Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'”autoritarismo a breve termine” che sta complicando l’Uruguay e come uscirne – Affari – 08/08/2021

L’Uruguay affronta “due grandi strade” la cui selezione sarà la chiave per determinare lo sviluppo futuro del Paese, secondo Ricardo Pascal, noto esperto di finanza, medico nella società dell’informazione e dell’economia della conoscenza ed ex capo della banca centrale.

Uno di questi significa che il Paese continua sulla strada corrente, preoccupato per il benessere equilibri macroeconomici, Da una prospettiva a breve termine e concentrarsi sulla situazione. L’altro modo è “uscire coraggiosamente da questa economia grigia” per ottenere un consenso sociale e politico per poter entrare in Economia della conoscenza Puntando su innovazione, ricerca e scienza per lo sviluppo.

L’economia della conoscenza si riferisce all’economia che utilizza la conoscenza come una componente essenziale di generazione di valore. La letteratura economica ha mostrato che il livello di innovazione e conoscenza dei paesi è strettamente correlato al livello di crescita a lungo termine delle economie.

In questo senso, come ha affermato Pascal – nell’ambito di un ipotetico evento organizzato dall’Accademia Nazionale di Economia – negli ultimi 70 anni l’Uruguay si è “sempre più allontanato” da paesi che prima avevano riferimenti come Francia, Spagna e Italia. Ha notato che “la distanza con loro è molto grande oggi, ma ciò che è più preoccupante è che la distanza è diventata maggiore anche con paesi che erano molto cattivi fino a non molto tempo fa”, come Finlandia, Nuova Zelanda e Singapore.

READ  Suggerimenti per migliorare la qualità della vita

Il deterioramento dell’Uruguay, secondo Pascal, è dovuto al fatto che il Paese vive in una “tirannia a breve termine” che lo priva di ogni tempo e non consente alle autorità e alla società di pensare al medio e lungo termine.

“L’Uruguay non ha un buon rapporto con l’eredità del passato, né con le sfide del presente e del futuro. Ha sottolineato che il futuro non è presente nelle controversie (nella società di oggi), ma che sono sempre cose di circostanza .” “Se i prezzi (delle materie prime a livello internazionale) saliranno, faremo meglio, se non peggio, e questa sarà sempre la storia del Paese. E ciò che sta accadendo nel frattempo è che sempre più persone lasciano l’Uruguay e stiamo perdendo talento».

Per crescere e raggiungere lo sviluppo, è necessario avere un alto livello di innovazione, ma per raggiungere questo obiettivo è “necessario” raggiungere un consenso a livello sociale e politico e definire un “percorso chiaro” per l’Uruguay per introdurre la conoscenza nell’economia, ha spiegato Pascal. Lo specialista ha detto che il Paese era “in perfette condizioni per farlo, e siamo stati diagnosticati davvero bene” in termini di sfide da affrontare, ma ora “noi uruguaiani dobbiamo decidere dove vogliamo andare”.

Da parte sua, Carlos Mazal, consigliere internazionale ed ex direttore dell’America Latina e dei Caraibi per l’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale, ha spiegato che pandemia di covid-19 Dovrebbe fungere da “catalizzatore” affinché l’Uruguay decida di scommettere sulla trasformazione di se stesso in un’economia della conoscenza. “L’aspetto positivo e negativo dell’essere un piccolo Paese è che non abbiamo molte opzioni ed è per questo che la decisione dovrebbe essere più semplice. Sappiamo di avere una scelta che è quella di aprirci al mondo e alla concorrenza. Come? Con il l’economia della conoscenza e la nostra capacità di sfamare 30 milioni di persone: questo è il nostro futuro”.

READ  Juan Miguel Aguilera, scrittore e illustratore, presenta il suo romanzo La llavor al PLH

In linea con Pascal, il consulente internazionale ha sottolineato la necessità di creare spazi per ottenere il consenso necessario. “Stiamo vivendo un momento difficile e il tempo stringe. È lo stato in pericolo, non è una questione di politicizzazione e non c’è tempo per l’egoismo”, ha detto Mazal.

Carlos Bateani, CEO di Istituto Pasteur di Montevideo. “Non abbiamo più tempo da perdere in Uruguay perché siamo sempre più disconnessi dal mondo reale”, ha detto. Secondo Bateani, l’Uruguay “deve capire” che i paesi del futuro sono quelli che riescono a “trasformare le conoscenze che scaturiscono dalla scienza in prodotti tangibili in grado di risolvere i problemi reali della società con un grande valore aggiunto”. Per quanto riguarda la migrazione dei talenti, il direttore dell’Istituto Pasteur ha affermato che “Esportare persone con conoscenza è la cosa peggiore che un paese possa fare”.

Per invertire in parte questa situazione, Bhatiaani ha delineato l’iniziativa promossa da Pasteur, Lab + Venture Builder, un’impresa che “cerca di essere uno spazio di generazione di opportunità” in cui creare e sviluppare aziende basate su scienza e tecnologia, con un focus dal giorno zero . nel mercato globale. L’obiettivo è trasformare progetti di ricerca ad alto potenziale in imprese. Bhatiaani ha osservato che “l’Uruguay è stato in grado di competere nel campo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e del software, ma purtroppo non siamo stati in grado di farlo nelle scienze della vita e penso che abbiamo una grande opportunità”, ma ha sottolineato che “l’opportunità deve essere cercato e non aspettato».

Ricorda chi siamo, uruguaiani

Pablo da Silvera, ministro dell'Istruzione, in un'intervista a El País.  Foto: Francisco Flores

Ministro dell’Istruzione e della Cultura, Pablo da Silvera Ha affermato che il paese ha imparato a porsi la domanda giusta su come le società generano la ricchezza di cui hanno bisogno per garantire il benessere dei loro membri. Ci stiamo ponendo la domanda giusta. Quello che va spiegato è questo e non il contrario, che è la povertà. Ha notato che ci sono migliaia di modi in cui le società finiscono per essere povere, e infatti basta non fare nulla (…) La cosa banale è la povertà, e la cosa difficile da raggiungere è l’abbondanza necessaria”.

READ  Covid-19, una malattia preesistente per le aziende farmaceutiche prepagate?

In questo senso ha affermato che la domanda “non ha risposte facili” ma ha affermato che “innovazione e conoscenza” come mai prima d’ora sono “fattori chiave” per spiegare la produzione di ricchezza. Secondo la gerarchia, i processi di generazione della conoscenza sono mantenuti sulla base di un tripode composto da: educazione, ricerca, innovazione e capacità degli uruguaiani di considerarsi agenti di trasformazione.

“A volte gli uruguaiani sono ingiusti con noi stessi”, ha detto da Silveira, spiegando che vedere l’Uruguay come un “piccolo paese” è un ostacolo per ricordare e comprendere le conquiste della società nel corso della storia. “Abbiamo dimostrato di essere capaci di una seria innovazione, aprendo intere vie d’azione, sviluppando la conoscenza e producendo un impatto rilevante oltre i confini. Dobbiamo ricordare chi siamo uruguaiani. Un paese che fa questo non è un piccolo paese, è un paese».