Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Morto in Italia il fratello minore di Diego Maradona

Questa mattina la stampa italiana si è svegliata con una triste notizia nell’ambiente familiare del compianto fuoriclasse argentino Diego Maradona, confermando la morte del fratello del calciatore.

All’età di 52 anni, Hugo Maradona, residente a Monte de Prosita, Napoli, è morto per un attacco di cuore.

Un mese dopo aver reso omaggio a Diego

Questa informazione è stata riportata dal quotidiano sportivo Gazzetta Dello SportSecondo quanto riferito, il giovane di Maradona lavora come “allenatore del Real Parade”, un club di terza divisione del calcio italiano.

Dopo essersi ritirato dal calcio professionistico nel 1999, Hugo Maradona ha addirittura preso in considerazione l’idea di creare una carriera politica in città, che per molti anni ha generato l’idea di scolpire il fratello e candidarsi alle elezioni comunali di Napoli.

La sua morte improvvisa è stata ampiamente riportata dai media argentini, compreso il quotidiano Clarion, che a Il “decadimento” è stato la causa principale dell’infarto, che alla fine ha portato la sua vita “a vivere otto anni, nella sua casa di Monte de Prosita, alla periferia di Napoletano”.

Il Club Napoli gli ha espresso il proprio cordoglio sui propri canali ufficiali, sottolineando il suo legame con la statua argentina e il suo dolore alla famiglia napoleonica che ha appreso della morte di un altro Maradona.

“Hugo o ‘El Turco’ o ‘Hugido’, forse, è la migliore definizione di Diego Armando Maradona: ‘Mio fratello è un marziano’, una frase che ha pronunciato quando aveva circa 10 anni, immortalata in un video vuoto. E nero” , I media argentini hanno riferito che “Un mese fa, quando Diego è morto un anno fa, Hugo è andato a Napoli per onorare suo fratello e ha rilasciato un’intervista emozionante in cui ha lasciato vari eventi e definizioni della stella argentina”. Da oggi sarà compagno di un’altra vita.

READ  L'Italia ha inventato il suo Montalbano femminile? - Libertà digitale