Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Misteri della capsula di Osiride: cosa cercano gli scienziati nella polvere cosmica che potrebbe rivelare l’origine del sistema solare

Misteri della capsula di Osiride: cosa cercano gli scienziati nella polvere cosmica che potrebbe rivelare l’origine del sistema solare

Questi campioni, una volta analizzati, possono aiutare gli scienziati a comprendere meglio la formazione planetaria e l’origine della materia organica e dell’acqua, domande fondamentali per comprendere le origini della vita sulla Terra (Immagine: NASA)

Dopo Sette anni La capsula della missione da 6,21 miliardi di km Osiride Rex Dalla NASA con campioni da Asteroide Bennu È atterrato ieri nel deserto dello Utah, vicino a Salt Lake City, negli Stati Uniti.

Dietro il paracadute arancione e bianco che facilitava la discesa della capsula, gli scienziati aspettavano con ansia che il loro paracadute venisse recuperato. Carico preziosoPezzi di polvere e rocce spaziali 4,5 miliardi di anni.

Campioni del peso di ca 250 grammiOggi verrà trasferito a Centro spaziale Johnson della NASA a Houston, Verrà estratto, pesato e indicizzato per analisi successive.

Il riuscito ritorno del più grande campione di asteroidi mai recuperato segna il culmine di un viaggio durato 7 anni che ha visto un veicolo spaziale robotizzato delle dimensioni di un camion inviato per esplorare l’asteroide Bennu (via Reuters)

la missione Osiride Rex (abbreviazione di Origins-Spectral Interpretation-Resource Identification-Security-Regolith Explorer) è stato il risultato dello sforzo prolungato di centinaia di astronomi e altri scienziati dal suo lancio nel 2016 dal Kennedy Space Center della NASA in Florida fino al suo arrivo sulla Terra.

I campioni sono stati prelevati nel 2020 e la NASA ha confermato che queste rocce “aiuteranno a comprendere l’origine della materia organica e dell’acqua che potrebbero aver coltivato la vita sulla Terra”.

READ  Come sarebbe Goku nella vita reale secondo l'intelligenza artificiale

Tutti gli specialisti concordano nel ritenere che l’atterraggio della capsula sul nostro pianeta rappresenti un… Una pietra miliare nell’esplorazione spaziale E promesse di fornitura Risposte sull’origine del nostro sistema solare. Il riuscito recupero del più grande campione di asteroide della storia è il risultato di un viaggio durato sette anni, durante il quale una navicella spaziale robotica, simile per dimensioni a un camion da trasporto, è stata inviata per indagare sull’asteroide Bennu. Raccogli campioni delle sue pietre e polvereE infine restituirli al nostro pianeta.

È così che hanno messo al sicuro la capsula in una stanza pulita nello Utah

Questi campioni, una volta analizzati, possono aiutare gli scienziati Migliore comprensione della formazione planetaria e dell’origine della materia organica e dell’acquaDomande fondamentali per comprendere le origini della vita sulla Terra.

In un’intervista esclusiva con informazioneIngegnere argentino che lavora alla NASA, Luca Paganini Ha spiegato che gli asteroidi come Bennu sono corpi celesti rocciosi che vagano nello spazio e possono variare in dimensioni da metri a diversi chilometri.

“Sono nello specifico i detriti dei pianeti o della Luna di 4.000 milioni di anni fa che orbitano attorno al nostro Sole. Li chiamiamo capsule del tempo o fossili di dinosauro perché svolgono un ruolo molto importante nella storia dell’universo. Studia la sua composizione È la chiave per comprendere e avvicinarsi alla verifica delle teorie che lo indicano Questi oggetti spaziali avrebbero potuto portare acqua E altri elementi basilari e necessari che dovranno essere forniti L’origine della vita sul pianeta Terra“, ha osservato lo scienziato.

Il deserto dello Utah è stato scelto per l’atterraggio per la sua geografia e sicurezza (immagine NASA)

“L’altro grande obiettivo di questa missione è come lo chiamiamo “Difesa planetaria”È lo studio dei diversi asteroidi a classificarli e a determinarne la pericolosità dovuta alla loro vicinanza al nostro pianeta. Attraverso questo puoi Progetta missioni per schiantarti o trovare sistemi di diversivo Come è successo con la recente missione DART della NASA.

READ  La fuga di notizie di Genshin Impact conferma le modifiche tanto necessarie ad artefatti e domini

È noto finora che l’asteroide Il diametro di Bennu è di circa 500 metri. Proviene da un asteroide più grande e la sua composizione è ricca di carbonio. Sappiamo anche che la sua superficie non è solida, simile a quella di un campo da baseball per bambini, dove senza i motori della nave il suo braccio robotico sarebbe affondato.

“Oggi rappresenta una pietra miliare straordinaria non solo per il team OSIRIS-REx ma per la scienza nel suo complesso”, ha affermato Dante Lauretta, ricercatore principale di OSIRIS-REx. Università dell’ArizonaTowson pochi minuti dopo l’atterraggio.

Gli scienziati della NASA raccolgono dati accanto alla capsula di ritorno dei campioni della missione Osiris-Rex dopo l’atterraggio di domenica (Immagine: NASA)

“Il successo della consegna dei campioni di Bennu sulla Terra è un trionfo dell’ingegnosità collaborativa e una testimonianza di ciò che possiamo ottenere quando ci uniamo per un obiettivo comune. Ma non dimentichiamo: anche se questa può sembrare la fine di un capitolo incredibile, è in realtà lo è E’ solo l’inizio di un altro. Ora abbiamo un’opportunità senza precedenti di analizzare questi campioni e scavare più a fondo I segreti del nostro sistema solare“Ha aggiunto.

L’amministratore della NASA Bill Nelson ha dichiarato: “Congratulazioni al team OSIRIS-REx per una missione esemplare: il primo ritorno di un campione di asteroide americano nella storia, che approfondirà la nostra comprensione dell’origine del nostro sistema solare e dei suoi componenti”. un esercizio. Ha aggiunto: “Bennu è un asteroide pericoloso e ciò che impariamo dal campione ci aiuterà a comprendere meglio i tipi di asteroidi che potrebbero incrociare il nostro cammino”.

READ  Blaziken in Pokémon Go: Set di mosse

Il volo della capsula culminò quando, dopo aver attraversato l’atmosfera ad alta velocità, due paracadute furono attivati ​​con successo, consentendo un atterraggio regolare nello Utah.

Per quanto riguarda l’accoglienza della capsula e le aspettative che ha generato, Rich Burns, responsabile del progetto OSIRIS-REx Al Goddard Space Flight Center della NASA, ha dichiarato: “Per noi, questo è stato un momento delle World Series, al nono inning, con le basi caricate, e questa squadra ha fatto centro”.