Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Medicina personalizzata e di precisione in ematologia

Medicina personalizzata e di precisione in ematologia

Dal 26 al 28 ottobre si terrà a Siviglia un “doppio evento” di ematologia: il 25° Congresso Nazionale della Società Spagnola di Ematologia ed Emoterapia (SEHH) e il 39° Congresso Nazionale della Società Spagnola di Trombosi ed Emostasi (SETH). . . ) (#Hemato2023), che coincide con la celebrazione del Terzo Congresso Iberoamericano di Ematologia. Adatto a Specialisti in diversi campi dell’ematologia Metti sul tavolo i principali sviluppi di ciascuna patologia.

Durante la conferenza stampa di presentazione del convegno, José Antonio Pérez Simón, primario del Dipartimento di Ematologia ed Ematologia dell’Ospedale Universitario Virgen del Rocio e presidente del comitato organizzatore del convegno, ha sottolineato che “la società è cambiata, ma soprattutto è cambiata “La scienza e l’ematologia sono cambiate. “Ciò si riflette in un programma scientifico molto intenso, con personalità di fama mondiale”.

Allo stesso modo, Jesús San Miguel Izquierdo, co-coordinatore del Gruppo Mieloma del Programma Spagnolo di Ematologia (GEM-PETHEMA), ritiene che “l’ematologia è una specialità alquanto sconosciuta”. Ma ha precisato che «il sangue è ciò che fa ammalare le persone da tempo immemorabile, ed è una parte importante della medicina, e comprende molti aspetti; Dalla trasfusione di sangue, che è stata la prima terapia cellulare a curare i disturbi della coagulazione, a diverse malattie del sangue come il mieloma multiplo, i linfomi o le sindromi mielodisplastiche.

Pertanto, uno degli obiettivi di questa edizione, ospitata dalla città di Siviglia, è quello di avvicinare l’ematologia alla popolazione, attraverso conversazioni e azioni su vari argomenti che aiutano a raggiungere questo obiettivo. Nelle parole di Maria Victoria Mateus, Presidente della SEHH, “La nostra entità continua a lavorare ogni giorno per promuovere e contribuire allo sviluppo e al progresso della specialità e dei suoi professionisti, che porterà a un migliore trattamento e gestione delle malattie del sangue.

READ  L'importanza di affinare i concetti nella medicina di precisione

Innovazione nel trattamento del sangue

Come spiega Santiago Bonanad Boix, Responsabile Scientifico del SETH e Responsabile dell’Unità di Trombosi ed Emostasi dell’Università di La Fe e dell’Ospedale Politecnico di Valencia: “Uno degli elementi fondamentali in ematologia è il laboratorio; ci sono aspetti che sono tecniche di qualità molto ben trattate e innovative, ma vale la pena notare che non ha alcun valore se non è approvata e certificata negli standard di qualità. Allo stesso modo, Ponnanade ha evidenziato alcuni aspetti notevoli di questo incontro “con un focus sulla terapia genica, che ha già è arrivato con due prodotti approvati – in attesa di commercializzazione – per l’emofilia A e per l’emofilia B”, ha osservato. Lo specialista ha inoltre sottolineato che questa edizione comprende un gran numero di giovani partecipanti, il che, ha detto, “dimostra che abbiamo un’enorme base di rinnovamento, grande valore, grande ingegno e talento.”

Joan Carles Reverter Calatayud, Presidente del SETH, ha precisato che l’entità si occupa di problemi legati alla coagulazione del sangue e al sanguinamento, e si può dire che “la terapia del sangue, anche se è sempre stata in evoluzione, si può dire che è in una fase espansiva fase.”

L’importanza della diagnosi

Considerando che l’ematologia è una specialità complessa, “uno degli obiettivi è migliorare gli strumenti diagnostici in modo che ogni malattia ematologica sia descritta perfettamente”, ha affermato Matthews. Inoltre, considerando che “esistono trattamenti più innovativi e migliori per ogni malattia, e in ematologia sono disponibili strumenti molto sensibili per misurare la risposta”. In questo senso, Matthaus sottolinea che “uno degli obiettivi del SEHH è avvicinare la medicina personalizzata e di precisione all’ematologia”.

READ  Quale dieta mediterranea è stata nominata per la quinta volta la migliore dell'anno?

A questo proposito, il capo dell’organizzazione ha indicato che è in corso un ampio lavoro su questi strumenti, “per creare modelli predittivi che aiutino a determinare quali pazienti risponderanno in modo sicuro e accurato al trattamento e quelli no”. “Lo faremo, perché ciò creerà la necessità per noi di generare innovazione”.

In questo senso, per quanto riguarda l’innovazione nelle neoplasie ematologiche e l’accesso a queste alternative, Mateus ha spiegato che nel caso di trattamenti come CAR-T, con disponibilità disomogenea per i pazienti, “SEHH lavora per migliorare l’accesso, tenendo conto che è un processo lungo e complesso in cui molti attori”. Allo stesso modo, ha messo a disposizione delle organizzazioni esperti di entità “per aiutare a servire gli agenti che fanno parte del processo di ciò che una particolare innovazione porta ai pazienti”.

Alla presentazione ha partecipato anche Dorotea Fantel, ex presidente della Società Argentina di Ematologia, in rappresentanza delle tredici Società di Ematologia dell’America Latina, che ha evidenziato i problemi di accesso alla diagnosi che esistono nei paesi dell’America Latina e ha evidenziato il lavoro della comunità spagnola per migliorare in questo ambito, invitando a “lavorare insieme per il bene dei pazienti”.


Potrebbe piacerti anche…