Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Meloni aumenta i pagamenti in contanti, abbassa le multe e paga i debiti

Governo Giorgia Meloni inizia a prendere decisioni in materia economica. Una delle sue prime azioni ha sorpreso molti osservatori internazionali, in quanto si trattava di un capovolgimento di una politica perseguita da quasi tutti i governi del mondo. Si tratta di estensione Restrizioni legali sui pagamenti in contantiche, invece di spingersi oltre, sarà rilassante in un paese d’oltralpe.

Finora il limite di riferimento è stato di 2.000 euro, anche se è prevista un’ulteriore riduzione per il 2023, con un massimo di 1.000 euro per transazione. Tuttavia, Meloni e il suo governo hanno confermato che stanno pianificando Aumenta questo numero a 5.000 euro. L’aumento ha ricevuto l’approvazione della sua formazione, i Fratelli d’Italia, e degli altri due partiti che compongono il governo, Forza Italia, guidata dall’instancabile Silvio Berlusconi, e la Lega spagnola, nelle mani di Matteo Salvini che vuole andare . E ancora di più, lì e fissa il limite a 10.000 euro per transazione.

Non va dimenticato che Matteo Renzi, l’ex presidente del Consiglio eletto dal Pd di centrosinistra, ha deciso nel 2015 di aumentare il limite applicabile ai pagamenti in contanti, da 1.000 a 3.000 euro. La Banca d’Italia ha quindi avvertito del “potenziale impatto sull’economia alluvionata” e ha avvertito di un “potenziale aumento dell’evasione fiscale”.

La riscossione delle imposte è però passata da 709.476 a 716.129 milioni tra il 2015 e il 2016, salendo ancora a 726.707 milioni nel 2017 ea 739.094 milioni nel 2018. Nonostante ciò, il governo di Giuseppe Conte ha scelto di abbassare il cap nel 2019 per fissarlo a 2.000 euro, aprendo le porte strada per la riduzione a 1.000 euro proposta dal suo successore Mario Draghi per il 2023.

READ  Le dieci sfide per la Colombia nel 2022 | economia

Meloni si è difeso dalle critiche citando le dichiarazioni di Pier Carlo Padoan, stimato economista che ha ricoperto incarichi di rilievo nell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico ed è stato ministro nel 2016, sotto il governo Renzi. Come ha sostenuto Padoan, Non è vero che esista una relazione tra l’abbassamento dell’importo massimo dei pagamenti in contanti e l’abbassamento dell’incidenza dell’evasione fiscale.

È chiaro che gli istituti finanziari e i servizi di pagamento preferiscono che tutte le spese vengano effettuate con le carte, poiché ciò aumenta il loro business. Allo stesso modo, i governi ritengono che ciò garantisca maggiori entrate e maggiori possibilità di controllo dell’attività economica e finanziaria. Tuttavia, queste argomentazioni non sono coerenti con Testimonianze da paesi come Germania e Austria, dove non ci sono restrizioni sull’uso del contante e le cifre per l’economia sommersa sono tra le più basse al mondo.

D’altra parte, esperti di economia B come Friedrich Schneider lo hanno ripetutamente sottolineato Uno dei principali fattori per ridurre l’economia sommersa è la realizzazione di efficienza nella spesa pubblica. In altre parole: se le imprese e le famiglie credono che il denaro pubblico sia sprecato, è meno probabile che paghino le tasse. Data la relazione positiva tra efficienza complessiva e crescita economica, ha senso concentrarsi su questa sfida e consolidare i bilanci piuttosto che imporre controlli monetari e aumentare le tasse.

Anche la Banca Centrale Europea ha riconosciuto che le restrizioni sui pagamenti in contanti “potrebbero creare difficoltà a quella parte della popolazione italiana che non dispone di un conto corrente o di altri mezzi elettronici per fare acquisti”. Infatti, i loro rapporti sulla questione hanno riconosciuto che “resta da dimostrare che le restrizioni monetarie in Italia sono state efficaci nel combattere l’evasione fiscale”.

READ  La Spagna è il 14° paese dell'Unione Europea in termini di tasso di inflazione

Altre misure

Meloni ha anche dichiarato di sostenere il raggiungimento di una sorta di “pace finanziaria” sulla base di Riduci le multe governativesia per irregolarità di natura amministrativa sia per motivi fiscali. Sulla stessa linea, il Presidente del Consiglio era con Assistenza nella liquidazione dei debiti tributari non pagati.

Il nuovo governo vuole aiutare anche i lavoratori autonomi. L’idea è Applicazione flat tax o Un tasso forfettario del 15% per i lavoratori autonomi con fatturato annuo inferiore a 100.000 euro. Meloni, Berlusconi e Salvini hanno parlato di allargare il raggio flat tax Per il resto dei lavoratori, anche se al momento non si ritiene che ci sia un margine finanziario per raggiungere questo obiettivo, tenuto conto Alto debito pubblico Presumibilmente dal nuovo esecutivo, circa il 150% del PIL.