Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Naufragio in Italia: com’è successo e domande senza risposta

Naufragio in Italia: com’è successo e domande senza risposta

FILE – Una vista dei resti di una nave affondata trascinata dalle onde sulla spiaggia vicino a Kutro, nel sud Italia, lunedì 27 febbraio 2023. Finora sono stati recuperati 70 corpi dal naufragio del 26 febbraio. Una piccola città di mare. Ma sono stati trovati solo 80 sopravvissuti, il che suggerisce che il bilancio delle vittime sia stato alto e che alcuni dei corpi delle vittime siano scomparsi nel Mar Ionio. (Foto AP/Luigi Navarra, Fascicolo)

STECCATO DI CUTRO, Italia (AP) – “Italia, arriviamo!” I giovani hanno girato un video in urdu e pashto del loro giro in barca attraverso l’acqua cristallina.

Sono tra i circa 180 migranti – afghani, pakistani, siriani, iraniani, palestinesi, somali e altri – che hanno lasciato la Turchia nella speranza di trovare una vita migliore o più sicura in Europa.

Pochi giorni dopo, decine di loro morirono. Finora sono stati recuperati 70 corpi dal naufragio del 26 febbraio nei pressi del piccolo comune costiero di Steccato di Cutro. Ma solo 80 sopravvissero, suggerendo che il numero delle vittime fosse alto. Domenica i sommozzatori dei vigili del fuoco hanno trovato un altro corpo nel Mar Ionio e stavano lavorando per portarlo a terra, ha riferito la televisione di stato.

La tragedia ha attirato l’attenzione su una rotta migratoria poco conosciuta dalla Turchia all’Italia. Ha anche presentato un inasprimento delle politiche europee e italiane sull’immigrazione, che dal 2015 si sono allontanate da una strategia di ricerca e soccorso per concentrarsi sulla sorveglianza delle frontiere. Il governo italiano deve ora affrontare la questione del perché la guardia costiera non sia stata inviata prima che fosse troppo tardi.

Sulla base di documenti giudiziari, testimonianze di sopravvissuti e familiari e rapporti ufficiali, AP ha messo insieme ciò che si sa sugli eventi che hanno portato al naufragio e sulle domande senza risposta.

___

Il viaggio della follia

Nelle prime ore di mercoledì 22 febbraio, i migranti – tra cui decine di famiglie con bambini piccoli – sono arrivati ​​in camion da Istanbul e si sono imbarcati su una barca da diporto su una spiaggia vicino a Izmir dopo aver attraversato una foresta.

Hanno lasciato la riva. Ma dopo tre ore di viaggio, il motore della nave si è rotto. In alternativa, una vecchia barca di legno tradizionale turca prendeva il largo.

I trafficanti ei loro complici hanno detto ai migranti di nascondersi sotto la piattaforma mentre continuavano il loro viaggio verso ovest. Senza sedili né giubbotti di salvataggio, si rannicchiavano a terra, senza fiato per respirare o per trovare sollievo. I sopravvissuti hanno detto che anche la seconda barca ha avuto problemi al motore e si è dovuta fermare in diverse occasioni.

READ  Gli indici italiani chiudono il rialzo; Investing.com Italia 40 Oltre 2,42% da Investing.com

Tre giorni dopo, alle 22:26 di sabato 25 febbraio, un aereo della Guardia di frontiera e costiera europea che pattugliava il Mar Ionio ha individuato una nave diretta verso la costa italiana. L’agenzia, chiamata Frontex, ha detto che la nave “non ha mostrato segni di problemi” e stava viaggiando a 6 nodi con “buona” galleggiabilità.

Frontex ha inviato una mail alle autorità italiane alle 23:03 segnalando una persona all’ultimo piano e rilevata dalle termocamere. Non c’erano giubbotti di salvataggio in vista. L’e-mail menziona anche che dalla nave è stata effettuata una telefonata satellitare in Turchia.

In risposta al punto di vista di Frontex, il caso è stato classificato come “operazione di polizia marittima”. La Guardia di Finanza italiana, che si occupa anche delle dogane e delle dogane, ha inviato due motovedette per “intercettare la nave”.

Mentre sabato notte la nave turca si avvicinava alle coste italiane della Calabria, ad alcuni migranti della nave è stato permesso di inviare messaggi ai loro parenti sul loro imminente arrivo e di sbloccare il riscatto di 8.000 euro concordato con i trafficanti.

I sopravvissuti hanno detto agli investigatori che i barcaioli hanno detto ai passeggeri in preda al panico di aspettare ancora qualche ora prima di sbarcare per evitare di essere scoperti.

Alle 3:48 di sabato 26 febbraio, le imbarcazioni della guardia di finanza sono rientrate alla base senza raggiungere l’imbarcazione a causa del maltempo. Secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa italiana ANSA e confermato dall’AP, la polizia ha contattato la guardia costiera per chiedere se ci fossero navi in ​​mare “in caso di emergenza”. La Guardia Costiera ha risposto di no. “Beh, solo per farti sapere”, ha detto un poliziotto prima di riattaccare.

Pochi minuti dopo, intorno alle 4 del mattino, i pescatori locali della costa meridionale italiana hanno visto le luci nell’oscurità. La gente agitava eccitata la torcia del cellulare da una nave incagliata su un banco di sabbia.

Secondo i sopravvissuti, i dirottatori avrebbero afferrato alcuni cilindri neri, forse giubbotti di salvataggio, e sarebbero saltati in acqua per salvarsi. Le onde continuarono a colpire la nave finché non si spezzò improvvisamente. Sembrava un’esplosione, hanno detto i sopravvissuti. La gente è caduta nell’acqua gelata cercando di afferrare ciò che poteva. Molte persone non sanno nuotare.

La polizia italiana è arrivata sul posto intorno alle 4:30, mentre la guardia costiera afferma di aver ricevuto le prime chiamate di emergenza relative alla nave. Ci è voluta un’altra ora prima che arrivasse la Guardia Costiera. A quel punto i corpi erano stati estratti dall’acqua, le persone gridavano aiuto e altri stavano cercando di rianimare le vittime.

READ  Mourinho e Allegri stanno facendo una guerra tecnologica in Italia

___

Giovani vittime

A bordo c’erano decine di bambini piccoli. Quasi nessuno è sopravvissuto. Sabato è stato recuperato il cadavere di un bambino di tre anni.

Tra i sopravvissuti c’erano un padre siriano e suo figlio maggiore, ma sua moglie e tre figli furono uccisi. Il corpo del bambino di 5 anni rimane disperso quattro giorni dopo.

Un uomo afghano ha viaggiato dalla Germania alla ricerca del nipote di 15 anni e ha contattato la sua famiglia per dire che era in Italia. Ma anche quel ragazzo è morto prima di mettere piede a terra.

Lo zio ha chiesto che il suo nome e quello del genero non venissero resi noti in quanto non aveva ancora informato il padre del ragazzo.

L’adolescente dalla faccia da bambino ha condiviso un video con la sua famiglia durante la traversata in quello che sembrava essere bel tempo.

Sua madre è morta due anni fa e dopo che i talebani sono tornati al potere, la famiglia è fuggita in Iran. Il ragazzo ha continuato a viaggiare in Turchia e ha tentato più volte di entrare nell’Unione Europea.

“L’Europa è l’unico posto dove sei meno rispettato come essere umano”, ha detto. “Tutti sanno che è pericoloso al 100%, ma sta rischiando la vita perché se ci riesce, può vivere”.

___

Conseguenze

L’accusa ha aperto due inchieste, una sui presunti dirottatori e un’altra sulla lentezza delle autorità italiane nella risposta all’incidente.

Tra gli 80 sopravvissuti, sono stati arrestati un turco e due pachistani, sospettati di essere i rapitori o loro complici. Il quarto sospettato evaso è un cittadino turco.

Un aspetto di particolare preoccupazione era il motivo per cui la Guardia Costiera non è stata inviata per ispezionare la nave.

Il giorno dopo l’affondamento, Frontex ha dichiarato all’AP di aver trovato una nave “molto sovraffollata” e di averne informato le autorità italiane. Tuttavia, in una seconda dichiarazione, Frontex ha chiarito che solo una persona è stata trovata sul ponte, sebbene le sue telecamere termiche “e altre indicazioni” indicassero che all’interno potevano esserci più persone.

In un’intervista con l’AP, l’ammiraglio della Guardia Costiera in pensione Vittorio Alessandro ha affermato che le navi della Guardia Costiera sono costruite per resistere al mare mosso e avrebbero dovuto andarsene. “Se non soccorsi, almeno controlli se la nave ha bisogno di aiuto.”

READ  L'industria aeronautica in Portogallo e in Italia cerca sostegno per porre il veto alla tassa sul cherosene

Alessandro ha sottolineato che le immagini rilasciate da Frontex indicavano che il livello dell’acqua era alto, indicando che la nave era sovraccarica.

La guardia costiera ha affermato che Frontex ha allertato i funzionari responsabili della “sicurezza” e ha copiato la guardia costiera solo per “tenerli aggiornati”. Per Frontex, le autorità nazionali sono responsabili della classificazione degli incidenti come operazioni di ricerca e salvataggio.

“La questione è semplice nella sua tragicità: nessuna comunicazione urgente da Frontex è giunta alle nostre autorità. Non siamo stati avvertiti che questa nave rischiava di affondare”, ha detto sabato il primo ministro italiano Giorgia Meloni.

“Mi chiedo se ci sia qualcuno in questo Paese che creda davvero che il governo abbia deliberatamente lasciato morire circa 60 persone, compresi molti bambini”, ha aggiunto.

Tuttavia, ha sottolineato Alessandro, negli ultimi anni i governi che si sono succeduti hanno progressivamente ridotto le attività della guardia costiera – che prima operava anche in zone remote in acque internazionali.

“Le operazioni di salvataggio in mare non dovrebbero essere sostituite da operazioni di polizia. “Il piano di salvataggio deve avere successo”, ha detto.

In un’intervista all’AP, Eugenio Ambrosi, capo dello staff dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni delle Nazioni Unite, ha sottolineato la necessità di una strategia di ricerca e salvataggio più efficace da stabilire a livello europeo.

“Possiamo guardare e discutere se (la nave) è stata avvistata o meno, se le autorità sono state allertate e non hanno risposto”, ha detto. “Ma se ci fosse un meccanismo di ricerca e soccorso nel Mediterraneo non ci porremmo questa domanda”.

___

Brito riferisce da Barcellona, ​​​​in Spagna. Anche gli autori di AP Trisha Thomas a Roma, Colin Barry a Milano e Ahmed Seer ad Amsterdam hanno contribuito a questo rapporto.

I soccorritori recuperano un corpo da una spiaggia vicino a Gutrow, nel sud Italia, dopo che una barca di migranti si è capovolta in mare agitato, domenica 26 febbraio 2023. Finora sono stati recuperati 70 corpi dal naufragio di una piccola nave chiamata Steccato de Cutro il 26 febbraio. Città di mare. Ma sono stati trovati solo 80 sopravvissuti, suggerendo che il bilancio delle vittime sia molto più alto e che i corpi di alcune vittime siano stati persi nel Mar Ionio. (AP Photo/Giuseppe Pipita, Fascicolo)