Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Narvaez vince la prima tappa del Giro, partendo da Bocagar

Narvaez vince la prima tappa del Giro, partendo da Bocagar

Lui Giro d’Italia 2024 È già una realtà. La Corsa Rosa è iniziata questo sabato con una richiesta La prima tappa è di 140 chilometri fra Venaria Reale e Torino, in una giornata in cui i corridori hanno già bisogno di un primo tentativo in più su terreni con condizioni impegnative. Tra questi, l’Ecuador Jonathan Narvaez (INEOS Grenadiers) ha vinto a ritmo basso Massimiliano Schachmann (BORA-hansgrohe) e A Tadej Pogacar (Emirati Arabi Uniti) ha iniziato la giornata con ambizione, poi ha dato il tono lasciandosi alle spalle i dubbi.


Per saperne di più

Celes Piedrabuena


Per saperne di più

Celes Piedrabuena


Per saperne di più

Celes Piedrabuena

La quarta tipologia di salita (Persano di San Pietro), la terza (Superca) e la seconda (Madalena) hanno accolto i corridori in una tappa senza grandi rifiniture, ma gli ultimi dieci chilometri sono stati una sfida con il duro muro di San Vito. Per i ciclisti. In esso, Bogakar rimane senza uomini con solo il supporto di un grande Rafal Majka. Tuttavia, una volta che le forze dei polacchi si ritirarono, Lo sloveno, nonostante sembrasse in difficoltà, dopo poco è riuscito a riprendersi, saltando da dietro e perdendo velocità nell’inseguire chi lo precedeva. E gioca per la vittoria di tappa con Schachman e Un Narvaez lo prese come primo presidente della ‘Corsa Rosa’.

I centoquaranta corridori che nelle prossime tre settimane faranno notizia nel mondo del ciclismo hanno, come previsto, cominciato a sgranchirsi le gambe in una giornata in cui non sono mancati i tentativi di fuga fin dalla partenza. Il gruppo ha approvato fin dall’inizio la fuga degli italiani Andrea Pietropan (Boldi Cometa) e Filippo Fiorelli (Gruppo VF)Dal francese Lilian Calmejean (Intermarche-Vandy 2024), Louis Barre (RK-B&B Hotels) e Nicolas Depuemarche (Cofitis) e dall’Eritrea Emmanuel Ghebrixabier (Liddle-Dreck)Che in questo modo hanno assunto il ruolo di protagonisti della giornata.

READ  Italia: avvertimento all'estrema destra | Contraccolpo elettorale e manifestazioni filo-palestinesi

I favoriti volevano mantenere un ritmo costante e così è stato, anche se gli spunti di gara erano chiari fin dall’inizio. Gli Emirati Arabi Uniti di Dadej Pokhar sono incaricati della gestione della distanza con i sopravvissuti. Si sono capiti bene fino alla salita verso Superga, a quel punto Calmejan e Kebrikjapierre hanno guadagnato qualche secondo sugli altri ragazzi mentre il gruppo cadeva e si staccava, a tre minuti dal ritmo degli uomini del Bocacar.

Riduce gradualmente i disaccordi con il capo della tribù Calmejane e Gebrikjapierre se ne vanno con determinazione A trenta chilometri dalla fine altri elementi in fuga assorbiti dal gruppo. I due uomini di testa hanno mantenuto un vantaggio sul gruppo più numeroso per circa due minuti, ma questo è stato rapidamente ridotto.

Soprattutto durante l’arrampicata Cole Maddalena, seconda con 7 chilometri al 6,8% con tratti fino all’11%. Gli Emirati Arabi Uniti hanno continuato ad attaccarlo con l’aiuto di Rafal Majka, tagliando significativamente il gruppo, lasciando giocatori del calibro di Romain Bardet in fuga. Dhruva è l’ultimo uomo rimasto È stato Bhogar a seminare dubbi non resistendo nella parte finale della salita.

Ciò ha lasciato diversi ciclisti che cercavano di superare il tratto finale, incluso Kebrikjapierre, assorbito dal gruppo. Si è formato Un gruppo di sette corridori all’inseguimento di Calmejen Dopo aver approfittato dei dubbi del Bocagar e degli Emirati Arabi Uniti: Nicola Conci (Albesin-Desiuninck), Maximilian Schachmann (Bora-Hansgrohe), Alex Baudin (Decathlon-AG2R), Michel Honoré (EF Education), Alessandro de Marchi (Jaico Alula) , Giulio Bellisari (Bardiani) e Damiano Caruso (Bahrain-Victorius), che hanno raggiunto Calmejon in testa alla corsa con venti secondi di vantaggio sul gruppetto principale.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci

Conci ha provato a recuperare qualche secondo prima di San Vito, con il gruppo staccato di cinquanta secondi. Ma il ‘boss’ della corsa era pronto. Bhogar ha preso le redini per raggiungere immediatamente il gruppo degli inseguitori, Julian Alaphilippe (Soutal Quick-Step) e Jonathan Narvaez (INEOS) al volante. A tre chilometri dalla fine dello sloveno Ganci, solo l’ecuadoriano e Schachmann sono riusciti a riprendergli il volante.

Quindi tutto è stato deciso nella corsa finale Boggar ha pagato per le forze utilizzate pochi istanti prima che Narvaez e Schachman li raggiungessero.. L’ecuadoriano è arrivato alla prima tappa di questa edizione, la seconda della sua carriera al Giro e sicuramente la più importante della sua carriera sportiva per concorrenti e tappa. È stata la prima maglia rosa della corsa Bhogakar inizia dall’inizio mettendo in chiaro che vuole essere il capo della prova. Questa domenica, una nuova occasione per dimostrarlo nella seconda tappa, 161 chilometri tra San Francesco al Campo e l’arrivo alto al Santuario de Europa di Biella.

Classificazione dopo la prima fase

Prima tappa, Venaria Real-Torino, 140 km
1. Jonathan Narvaez (Ecuador/INEOS Grenadiers) 3h14’23” (10″ bonus)
2. Maximilian Schachmann (Germania/BORA-hansgrohe) id. (7″ Bonus)
3. Tadej Pogacar (Slovenia/Emirati Arabi Uniti) Id. (4″ Bonus)
4. Alex Baudin (Francia/Decathlon AG2R La Mondial) 6″
5. Nicola Conci (Italia/Alpesin-DC) 10″
6. Quinton Hermans (Belgio/Albesin-Deseuninck) id.
7. Mauri Vansevenant (Belgio/Soudal Quick-Step) ID.
8. Antonio Tiberi (Italia/Bahrein Vittorioso) Id.
9. Attila Walter (Ungheria/Team Wisma-Rent a Bike) Id.
10. Geraint Thomas (Gran Bretagna/Granatieri INEOS) Id.
23. Juan Pedro Lopez (ESP/Lidl-Trek) a 20”
44. Ruben Fernandez (ESP/Cofidis) a 1’40”
77. Pelayo Sánchez (ESP/Movistar) 8’13”
94. Francisco Muñoz (ESP/P. Kometa) a 10’58”
148. Albert Torres (ESP/Movistar) 14’48”

Generale
1. Jonathan Narvaez (Ecuador/INEOS Grenadiers) 3h14’13”
2. Maximilian Schachmann (Germania/Bora-Hanskirche) 3″
3. Tadej Pogacar (Slovenia/Emirati Arabi Uniti) 6″
4. Alex Baudin (Francia/Decathlon AG2R La Mondial) 16″
5. Damiano Caruso (vittoria Italia/Bahrein) 17″
6. Nicola Conci (Italia/Alpesin-DC) 18″
7. Quinton Hermans (Belgio/Alpesin-Desseuninck) 20″
8. Mauri Vansevenant (Belgio/Soudal Quick-Step) ID.
9. Antonio Tiberi (Italia/Bahrein Vittorioso) Id.
10. Attila Walter (Ungheria/Team Wisma-Rent a Bike) Id.
11. Geraint Thomas (Gran Bretagna/Granatieri INEOS) id.
12. Filippo Canna (Italia/Granatieri INEOS) ID.
13. Daniel Felipe Martinez (Colombia/Bora-Hansgrohe) id.
14. Cian Uijtdebroeks (Bél/T. Visma-L. Bike) id.
15. Eddie Dunbar (Irl/Jayco AlUla) id.
16. Mikkel Frolich Honoré (Din/EF Educazione) ID.
17. Julian Alaphilippe (secondo Fra/Soudal Q.) Id.

23. Juan Pedro Lopez (ESP/Lidl-Trek) a 30”
45. Ruben Fernandez (ESP/Cofidis) 1’50”
77. Pelayo Sánchez (ESP/Movistar) 8’23”
94. Francisco Muñoz (ESP/P. Kometa) 11’08”
148. Albert Torres (ESP/Movistar) 14’58”

READ  Carnevale nelle Marche, un connubio di bellezza e tradizione