Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

NASA: tra 60 anni, l’apocalisse climatica inizierà con uragani e uragani indomabili

Il Contenitore Questo mercoledì, 16 novembre, è stato pubblicato un rapporto allarmante: Vista dallo spazio, la Terra lo mostra L’Artico si sta riscaldando ca Quattro volte più veloce rispetto al resto del pianeta, non due volte più veloce di quanto recentemente stimato.

E anche il fatto che uragani, uragani e tornado stiano diventando più forti fa parte dello stesso problema.

Dovrebbe essere chiaro che entrambi Uragani, come uragani e uragani È lo stesso fenomeno meteorologico: una tempesta è caratterizzata da un ciclo chiuso attorno a un centro di bassa pressione (una tempesta), che provoca forti venti e forti piogge. Questa tempesta riceve un nome diverso a seconda di dove si verifica.

Uno degli ultimi cicloni polari registrati dall’Osservatorio della Terra della NASA.

Quando queste tempeste si verificano nel settore settentrionale dell’Oceano Atlantico, nel Mar dei Caraibi e nel settore nord-orientale dell’Oceano Pacifico, sono chiamate “tornado” (Il nome è dovuto alla divinità degli abitanti dei Caraibi, Hurricane, il dio del male). Noi siamo “Tornado” Si verifica nel nord-ovest del Pacifico. S Tornadose scoppiasse sopra e sotto l’equatore nell’Oceano Pacifico occidentale.

In tutto il mondo si formano circa 80 cicloni tropicali ogni anno. Tuttavia, ci sono anche cicloni artici.

Apocalisse climatica

in un lavoro Contenitore È stato annunciato di recente e si è concluso che dobbiamo prepararci Le stagioni degli uragani minacciano sempre piùinizialmente sulle coste del Nord America, ma successivamente comparirà anche in altre regioni fredde dell’Oceano Artico Polo Nord.

In altre parole, si intensificherà su vaste aree dell’emisfero settentrionale, almeno secondo le indagini che sono state effettuate e che stanno proseguendo il loro corso.
E quegli uragani e uragani diventeranno solo più forti man mano che il cambiamento climatico continua.

READ  Il momento in cui l'Ucraina distrugge il carro armato Breakthrough, "l'orgoglio dell'industria russa"

Gli scienziati della NASA si aspettano che A Apocalisse climatica Inizierà a stabilirsi tra sessant’anni, man mano che il ghiaccio marino si perde, le temperature aumentano più rapidamente e sbuffi di aria più calda e umida raggiungono l’Artico.

Cicloni polari 20221116
Apocalisse climatica. Questo è l’aspetto di un uragano artico.

Uragani indomabili

Quando dici: “Gli uragani stanno diventando più forti?” Significa “Saranno di Classe VI?” La risposta in questo caso sarebbe no. A causa della fisica, i tornado non raggiungono più di un Quinta categoriapredice il dottor Chelsea Parker, direttore del team di ricerca della NASA.

“Tuttavia, vediamo sempre più uragani atlantici ogni stagione raggiungere livelli di categoria III, categoria IV o categoria V rispetto alle stagioni di 40 anni fa”, aggiunge Parker, ricercatore associato presso il Centro interdisciplinare per le scienze dei sistemi. Terra (ESSIC).

Uno studio del 2020 pubblicato sulla rivista naturaha analizzato gli uragani che hanno colpito il Nord America tra il 1967 e il 2018 e concorda con il Dr. Parker.

Secondo questo lavoro, negli anni ’60 gli uragani hanno perso il 75% della loro forza in un periodo di 24 ore dopo aver colpito la costa a terra. Ciò è cambiato oggi, la forza dell’uragano che normalmente approda Diminuisce solo del 50 percento durante il primo giorno.

Cicloni polari 20221116
Tornado, tornado e tornado sono fondamentalmente la stessa cosa, ma cambiano nome a seconda di dove si verificano. In questa foto, il circolo polare artico.

“là Grande effetto Da Cambiamento climatico. Più calda è l’acqua, più potente ed energico sarà questo sistema e la sua intensità aumenterà semplicemente. Gli uragani stanno diventando più forti? La risposta sarebbe sì. Stiamo vedendo sempre più cicloni tropicali diventare di categoria tre, quattro e cinque. Quindi in realtà sì, stiamo assistendo a quel cambiamento ogni capitolo Negli ultimi anni”, conclude Parker, che è anche ricercatore presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland.

READ  Erano compagni di scuola alle elementari e scappavano dalla routine: vivevano in gruppo in mezzo alla campagna

In 60 anni, terribili uragani e uragani

Le tempeste più pericolose saranno per le attività di navigazione, l’esplorazione e l’estrazione di petrolio e gas, la pesca e gli ecosistemi e la biodiversità artica”, aggiunge Parker.

“Man mano che il ghiaccio marino si ritira, si apre più spazio per queste attività, ma potrebbe anche arrivare con condizioni meteorologiche più pericolose”.

Parker ei suoi colleghi hanno analizzato le simulazioni al computer di nove uragani che hanno colpito l’Artico nell’ultimo decennio. per una migliore comprensione condizioni futureGli scienziati hanno simulato un Artico con temperature molto più calde e meno copertura di ghiaccio.

Cicloni polari 20221116
Il riscaldamento globale. La madre di tutti i problemi, perché innalza la temperatura dell’acqua e ne accelera lo scioglimento.

“Quando aggiungiamo il futuro cambiamento climatico proiettato in una simulazione al computer, vediamo davvero Stupefacente affiliato Tornado“, prevede l’esperto.

Il team ha scoperto che entro la fine del secolo, V Non più di 60 anniLa velocità del vento per gli uragani può aumentare fino a 61,16 chilometri orari in più rispetto a quella attuale, a seconda delle caratteristiche della tempesta e delle condizioni ambientali nell’area.

Gli uragani più forti e i venti indomabili

Inoltre, l’intensità massima di queste tempeste può essere fino al 30% maggiore ed è probabile che siano accompagnate da forti piogge. Se gli uragani iniziano a piovere in primavera, Il ghiaccio marino potrebbe iniziare a sciogliersi prima Meno sopravviveranno al disgelo estivo.

L'uragano Ian
La costa orientale degli Stati Uniti subirà le prime conseguenze della recrudescenza degli uragani nell’Artico.
Uragano Ian in Florida 20220929
Costa orientale degli Stati Uniti, Florida.

Per fornire una base reale ai loro modelli, Parker e colleghi hanno confrontato le loro simulazioni con le osservazioni dirette di alcune tempeste artiche raccolte nel 2020 dalla missione internazionale MOSAIC, Rompighiaccio che naviga nell’Articoin inverno, con le più moderne attrezzature scientifiche.

“Normalmente non disponiamo di molti dati dalle stazioni meteorologiche nell’Artico per poterlo fare, quindi MOSAiC è stata una parte fondamentale per noi perché siamo stati in grado di utilizzare misurazioni reali per convalidare il nostro modello”, ha affermato Parker.

READ  L'aereo ha preso fuoco durante l'atterraggio all'aeroporto di Miami: i feriti sono tre

Possiamo dire di averlo simulazione Le attuali condizioni meteorologiche per questi uragani realistico E che possiamo fidarci di ciò che sta facendo il modello.

Gli scienziati hanno bisogno di maggiori dettagli sui cicloni artici per fare previsioni più accurate su come le tempeste influenzeranno il ghiaccio marino, che è già in declino, nei prossimi 50 anni.

mm / ed

Potrebbe piacerti anche