Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Medico della Rioja distinto in Messico per il suo lavoro con la cannabis terapeutica

Medico della Rioja distinto in Messico per il suo lavoro con la cannabis terapeutica


Dopo aver partecipato al 33° Congresso Annuale dell’Associazione Messicana di Neurologia Pediatrica AC 2024, che si è svolto pochi giorni fa nella città di Guadalajara, il pediatra della Rioja Oscar Villalba ha ricevuto il sostegno della comunità medica e scientifica per proseguire a La Rioja con l’approccio con la cannabis terapeutica e “aprire le porte all’utilizzo del petrolio della regione”. Sarà un modello per la Repubblica Argentina.



Mentre era nel paese, Villalba è stato invitato a visitare il Centro di ricerca biomedica occipitale in Messico. “Un eccellente istituto di ricerca che, tra i vari lavori, studia il trattamento del morbo di Parkinson con la cannabis terapeutica”, ha riassunto il medico.

Come ha osservato, la visita è stata una conferma “dell’eccellente lavoro di ricerca, delle strutture, delle attrezzature e del team di professionisti”, poiché ha “ringraziato la sua direttrice per l’invito, Blanca Torre Mendoza, e il responsabile del coordinamento della ricerca, Mario” . Flores Soto, il capo dipartimento Veronica Chaparro, Aldo, Angelica e tutta la loro squadra.

“Mi sono sentito molto confortato dalla sua gentilezza e disponibilità”, ha detto anche Villalba, ribadendo le sue congratulazioni per il lavoro ed esprimendo la speranza che “con i suoi progressi nella biomedicina e il progresso clinico, possiamo avanzare insieme nella ricerca”.

“Ho esteso i miei inviti ad accogliere questi illustri ricercatori nel mio paese e nella mia provincia”, ha detto il professionista della Riojan, sperando che “le porte siano aperte per utilizzare il petrolio proveniente da un giacimento che sarà un modello per l’Argentina”. In rappresentanza del Paese, dell’Università Nazionale di La Rioja (UNLaR) e dell’Ospedale La Madre el Nino, ha presentato il lavoro di ricerca sulla cannabis.

READ  La Repubblica Dominicana si aggrappa all'epopea e l'Italia alla logica

Un prodotto farmaceutico per bambini intitolato: “Trattamento con cannabidiolo in pazienti pediatrici con epilessia refrattaria”. Si tratta di un lavoro medico sui benefici e l’efficacia ottenuti in 18 pazienti pediatrici della provincia con diagnosi di epilessia refrattaria durante diversi anni di ricerca. Villalba è stato uno dei primi professionisti sanitari e pioniere in Argentina ad integrare la cannabis-dioli come trattamento nei bambini .

Sebbene questo lavoro coinvolga circa 18 pazienti, in tutta la provincia sono più di 30 i pazienti in cura con cannabidiolo: “Ce ne sono 18 con epilessia refrattaria e si aggiungono ai 30 nuovi pazienti con epilessia che non sono entrati nello studio e ad altri a cui è stato prescritto cannabidiolo.” Ha spiegato che è per malattie diverse dall’epilessia (autismo, spasticità, dolore cronico, ecc.).