Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Malpractice in un parto britannico: 200 bambini morti e si poteva evitarlo | Il governo del Regno Unito si è scusato.

Il governo britannico si è scusato mercoledì dopo aver appreso i risultati di un’indagine commissionata dal Dipartimento della Salute in un ospedale per la maternità dopo che un gruppo di famiglie ha denunciato maltrattamenti e irregolarità nelle procedure mediche dopo la morte dei propri figli. Secondo il rapporto, ha dettoCirca 200 bambini sono morti negli ultimi due decenni In un ospedale nel nord-ovest dell’Inghilterra, avrebbe potuto essere prevenuto Se “hanno ricevuto cure migliori alla nascita.

Il documento, commissionato nel 2017, è stato analizzato 1.592 casi registrato allo Shrewsbury Maternity Hospital e a Telford e lo ha concluso Grave rigetto del taglio cesareo e mancanza di cure adeguate Ha causato morti prevenibili in dozzine di neonati.

Inchiesta valutarlo “201 bambini sarebbero sopravvissuti se l’ospedale avesse fornito cure migliori” E quello Anche nove madri hanno perso la vita a causa delle scarse cureAltri sono stati costretti a partorire naturalmente quando avrebbero dovuto subire un taglio cesareo”.

“Sono dispiaciuto per tutte le famiglie che hanno sofferto così tanto”, ha detto oggi al Parlamento il ministro della Salute britannico Sajid Javid.

Il funzionario ha sottolineato che il rapporto, che ha rivelato l’entità di uno scandalo durato due decenni, “chiarisce che erano vittime di un servizio che era lì per aiutarli”.

gravi lamentele

Il lavoro di 250 pagine include casi di neonati infetti Fratture del cranio, ossa rotte e problemi cerebrali dovuti alla mancanza di ossigeno Ha sofferto al momento della nascita.

In un trimestre sono stati riscontrati anche difetti ‘significativi o significativi’ 498 nascite sono morte che sono stati studiati. Nel 40 per cento dei casi non è stata condotta un’indagine interna sulla causa della morte.

READ  MacKenzie Scott ha donato miliardi di dollari e i truffatori ne hanno approfittato

Il rappresentante Jeremy Hunt, che ha commissionato il rapporto nel 2017, ha dichiarato: I risultati delle indagini furono “peggiori” di quanto avesse immaginato.

Donna Ockenden, che è responsabile della conduzione delle indagini, ha affermato che l’ospedale “non ha indagato (i casi), non ha imparato (dai suoi errori) e non è migliorato”.

Mamme che cercavano risposte

Le prime a spiegare le irregolarità denunciate in maternità sono state due madri che avevano perso i loro figli. Rhiannon Davis ha dato alla luce sua figlia Kate nel 2009 e la ragazza è morta in poche ore. Secondo la denuncia della donna, i suoi dubbi sul piccolo movimento che ha provato nelle ultime settimane di gravidanza sono stati ignorati in clinica. E nessuno ha agito in tempo quando il neonato aveva difficoltà a respirare.

Solo nel 2016 la fondazione si è resa conto che si sarebbe potuto evitare la morte del bambino.

Nello stesso anno, il bambino di Kylie Griffith morì all’età di sole 31 ore. Il medico legale ha deciso che si sarebbe potuta evitare anche la morte del neonato. Griffith ha contattato Davis e insieme hanno iniziato a monitorare altri casi simili.

Dopo aver raccolto dati da altri 23 casi simili, hanno chiesto di incontrare l’allora ministro della Salute, Jeremy Hunt. Il funzionario ha commissionato l’indagine nel maggio 2017.