordarono con i nazisti per combattere i sovietici. Nel 1943 sterminarono almeno 80.000 polacchi in Volinia per ottenere una regione etnicamente pura. Inoltre, le Nazioni Unite hanno facilitato il reclutamento di migliaia di ucraini per creare la 14a divisione delle SS (nota come Galitzia). Con la sconfitta del nazismo la maggior parte dei nazionalisti si rifugiò soprattutto negli Stati Uniti e in Canada.

Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, le Nazioni Unite furono legittimate come Congresso dei nazionalisti ucraini (KUN), che nel 2005 faceva parte della coalizione che portò Viktor Yushchenko al governo. È iniziata quindi una campagna per riscrivere il passato e creare un’identità omogenea che superasse il multiculturalismo esistente. Hanno cercato di rimuovere il sostegno ai filo-russi che chiedevano uno status ufficiale condiviso per la lingua russa e governi provinciali indipendenti. Fu istituito l’Istituto ucraino per la memoria nazionale e per legge era un crimine negare il carattere della carestia dell’era staliniana del 1932 come genocidio anti-ucraino. Šujević fu dichiarato eroe e l’OUN e l’UPA furono organizzazioni che lottarono per la liberazione nazionale. Alla fine Bandera fu dichiarato un eroe e il Parlamento europeo lo accusò formalmente di essere un aperto collaboratore nazista.

Il governo di Viktor Yanukovich, in rappresentanza delle regioni di lingua russa, nel 2010 ha smantellato queste misure: Shukhevich e Bandera hanno perso il titolo di eroi e l’OUN e l’UPA li hanno privati ​​del loro carattere di “combattenti per la liberazione”. L’Istituto ucraino per la memoria nazionale non è più autorizzato a promuovere le rivendicazioni delle figure nazionaliste.

READ  Hanno pubblicato una foto di Boris Johnson che beve vino con altre persone durante il blocco nel 2020 | La nuova polemica con il premier britannico avviene abbastanza presto nell'alternativa Omicron

Viktor Yanukovich ha subito le proteste dei nazionalisti a causa di questi cambiamenti politici, ma ha vinto le elezioni legislative nel 2012 e ha dichiarato che tutte le lingue parlate in una delle province erano lingue coufficiali. L’accordo di Yanukovich con la Russia alla fine del 2013 ha portato a una mobilitazione a Kiev e nelle città occidentali culminata nella Euromaidan All’inizio del 2014 vi hanno partecipato gruppi molto eterogenei, anche se nazionalisti e neonazisti erano molto attivi e visibili, anche se non godevano di molto sostegno elettorale.

Il rovesciamento di Yanukovich potrebbe essere descritto come un colpo di stato perché le misure legali per rimuoverlo non sono state rispettate. L’opposizione al colpo di stato nel sud e nell’est diede inizio ad una guerra civile, durante la quale la Crimea fu annessa alla Russia. La debolezza dell’esercito ucraino e l’avanzata delle milizie filorusse possono essere contenute solo attraverso la mobilitazione spontanea di milizie ultranazionaliste, alcune delle quali dichiaratamente neonaziste, come le brigate Azov, Aidar, Donbass e Dnipro, che rivendicò la responsabilità dell’attentato. Azioni delle Nazioni Unite e dell’UPA.

Il presidente Poroshenko ha integrato queste milizie nell’esercito ucraino per contenerle, il che ha implicato il riconoscimento ufficiale delle figure che affermavano appartenessero al passato.

Nel 2019 Zelenskyj si è insediato con un’ampia maggioranza, il che non è stata necessariamente una vittoria democratica perché i due principali partiti fino ad allora – le Regioni e il Partito Comunista, che gode di ampio sostegno tra i lealisti russi – sono stati bloccati, il che spiega il 39% dei voti. votazione. Astenersi dal voto. Zelenskyj ha promesso di legittimare la lingua russa e di porre fine al conflitto armato, anche se la sua prima azione è stata quella di dirigersi verso est per concludere accordi con i leader delle brigate nazionaliste e neonaziste.

READ  Caduta funivia in Italia: nove morti, due gravemente feriti

Le elezioni legislative, che si sono svolte poco dopo, sono state ancora peggiori: il tasso di astensione ha superato il 51%. Per quanto riguarda le sue azioni alla fine del 2021, solo il 23% ha sostenuto Zelenskyj. E pubblicare Pandora se ne va Ha anche offuscato la sua reputazione: lo ha smascherato come proprietario di milioni di dollari illegali all’estero. Con il declino della sua popolarità, aumentarono la sua retorica anti-russa e l’affinità con gli ultranazionalisti.

* Ricercatore presso il Centro Studi sul Genocidio (UNTREF) e docente di Storia Contemporanea (Scienze Politiche – UBA).