Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mercato della lana intrecciato a causa della mancanza di domanda | Economia

La lana merino straripa nei magazzini. Il mercato internazionale della droga, in particolare quello cinese, non richiede un materiale di valore storicamente elevato nel mondo tessile, che ora si sta accumulando nel bel mezzo della campagna di sfalcio. Le pecore, con l’avvicinarsi dell’estate, hanno bisogno di togliere la lana a causa di un grave problema di salute. Questa naturale necessità – che si è trasformata in commercio per diversi secoli – ora, di fronte alla crisi economica, lascia agli imprenditori imprenditoriali un prodotto a prezzi minimi e una produzione costosa.

maggiori informazioni

La pandemia, che lo scorso anno ha reso difficile a centinaia di tosaerba uruguaiani raggiungere la Spagna per sopperire alla carenza di professionisti nazionali, colpisce la tasca. Un’azienda di medie dimensioni come Lanas Payo, gestita da Rubén Payo a Paredes de Nava (Palencia), esporta in genere più di 1 milione di chilogrammi all’anno e ne distribuisce altri 400.000 in Spagna. Bayou descrive l’anno fiscale 2020 come “disastroso”, con solo il 40% in più di vendite rispetto al normale. La campagna attuale segue lo stesso percorso.

L’unica lana che interessa è la prestigiosa merino, a circa 40 centesimi di euro al chilo rispetto ai 2,5 euro di due anni fa, l’84% in meno. Nel frattempo, le merci di bassa qualità, che non valgono quasi nulla, vengono raccolte per rispetto di allevatori o produttori di bestiame affidabili. La lana merino, dettagli Payo, può durare fino a due anni se conservata con cura, senza umidità e protetta dalle tarme. Queste tonnellate rischiano di non circolare perché i broker cinesi che vengono mensilmente a Valencia, e si occupano di tutte le mercanzie annuali, non le visitano da molto tempo.

READ  UN Women trasferisce $ 1 milione al CABEI Women Entrepreneurs Guarantee Fund

Un esempio di come la recessione generale abbia colpito anche le campagne è che gli hotel, paralizzati da mesi, non hanno più bisogno dei tappeti, una delle solite mete della lana. I magazzini sono affollati senza prospettive promettenti per il futuro: quando il mercato si riprenderà, ci sarà molto volume da mettere in campo affinché i prezzi rimangano senza aumenti significativi.

Ana Maria García Bedros, direttrice di Carmiel Wool a Madrid, stima che la sua attività continuerà a diminuire in modo significativo fino all’inverno del 2022 o già nel 2023, quando la prossima campagna venderà il resto a un prezzo basso. Questa società è rimasta in attesa durante il confinamento ed è ripresa fino al 2021, ma fattura solo il 70% rispetto al tempo normale, quindi ha dovuto vivere con la liquidità passata e il credito ICO.

Piccoli e grandi agricoltori ottengono un reddito aggiuntivo dalla lana oltre al latte o alla carne, le pecore danno al latte un chilogrammo di lana e tre merino. Alfonso Suarez, direttore degli Esquiladores de León, è fiducioso che la Cina migliorerà la sua posizione e rivitalizzerà il mercato, che dipende anche dal tasso di vaccinazione globale: “È il bianco che si morde la coda”.

La Spagna guarda all’Asia e sbircia l’Italia, le cui grandi aziende tessili stanno lavorando con la produzione orientale e avrà buone notizie se presto diventerà più dinamica. L’ottimismo arriva dal Segretario dell’Associazione Nazionale Allevatori Merino, Antonio Granero, che riconosce i “prezzi di guerra” di questa stagione, ma è fiducioso nella qualità della lana Merino spagnola, tanto che il prodotto d’ora in poi tornerà al Fuero.

READ  Real ti invita a partecipare alla Conferenza Internazionale 2021: “Pandemia e Corruzione in America Latina” | Stati Uniti d'America

I tempi sono cambiati e l’epidemia ha segnato un trend negativo tra chi alleva non solo pecore Merino. Un allevatore di Valbonella (Burgos) commenta che la campagna di sfalcio di qualche anno fa ha dato loro un ritorno grazie a 1.300 capi e ha più che coperto le spese per il lavoro “necessario” di badare alle pecore. Liberare ognuno dei loro velli costa poco più di un euro, spiega, ora non pagando praticamente nulla per quei velli: «Niente è più come prima, non si compensa più».

Allo stesso modo, la lana deve essere spesa e tagliata in modo che il bestiame possa partorire più liberamente ed essere esposto a meno infezioni. Robin Baio si rammarica della situazione attuale, ma si rallegra che il settore sia almeno sopravvissuto ed è fiducioso che un giorno, se possibile il prima possibile, l’attività riprenderà forza. Come dice il nonno: “Lascia passare la fame per la porta e non entrare”.