Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mohamed Amin con ambizione prima del Mondiale

Il giovane di Barbastro Mohamed Amin è partito ieri con il resto della squadra spagnola di kickboxing e l’allenatore Carlos Alcoba per la città italiana di Jesolo, vicino a Venezia, dove gareggerà, a partire da domani, lunedì, in questo mondiale juniores. Sport di contatto. Infatti, Amin è il primo aragonese a gareggiare in questa competizione dopo che Angel Alcoba, di Pinívar, ha partecipato nella categoria Seniors.

Mohamed è l’attuale campione di Spagna in modalità Pointfight e secondo classificato in Light Contact, entrambi i titoli nella categoria juniores -57kg. Entrambi i successi sono stati senza dubbio la motivazione principale per la selezione per la Coppa del Mondo. Inoltre, a luglio, Amin e il suo allenatore hanno già partecipato a una concentrazione a Madrid per finalizzare la stesura della rosa dei Mondiali.

Orgoglio e sorpresa

L’atleta Vero era inizialmente entusiasta e orgoglioso di poter godere di questa opportunità. “Per me è un onore rappresentare Barbastro, la mia città natale, Aragona e Spagna ai Mondiali. Negli ultimi due anni sono riuscito a salire sul podio juniores nel campionato spagnolo E suppongo che questo fosse importante per la Federazione perché ha deciso di eleggermi”.

All’età di 18 anni, Amin pratica sport da cinque anni. “Ho sempre praticato molti sport, ho provato il calcio, l’atletica, il judo… Fino a quando un Natale ho scoperto il kickboxing, alla fiera di Zagalandia, e ho scoperto che si praticava a Barbastro. Mi è piaciuto così tanto e ho deciso di iniziare, e finora”.

Non c’è dubbio che Carlos e Angel Alcoba, padre e figlio, responsabili della Scuola Barbastro, così come della Scuola Pinívar, e i meravigliosi promotori di questo sport nella provincia, siano stati determinanti nel suo progresso. “Grazie a loro, ora posso dire che parteciperò ai Mondiali. Con loro il lavoro quotidiano è difficile, ma la loro partecipazione è completa e si rivolgono a te, e questo è qualcosa che apprezzo molto. In altri sport non ho visto questa partecipazione e ovviamente per me era fondamentale riuscire a vincere un campionato spagnolo”.

READ  Arrabbiato con il bambino di otto anni che rompe da calciatore e lodato da Leo Messi: "Sei un genio".

Dopo le medaglie e il ritiro a Madrid, sapeva di avere delle opzioni, ma l’ultima chiamata lo ha sorpreso. “Mi hanno chiamato circa 2 mesi fa ed è stata una grande sorpresa. Ero in vacanza in quel momento, ma abbiamo subito iniziato a lavorare per prepararci alla competizione”.

fine estate senza fiato

Durante l’estate ha lavorato intensamente, quasi tutti i giorni al mattino e fitness al pomeriggio, e una volta iniziato gli studi universitari a Saragozza, alternando la capitale dell’Aragona, Barbastro e Pinívar. Ha sottolineato che “nelle ultime settimane ho percorso diversi chilometri per potermi allenare”.

In ogni caso, il lavoro è considerato buono. “Il lavoro è già stato fatto ed è arrivato in sicurezza, Perfezionare le cose e lavorare anche mentalmente, il che è molto importante”.

In termini di obiettivi, è ambizioso ma non è stata identificata una persona specifica. “La mia classe è una delle più numerose dei Mondiali, con una trentina di concorrenti ciascuno e i migliori della classifica mondiale, la prima cosa sarebbe provare a superare il primo round, per poi andare avanti con ambizione. Ma soprattutto il mio obiettivo è divertirmi e, se possibile, appendermi una medaglia”.