Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nazioni Unite: 18 paesi hanno ridotto le emissioni e migliorato l’economia

Nazioni Unite: 18 paesi hanno ridotto le emissioni e migliorato l’economia

I sostenitori dell’energia pulita e i gruppi di riflessione hanno a lungo sostenuto che è possibile ridurre le emissioni e mantenere la crescita economica. Ora, l’ultimo rapporto dei principali scienziati del clima del mondo afferma che 18 paesi hanno raggiunto proprio questo, pur mantenendo riduzioni sostenibili delle emissioni “per almeno un decennio” mentre le loro economie continuano a crescere.

L’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) – istituito dalle Nazioni Unite – si è astenuto dall’identificare questi paesi adducendo incongruenze nei dati.

Ma utilizzando i dati del Global Carbon Project, che non era coinvolto nel rapporto, l’Associated Press ha identificato 19 paesi in cui le emissioni annuali di anidride carbonica prima della pandemia erano 10 milioni di tonnellate in meno nel 2019 rispetto al 2010. Questi erano gli Stati Uniti e la Gran Bretagna Great, Germania, Giappone, Italia, Ucraina, Francia, Spagna, Grecia, Paesi Bassi, Messico, Finlandia, Singapore, Danimarca, Repubblica Ceca, Belgio, Polonia, Romania e Svezia.

Il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici ha identificato tre fattori comuni nei paesi che sono stati in grado di decarbonizzare: hanno consumato meno energia, sono passati dai combustibili fossili alle energie rinnovabili e hanno aumentato l’efficienza energetica dei loro prodotti.

Questi paesi “possono esportare un modello che dimostra che possiamo ridurre le emissioni e mantenere alti livelli di benessere”, ha affermato Greg Nemet, professore di energia e politiche pubbliche presso la Lavolette School of Public Affairs dell’Università del Wisconsin, a Madison. “Possiamo esportare le politiche che sono state importanti per farlo”.

Sebbene l’elenco dei paesi indichi progressi, solleva anche interrogativi sull’equità. Stati Uniti, Germania, Giappone e Gran Bretagna sono tra i principali contributori alle emissioni storiche di carbonio. I suoi residenti hanno già elettricità e, in larga misura, automobili.

READ  Per rilassarsi: 5 esercizi per rilassare le braccia prima di andare a letto

Nemet, che è anche uno degli autori principali del rapporto IPCC, ha aggiunto che i paesi sviluppati che hanno contribuito storicamente al cambiamento climatico e sono riusciti a rimuovere il carbonio devono assumere un ruolo di “leadership” nell’aiutare i paesi in via di sviluppo a farlo. .

Secondo le stime, i paesi meno sviluppati del mondo emettono solo il 3,3% di gas serra nel 2019. Alcuni esperti sottolineano che i paesi in via di sviluppo spesso devono prendere in prestito a tassi di interesse più elevati rispetto ai paesi sviluppati, il che può rendere proibitivi i grandi progetti di capitale.

“I 18 paesi che hanno equilibrato la riduzione delle emissioni e la loro crescita economica sono esempi che ci danno speranza per il futuro, ma tutti i paesi sviluppati hanno la responsabilità storica di garantire il loro sostegno, sia che si tratti degli obiettivi fissati nell’accordo di Parigi di fornire $ 100 miliardi all’anno in finanziamenti per il clima, o per garantire che i paesi con meno risorse per la tecnologia e la conoscenza apportino questi cambiamenti” o facciano prima queste transizioni, ha aggiunto.

Michael Grob, uno degli autori principali del rapporto IPCC e professore di energia e cambiamenti climatici all’University College di Londra, ha affermato nel rapporto che gli scienziati hanno giocato con diversi scenari economici ed emissioni per vedere cosa accadrebbe a livello globale con diversi livelli di riduzione del carbonio. inquinamento.

In quasi tutti gli scenari, anche quelli “più rischiosi” per ridurre le emissioni di carbonio, il PIL globale ha continuato a raddoppiare all’incirca entro la metà del secolo. Anche nello scenario con i maggiori tagli alle emissioni, Grob ha affermato che il PIL aumenterebbe del 96%.

READ  Di quante ore libere hai bisogno per essere felice? - Salute e benessere

Grob ha affermato che il rapporto dell’IPCC ha rifiutato di nominare i 18 paesi perché i dati per alcuni contavano solo l’anidride carbonica mentre per altri includevano tutti i gas serra. Anche gli anni di riferimento differivano. A seconda dei criteri, ha affermato, ci sono più paesi che hanno ridotto le proprie emissioni mentre le loro economie hanno continuato a crescere.

___

Il Dipartimento della Salute e della Scienza dell’Associated Press riceve il sostegno del Dipartimento di Educazione Scientifica dell’Howard Hughes Institute. AP è l’unico responsabile del contenuto.