Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nairo Quintana torna al grande ciclismo con Movistar |  ciclismo |  Gli sport

Nairo Quintana torna al grande ciclismo con Movistar | ciclismo | Gli sport

Nairo Quintana, parlando dell’attentato avvenuto a La Camperona durante la Vuelta 2016.Tim DeWiley (Corbis tramite Getty Images)

Nairo Quintana torna al Movistar, il suo primo club in Europa, dopo un anno di assenza. Il 33enne corridore colombiano, che nell’ultimo decennio ha conquistato tre podi al Tour, al Giro e alla Vuelta, è diventato un grande della Movistar e ha formato una grande squadra per Eusebio Unzue, che nominandolo per il 2024 compie un dovere di gratitudine verso il pilota che, insieme ad Alejandro Valverde, lo rappresenta meglio. Con la sua generosità verso il suo sport, Movistar ripara anche l’ingiustizia del ciclismo nei confronti di uno dei suoi grandi eroi, condannato a un esilio immeritato, dimenticato senza passato e la cui memoria è stata rapidamente cancellata dall’infatuazione giovanile e dall’adorazione della generazione d’oro. Pogacar, Vinggaard, Evenepoel, Roglic, Van Aert e Van der Poel.

Non sono solo emotive le ragioni della sua nomina da parte di Movistar, che, come ha appreso EL PAÍS, ha cominciato a prendere forma attraverso una conversazione tra il ciclista tongano ed Eusebio Unzue ad Andorra durante la recente Vuelta a España. C’è anche un freddo interesse. “Da un punto di vista più egoistico devo dire che Nairo è una grande spinta. Ha solo 33 anni ed è in buona forma, lo so, perché non ha smesso di allenarsi ad Andorra, dove vive con la sua famiglia. tutta la famiglia, dove i suoi figli studiano e dove mantiene un rapporto “Ottimo con Enrique Mass”. Aggiunge il caposquadra Eusebio Unzue. “È chiaro che lavorerà con il nostro leader Mass nei Grandi Giri, ma avrà l’opportunità di dimostrare che è ancora un vincitore in altre corse.” Come se fosse stato avvisato, il Tour si è preso la briga di fare La sua quarta tappa nella prossima edizione si concluderà a Valloire, nelle Alpi, dopo l’ascesa e la discesa del gigante Galibier, il scena, nel 2019, l’ultima grande vittoria di Nairo con il team Telefonica.

READ  Modifiche alle linee di gioco cinque e sei in classifica | Tutte le ultime notizie dall'Independiente

Il ciclista di Boyaca è stato bandito per 12 mesi dall’uso delle bici di grossa cilindrata, vittima di un tacito accordo tra squadre e organizzatori, sotto particolare pressione da parte del presidente dell’Unione ciclistica internazionale (UCI), David Lappartient. Le squadre del WorldTour hanno deciso di non assumerlo. Quelli della seconda fascia che si sono avvicinati e hanno manifestato interesse hanno ricevuto un avvertimento: se firmi con lui dimenticati di correre il Giro, il Tour o la Vuelta.

La Vuelta 2022 stava per iniziare quando si sono verificati i suoi drammatici eventi, un’avventura che mette a nudo la ribellione e la miopia dei leader del ciclismo che hanno a cuore solo la propria sopravvivenza, sostenuti da un sistema ingrato e fragile. Si è poi appreso che aveva assunto Tramadol poche settimane prima in due tappe del Tour dopo aver subito una dolorosa caduta e sarebbe stato quindi squalificato dal sesto posto. All’epoca, il ciclismo era l’unico sport a vietare il tramadolo, un antidolorifico oppioide ampiamente utilizzato nel gruppo, non perché fosse considerato uno stimolante, ma per fermare quello che era considerato un abuso inutile. Il suo utilizzo non comportava alcuna sanzione se non l’esclusione dalla gara alla quale correva e la perdita di punti per la sua squadra e del montepremi per lui. Nairo avrebbe potuto correre tranquillamente la Vuelta, ma né la sua squadra, il bretone Arcia, con cui ha rinnovato qualche settimana fa, né l’organizzazione gli hanno permesso di farlo per paura delle cronache negative che la sua partecipazione avrebbe portato. Il suo rapporto con il ciclismo e con Arkea si interruppe definitivamente poco dopo, quando Quintana si dichiarò innocente e annunciò che avrebbe presentato ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) contro una norma ingiusta, limitata al solo ciclismo. Ha combattuto l’impossibile. La Corte Arbitrale dello Sport si è pronunciata contro di lui. Non gli giovò affatto il fatto che proprio in quei mesi l’Agenzia mondiale antidoping (WADA) annunciò che, per ragioni etiche più che per il suo potenziale effetto di miglioramento delle prestazioni, il Tramadolo avrebbe dovuto figurare nell’elenco degli stimolanti validi per tutti gli sport. . . Nel gennaio 2024, in concomitanza con il ritorno di Nairo, questo annuncio diventerà realtà.

READ  L'Argentina ha perso contro il Brasile ed è stata eliminata nei quarti di finale della Coppa del Mondo di pallavolo

Con Nairo, il suo telaio piccolo, il suo straordinario rapporto peso-potenza (più di sette watt per chilo), la sua classe e il suo talento per l’arrampicata, il corridore torna alla Movistar e al WorldTour che 10 anni fa predisse il futuro prossimo fatto di ciclisti precoci, grandi fin da piccoli, come Egan, o Pogacar o Evenpoel. All’età di 23 anni, dopo aver vinto il Tour of Itzolia, è arrivato secondo alla sua prima apparizione al Tour de France. Ha vinto il Giro a 24 anni e la Vuelta a 26. È stato il miglior scalatore del decennio, il migliore sul Galibier, sui Pirenei, sui Laghi, sul Col de Porte e sulle nevi del Terminillo in Abruzzo. Davanti a Contador e Nibali vincendo due Terino. Ha portato sulle spalle gli auguri di tutta la Colombia, il Paese di cui è il più grande idolo e che ha coronato un sogno giallo realizzato nel 2015 con un nuovo secondo posto al Tour, sempre alle spalle di Chris Froome. E nessun ciclista figura nella lista dei 125 atleti con il più alto valore commerciabile nel 2023. Nel 2018 ce n’erano tre, il tre volte campione del mondo Peter Sagan, la nordamericana Lizzie Dignan e Nairo Quintana, l’atleta più popolare della Colombia, e ancora di più Dei giocatori di calcio. Questi dati danno un’idea del carisma del corridore.

È stato in Movistar per otto anni, tra il 2012 e il 2019, ed è partito per Arkea nel 2020 dopo un divorzio concordato. Entrambe le parti, il team di Telefonica e il motociclista, hanno capito che è ora di separarsi così come ora capiscono che è ora di vivere di nuovo insieme.

READ  Eduardo Dominguez ha rotto il silenzio: la sua partenza da Colonia e il caso Facundo Farias

Quintana, che ha firmato un contratto di un anno, come confermato dalla squadra, completa il vasto rinnovamento di Movistar per il 2024. Due dei corridori più rappresentativi della vecchia guardia, Imanol Irfeti e José Joaquín Rojas, lasciano il ciclismo, e due ciclisti unificati dalla Francia, arrivano da Soudal Remy Cavagna, dall’Italia Davide Formolo (UAE), diversi giovani spagnoli con potenziale di crescita (Javier Romo, Pelayo Sanchez, John Barrenechea, Carlos Canal) e un promettente professionista italiano, Manlio Moro.

Puoi seguire EL PAÍS Deportes su Facebook E Soppure iscriviti qui per riceverlo La nostra newsletter settimanale.