Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mortalità dei pazienti ospedalizzati con livelli infiammatori

Un operatore sanitario si prende cura di un paziente con coronavirus.

Nuova indagine collettiva retrospettiva basata sui dati di registro sim covid 19 Dalla Società Spagnola di Medicina Interna (Metà) ha deciso che può essere creato Tre diversi livelli di rischio (basso, medio e alto) nel Covid-19secondo la differenza Parametri infiammatori al tempo di Cure ospedaliere al paziente a causa di infezione da SARS-CoV-2.

diretto | Last minute e novità sul Corona Virus Covid-19

Il I risultati di questa nuova ricerca È stato pubblicato in un recente articolo in Giornale di Medicina Clinica (JCM) que lleva por título “Classi di rischio per Covid-19 basate su punteggi di infiammazione: dati su oltre 17.000 pazienti dal registro spagnolo SEMI-Covid-19”.

Nello studio, un totale di 17122 pazienti Con infezione da Covid-19 confermata e le categorie di rischio sono state determinate tenendo conto delle caratteristiche presenti nel conteggio Valori di linfociti e proteina C-reattiva, lattato deidrogenasi, ferritina e D-dimero Viene preso il momento del ricovero dei pazienti in ospedale.

Il Classe di rischio basso Si definisce quando tutti i parametri sono nel primo terzile, quelli di alto rischio Quando uno dei parametri era nel terzo, quello di rischio medio Quando le condizioni di basso o alto rischio non sono soddisfatte.

Manuel Rubio Rivas, il primo autore dell’articolo e che ha guidato la ricerca dell’Unità di Malattie Autoimmuni di Medicina Interna del Belvitge University Hospital, ha osservato che “riteniamo che il beneficio della strategia di stratificazione del rischio risieda nel Riferimenti Ma può servire come Generatore di ipotesi riguardo a cosa regime farmacologico Potrebbe essere migliore a seconda del grado risposta fiammeggiante“.

READ  Health Retreat: se desideri una vacanza in cui il tuo benessere è al primo posto, questi sono i posti dove prenotare

Questa strategia di stratificazione del rischio si basa sul fatto che non è solo predittiva, ma può anche fungere da generatore di ipotesi su qualsiasi regime farmacologico.


Xavier Korbella Il primo firmatario e capo del Dipartimento di Medicina Interna del Belvetigue Hospital ha aggiunto che “L’identificazione precoce e la gestione clinica appropriata dello stato infiammatorio basata su una strategia di stratificazione del rischio è Fondamentale per migliorare la prognosi dei pazienti Covid-19 necessitano di ricovero”


Complicanze cliniche durante il ricovero

Come hanno affermato i ricercatori, dall’inizio dell’epidemia, “l’infiammazione è stata sinonimo di Complicanze cliniche durante il ricovero E alla fine ha portato ad un aumento possibilità di morteQuesto studio “non solo conferma questa osservazione ma identifica anche tre gruppi prognostici chiaramente differenziati, sia in termini di utilizzo delle risorse (la necessità di una cannula nasale ad alto flusso, ventilazione meccanica non chirurgica o ventilazione meccanica a gas) come in Ricovero in terapia intensiva o decesso in ospedale“.

Rubio Rivas Ha osservato che “i risultati dell’infiammazione litica precedono Deterioramento respiratorio. È un errore basare la strategia terapeutica sullo stato respiratorio del paziente e non sfruttare le informazioni analitiche che abbiamo pochi giorni prima di questo peggioramento. Si traduce in un aumento della mortalità. Ci sono molti pazienti che sono stati accettati Criteri analitici infiammatori Traduci un tasso di mortalità fino a uno 20 percento E non sono sotto nessuno Terapia immunosoppressiva/antinfiammatoria Perché le sue condizioni respiratorie sono ancora corrette. Devi andare avanti con la malattia, non dietro”.


“L’infiammazione era sinonimo di complicanze cliniche durante il ricovero e, in definitiva, di aumento della probabilità di morte”


La categoria ad alto rischio ha caratteristiche Sociodemografica e morbilità già riconosciuti come fattori prognostici sfavorevoli. Finora, non esiste una risposta definitiva sul perché i pazienti anziani, in particolare uomini e persone con determinate comorbilità, abbiano più infiammazione, ma ciò che è chiaro, sottolineano i ricercatori, è che “la risposta infiammatoria di questi pazienti è decisamente più alta”, gli esperti dire. sostenuto.

Sulla base dei numeri dei risultati per categoria, la necessità di mantenere Il ricovero dei pazienti in ospedale nella categoria a basso rischio.


Monitoraggio ambulatoriale

I ricercatori hanno sostenuto che “a Sarà più appropriato un follow-up esterno ravvicinato per questi pazienti. Sebbene i punteggi in tutti i risultati siano peggiori per la categoria a medio rischio rispetto alla categoria a basso rischio, i cambiamenti più sostanziali si verificano nella categoria ad alto rischio.

Pazienti nel gruppo ad alto rischio Erano più vecchi (57,9 è l’età media nel gruppo a basso rischio contro 64,2 nel gruppo a medio rischio contro 70,4 anni nel gruppo ad alto rischio) e spesso maschio (37,5 percento contro 46,9 percento e 60,1 percento).


Misurazione del campione per patologia

Avevano un grado più alto di dipendenza da Compiti quotidiani prima del ricovero (rapporto di dipendenza da moderata a grave 10,8% vs 14,1% e 17%); ipertensione arteriosa (36,9% contro 45,2% contro 52,8%); dislipidemia (28,4% contro 37% e 40,6%); diabetico (11,9% contro 17,1% e 20,5%); Cardiopatia ischemica (3,7% contro 6,5% e 8,4%); Insufficienza cardiaca (3,4% contro 5,2% e 7,6%); Malattia del fegato (1,1% contro 3% e 3,9%); Insufficienza renale cronica (2,3% contro 3,6% e 6,7%); cancro (6,5 percento contro 7,2 percento e 11,1 percento); S EPOC (5,7 percento contro 5,4 percento e 7,1 percento).

Oltre ai pazienti gruppo ad alto rischio Viene offerto frequentemente Febbre, mancanza di respiro e vomito. Richiedono anche più frequentemente Cannula nasale ad alto flusso (3,1 percento contro 4,4 percento contro 9,7 percento); Ventilazione meccanica non chirurgica (0,9% contro 3% contro 6,3%); ventilazione meccanica invasiva (0,6% contro 2,7% contro 8,7%); Il ricovero in terapia intensiva (0,9% contro 3,6% e 10,6%); E avevano Alto tasso di decessi in ospedale (2,3% contro 6,2% contro 23,9%).

Sebbene possa contenere dichiarazioni, dichiarazioni o note di istituzioni sanitarie o professionisti, le informazioni in scrittura medica sono curate e preparate da giornalisti. Si consiglia di consultare il lettore su qualsiasi domanda relativa alla salute con un operatore sanitario.