Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Regno Unito: Liz Truss cerca di difendere il suo short management e la sterlina scende ulteriormente | Il Primo Ministro a un bivio

da Londra

Appena quattro settimane dopo essere stato eletto leader del Partito conservatore e primo ministro, il discorso conclusivo di Le Truss Bacio Conferenza annuale del partito Era destinata a essere la sua ora di gloria, il momento in cui avrebbe annunciato al mondo che stava liberando il Regno Unito dalle catene che gli impedivano di tornare in cima al mondo. Con la svolta di 180 gradi che ha offerto lunedì in merito al taglio delle tasse per i ricchi, con i membri del suo gabinetto che lo hanno sconfessato e i suoi vice in ribellione, solo Gears Sono riuscito a sembrare provocatoriocome qualcuno che cerca di salvarsi la testa da una ghigliottina mortale con un grido di trionfo.

I discorsi di chiusura delle conferenze di partito, uno dei principali eventi del calendario politico britannico, di solito durano tra un’ora e un’ora e mezza in quanto servono ai leader per fornire una panoramica della situazione nazionale e mondiale e dei piani che il governo ( o opposizione) ha per i prossimi 12 mesi. In questo caso sono bastati poco più di 30 minuti: si trattava di evitare più voli. Io non: La sterlina e le obbligazioni sono scese poco dopo il suo discorso. È quello che succede ogni volta che lei o l’indescrivibile ministro delle finanze, Kwasi Quarting, apre bocca.

piano di gear-kart

a malincuore ingranaggi Confessa di bilanciare la sedizionePresentato il 23 settembre. Ci sono stati degli errori, ma ha rinnegato la sua anima E le sue parole con le dottrine neoliberiste radicali che la caratterizzano. “La sfida che dobbiamo affrontare è enorme. Guerra in Europa, un mondo post-Covid più incerto, un’economia globale in crisi. Ecco perché noi britannici dobbiamo cambiare rotta. E quando c’è un cambiamento, ci sono disordini. Non tutti ci saranno Ma tutti trarranno vantaggio dall’economia in crescita che ci guiderà”. Verso un futuro migliore: “Abbiamo un piano chiaro che attueremo”, ha affermato Truss.

Il progetto nasce dalle pagine di un libro pubblicato dal dinamico duo Truss-Kwarteng nel 2012, Britannia svincolata. Questa “deregolamentazione” che opprime la Gran Bretagna è il massiccio taglio delle tasse ai più ricchi e alle società, l’adeguamento della spesa pubblica e la lotta diretta contro i sindacati.

READ  L'incredibile storia del condannato che non ha pagato per prendere un taxi da Buenos Aires

Intervenendo alla conferenza, il Presidente del Consiglio ha chiesto un altro pilastro del bilancio: aiutare le famiglie e le imprese a far fronte all’aumento delle bollette di gas ed elettricità. “La nostra risposta alla crisi energetica è la parte più importante del nostro budget”, ha affermato Truss.

Ad agosto, c’è stato un solo voto contro questo aiuto: quello della stessa Liz Truss che non voleva avere nulla a che fare con lo Stato che erogava gli aiuti. Il rischio che migliaia di imprese falliscano e decine di migliaia di famiglie finiscano nella “povertà energetica” (dedicando oltre il 10% del reddito a gas ed elettricità) o scacciano i senzatetto, ha finito per piegare la loro intransigenza.

Questa svolta di 180 gradi ha un problema. L’aiuto costerà 60 miliardi nei prossimi sei mesi, circa 150 miliardi se prorogato oltre. Truss ha respinto una proposta commerciale per tassare le entrate straordinarie delle compagnie petrolifere ed energetiche che avevano causato enormi perdite con la crisi. Ma ha anche annunciato tagli alle tasse per 45 miliardi di sterline.

L’enorme aumento della spesa, l’enorme riduzione delle entrate danno un risultato: i conti non chiudono. L’intervento della Banca d’Inghilterra da 65 miliardi di sterline solo la scorsa settimana ha in qualche modo calmato la tensione sui titoli di Stato britannici e sulla sterlina britannica. L’intervento ha cercato di dare tempo al governo, ma ha dei limiti: mercoledì prossimo.

Così, lunedì Truss è stato costretto a fare un’altra svolta di 180 gradi riguardo a una delle misure centrali del bilancio: un taglio delle tasse per chi guadagna più di £ 150.000 (che passerà dal pagare il 45% al ​​40%). I mercati sono stati tranquilli per alcune ore perché i conti non sono stati chiusi e il governo sembrava perso nella nebbia.

READ  L'onda micron in Argentina ha cominciato a diminuire

In termini di numeri, l’inversione Truss-Quarting da sola rappresenta 2 miliardi di sterline del taglio delle tasse di 45 miliardi di sterline. Come pubblicato oggi dal settimanale conservatore L’economista, I mercati finanziari globali, in uno stato di turbolenza globale, hanno già scelto l’anello più debole della catena del mondo sviluppato: la sterlina. Ma anche, a livello politico, c’è consenso in tutti i media sul fatto che questa Conferenza annuale dei conservatori sia stata uno dei “partiti più disastrosi che si possano ricordare”.

Ribellione in fattoria

Martedì, la conferenza sembrava un campo di battaglia. In un’intervista a BBC Il ministro dell’Interno Soyla Braverman si è detta “estremamente delusa” dal cambiamento della tassa sui ricchi e che è in atto un complotto tra i parlamentari conservatori per far cadere il governo.

Braverman, che appartiene all’ala intransigente anti-immigrazione, nonostante la sua origine indiana, ha indicato due ex parlamentari e ministri di Boris Johnson, che hanno criticato il taglio delle tasse: Michael Gove e Grant Shapps. Lo stesso martedì, il partito Shapps ha lanciato un avvertimento allo stato sui sondaggi di opinione che danno ai laburisti un vantaggio compreso tra 25 e 30 punti. Non credo che i parlamentari conservatori si siederanno se le votazioni continuano in questo modo. Shapps ha detto che i prossimi 10 giorni saranno critici.

La ribellione tra i conservatori si è estesa a uno dei piani del governo per finanziare il taglio delle tasse: tagliare le prestazioni sociali. In un’intervista, Truss ha rifiutato di escludere che le prestazioni sociali si allineino al reddito medio (aumento medio del 6%) e non all’inflazione (10% o più): ciò farebbe risparmiare circa 4 miliardi di sterline.

Due membri del gabinetto di Truss, Benny Mordaunt e Robert Buckland, guidarono l’accusa contro la potenziale mossa. Sono sempre stato a favore delle pensioni o del nostro stato sociale conforme all’inflazione. “Non possiamo colpire con una mano e servire con l’altra”, ha detto Mordaunt.

READ  Gli attivisti per il clima hanno lanciato liquido nero contro un dipinto di Klimt in un museo di Vienna

A questo panorama turbolento si aggiunge una dose di instabilità non quantificabile perché la verità è che nulla è stato fissato in questo bilancio che ha sollevato molta polvere finanziaria e politica. I dati definitivi saranno invece presentati al Governo solo a fine novembre con una valutazione del loro impatto da parte dell’Autosufficiente Ufficio per la Responsabilità di Bilancio. Ma in aggiunta, il Parlamento deve approvare il bilancio.

Con il declino interno del partito al governo, non è inconcepibile che molti conservatori facciano causa comune con l’opposizione se Truss non compie più giri di 180 gradi. Questo mette il primo ministro tra un martello e un’incudine. che esso gioco finito Se non si tira indietro e il Parlamento non approva il bilancio, la sconfitta equivale a una proposta di censura. Ma se tornerà, il suo progetto politico-economico sarà svuotato di ogni forza e credibilità.

applausi vuoti

Gli inglesi sono tradizionalisti e amanti del protocollo. Il protocollo di queste conferenze prevede che i leader siano elogiati e persino applauditi. Con i conservatori basta alzare la voce per criticare, come ha fatto il Truss, i loro mostri neri: l’Unione Europea, i sindacati e quella che lei ha chiamato “l’alleanza contro la crescita”. Ma il protocollo non scritto afferma anche che i rituali delle buone maniere non durano.

Nel 2003, il leader del Partito Conservatore, Ian Duncan Smith, ha ricevuto 19 standing ovation nel suo discorso di chiusura alla Conferenza del Partito Conservatore. Poche settimane dopo, il Partito Parlamentare ha ritirato la sua fiducia: addio Duncan Smith. Certo Duncan Smith, il leader di un partito di opposizione e ingranaggi, era il primo ministro, ma il rumore di fondo è assordante. Truss scommette che entro sei mesi l’economia risponderà con una crescita robusta e l’intera crisi sarà dimenticata. Nessuna di queste due condizioni è garantita. Non c’è un piano alternativo in vista.