Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nairo Quintana: Forgiare la vita al ritmo di un eroe

Gli occhi di Nero Quintana (Boyacá, Colombia, 4 febbraio 1990) sono diventati inarrestabili di fronte alle avversità, poiché sono stati plasmati da lotte e resistenze nel corso degli anni. Fin dall’infanzia nei campi della coltivazione di frutta e verdura, ha aiutato il padre a ottenere il sostegno economico della famiglia, fino a raggiungere la vetta di due delle più grandi manifestazioni del mondo del ciclismo, girare l’italia e il tournée in SpagnaChe ha vinto rispettivamente nel 2014 e nel 2016. Fa tutto parte della tua storia di successo.

Questo percorso di avversità gli ha fatto capire fin da piccolo che la vita consiste in una formula semplice che richiede molto impegno: lavorare per essere felici. Per questo, divenuto una figura sportiva per tutta l’America Latina, dichiara questo binomio la ragione del suo successo e lo condivide con le nuove generazioni, che cerca di trasformare in “persone migliori prima dei ciclisti”.

Dal momento che la sua attenzione Tour de France 2022piazzandosi quarto in classifica generale (al termine della tappa 16), ha spiegato Nairo Quintana L’economista L’importanza che la sua altra versione ha nella sua vita, perché oltre ad essere un ciclista ad alte prestazioni, è un combattente testardo che aiuta a fornire migliori opportunità a bambini e giovani adulti attraverso lo sport.

“Dal 2014, ci siamo resi conto che abbiamo reso il peggior atleta una grande persona, siamo stati in grado di tenere i bambini fuori dalla droga e dalla delinquenza, siamo stati in grado di aggiustare i bambini che hanno o hanno subito bullismo, autostima -stima, siamo stati in grado di tirarli fuori da quella reclusione e far loro conoscere il mondo, farli credere in se stessi, perché tutto questo lascia lo sport in generale”.

READ  Con i meme classici, River deride il Boca per essersi sbarazzato della gara: il "trio" fallito, Tevez, Russo e Betzy, temi indicati

Quintana ha iniziato la sua carriera ciclistica all’età di 19 anni, nel 2009, nella squadra Boyaka Is To Live It, che gareggia nella categoria Amatori all’interno dell’UCI (Union Cycling Union). Il primo passo per lui è stato quello di entrare nel 2012 nella squadra spagnola Movistar, squadra presente nelle principali competizioni internazionali e dove ha vinto il Giro d’Italia e La Vuelta, fino al 2020 è stato ingaggiato dalla squadra francese Arkea Samsic, che attualmente rappresenta Giro di Francia.

Ma non ha mai dimenticato le sue radici e dal 2014 ha iniziato a collaborare con la sua squadra iniziale, ora chiamata Boyacá Race of Champions, per aiutare a portare il ciclismo a ragazzi e giovani fino all’età di 18 anni. Questo gruppo influenza ogni anno 900 ragazzi colombiani consentendo loro di partecipare a concorsi internazionali e fornendo loro gli strumenti per continuare i loro studi.

“Sono giovani che motivano i loro vicini, le loro famiglie, che sono usciti dal non sapere cosa fare della loro vita, con una mancanza di rispetto di sé e di motivazione. Li abbiamo allenati e quelli che non erano ciclisti hanno visto altri modi per fare la loro vita, non solo stare in campagna, stavano studiando, stavano pulendo insieme al ciclismo abbiamo piantato la cosa più importante per l’uomo, che è la disciplina; quando un uomo ha disciplina, fa tutto ciò che suggerisce positivamente.

Ricorda che da bambino usava una scatola di tonno per giocare sulle montagne della sua natia Tonga, a 2.800 metri di altitudine. Ma grazie alle sue alte prestazioni e al track record, che comprende anche tre podi al Tour de France (secondo nel 2013 e 2015 e terzo nel 2016), ora è tra i primi 20 ciclisti al mondo, guadagnando 1,9 milioni di euro l’anno con il Team Arkea-Samsic.

READ  calcio europeo, NBA e mas

Né il denaro né il successo cambiarono l’umile volto di Quintana. Crede ancora che il lavoro sia l’unica via per la felicità e questo è ciò che sta cercando di condividere con le nuove generazioni.

“Sono sempre stato un uomo molto felice, che ha sempre lottato per fare le cose meglio degli altri. Sono convinto che l’unico successo che un uomo può ottenere nella vita è il lavoro, niente viene gratis, che la mia infanzia mi ha lasciato, la mia famiglia mi ha insegnato ed è quello che sto cercando di trasmettere oggi Per i giovani: devi sacrificarti e lavorare se vuoi ottenere ciò che vuoi.

Nairo Quintana fa parte della rinascita del ciclismo colombiano sulle principali piattaforme internazionali. Nel 2020, ad esempio, hanno preso parte al Tour de France 10 ciclisti del suo paese, tra cui il vincitore dell’edizione 2019 Egan Bernal. Sebbene il numero fosse molto diverso dal numero 26 che gareggiò nel 1986, ha significato un importante progresso per evidenziare il potere che lo sport ha nelle terre del caffè e in gran parte dell’America Latina.

Ora 32 anni, il nativo di boyaca aspira a finire Tour de France 2022 Almeno nella top ten e ammette che non vede l’ora di unirsi al due volte campione Tadej Pojjakar nel team degli Emirati Arabi Uniti, una volta scaduto il suo contratto con l’Arkea-Samsic in questa stagione.

“Mi sono mosso molto bene, sono felice, il fisico ha risposto e oggi vedo cosa è stato fatto per il ciclismo colombiano, 10 anni dopo quanti colombiani sono qui (in Giro di Francia), per rappresentare la Colombia in varie squadre europee. È stato seminare quel seme e i frutti sono arrivati ​​rapidamente e vogliamo continuare a piantare e forgiare questi grandi campioni oltre a far divertire gli appassionati di ciclismo”.

READ  Nella fase a gironi di Champions League sono state registrate 14 milioni di visualizzazioni

Ma oltre al successo in pista, non dimentica il suo volto di attivista sociale, inviando messaggi di incoraggiamento a bambini e giovani. È qualcosa che ha imparato anche come Ambasciatore dell’UNICEF dal 2014 e otto anni dopo continua ad agire con tutta la sua umiltà e competenza.

“Penso che parte dell’errore che i genitori fanno oggi con i bambini sia quello di lasciarli intrappolati, e molti li portano da uno psicologo o uno psichiatra perché non stanno fermi, ma il motivo in realtà è che siamo stati liberi per tutta la vita ed è quello che lo sport dona, dona a un bambino, Formazione professionale, serenità. Nello sport ti ritrovi e diventi una brava persona, e il messaggio che trasmetto è che i bambini e i genitori si allenano, comprano la salute, una buona bicicletta e se ne vanno niente soldi per le pillole per la pressione sanguigna”, conclude il ciclista sudamericano.

kg