Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Morti e attacchi a Gaza, notizie e altro ancora

Morti e attacchi a Gaza, notizie e altro ancora

I palestinesi in fuga da Gaza City e da altre parti del nord di Gaza trasportano alcuni dei loro averi mentre camminano lungo la strada che porta alle aree meridionali della Striscia il 18 novembre. Mohamed Abed/AFP/Getty Images

Sabato la CNN ha parlato con alcune delle centinaia di palestinesi fuggiti dal nord di Gaza al sud.

Folle di persone – donne, bambini, anziani e feriti – hanno camminato lungo Salah al-Din Street, portando borse, cibo e acqua. La maggior parte di loro era a piedi. Alcuni viaggiavano con l’asino e il carro.

Alcuni hanno detto che il loro viaggio sarebbe durato più di cinque chilometri.

Sono stati visti carri armati israeliani sul ciglio della strada e, a volte, il rumore degli spari ha spinto le persone a fuggire, con i genitori separati dai figli in mezzo al caos.

Ad un certo punto, gli sfollati hanno posizionato dei cartoni sopra le coperte che sembravano coprire i corpi in strada.

Tra gli sfollati figurano coloro che si sono rifugiati nell’ospedale Al-Shifa, tra cui il portavoce del Ministero della Sanità di Gaza Ashraf Al-Qudra e il giornalista Ibrahim Shaqura.

Shaqura ha detto alla CNN: “I soldati dell’occupazione hanno bombardato l’unità di terapia intensiva dell’ospedale Al-Shifa e hanno minacciato di bombardare il seminterrato, quindi abbiamo deciso di andarcene”.

“L’ospedale non è più un ospedale. È una stazione militare. Non c’erano persone che li attaccassero da lì.”
Una donna che porta suo figlio in braccio ricorda il momento in cui è crollata la scuola in cui si erano rifugiati a Jabalia.

Sherine Gouda ha detto: “Mia figlia è stata uccisa e mio nipote è stato martirizzato”.
“tre [otras] Persero la vita anche ragazze e tre donne. Sono riuscito a tirare fuori questo bambino da sotto le macerie. Tutti i miei figli sono scalzi. “Li ho presi e siamo scappati.”

READ  Una compagnia aerea ha imbarcato un bambino di 6 anni che viaggiava da solo sul volo sbagliato

Umm Muhammad Hamada, la madre di Sheikh Radwan, era seduta sul ciglio della strada con i suoi tre figli e due gabbie per uccelli.

L’esplosione degli spari la fece rabbrividire e sua figlia si coprì le orecchie.

“Questi uccelli significano molto per me”, ha detto, “sono come le vite che Dio ha salvato, proprio come ha salvato noi”.

“Non potevo lasciarli indietro.”