Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lula non va al Forum di Davos  Il presidente brasiliano ha deciso di non partecipare al World Economic Forum

Lula non va al Forum di Davos Il presidente brasiliano ha deciso di non partecipare al World Economic Forum

Da Brasilia

Lola E il seguente Non si vedranno faccia a faccia per la seconda volta in un mese. A poco più di un anno dall'inizio del suo terzo governo, il brasiliano ha deciso di assentarsi dalle elezioni Forum economico mondiale di DavosChe ha frequentato in passato e dove si recherà questa settimana il suo omologo argentino.

Il 10 dicembre, l'ex leader dei metalli era il più grande assente all'insediamento dell'economista Libertario Nella casa rosa.

Lula ha così concluso la sua tradizione di partecipazione alle elezioni presidenziali di Buenos Aires, come aveva fatto durante il suo primo mandato, assistendo agli eventi inaugurali dei governi di Cristina Fernández e Néstor Kirchner.

“Con rispetto”

Sebbene l'agenda di Miley sia sconosciuta, non è improbabile che lui o uno dei suoi ministri si incontreranno a Davos con Kristalina Georgieva, direttrice del Fondo monetario internazionale, Parlare di ottenere più risorse (le casse argentine sono esaurite) per ripagare un debito estero insormontabile.

A differenza dell'Argentina Il Brasile non si trova ad affrontare urgenti passività esterne, per non parlare di problemi di riservaChe ammonta a circa 350 miliardi di dollari, combinato con un surplus commerciale di 99 miliardi di dollari nella stessa valuta nel 2023, secondo i dati ufficiali pubblicati venerdì.

Questo saldo positivo è in gran parte spiegato da Esportazioni di soia, mais e minerale di ferro verso la Cina. Prodotti senza valore aggiunto e bassa intensità di lavoro, due caratteristiche favorevoli alla concentrazione del reddito nelle mani di stati sempre più potenti Impresa agricola Giallo verde.

Il presidente e il capo del Partito dei Lavoratori, Lula, hanno analizzato giovedì scorso alcuni dati macroeconomici davanti a un gruppo di giornalisti nel Palazzo Planalto, dove c'è un cauto ottimismo per il 2024, quando si terranno le elezioni in più di 5.500 comuni.

La solidità dei conti esteri e il dinamismo del mercato interno, uno dei più importanti del pianeta – favorito dall’aumento del salario minimo e dal calo della disoccupazione – pongono le basi per una crescita del 3,1% del Pil nel 2023, ha affermato la banca. . Fondo monetario internazionale.

READ  NASA: tra 60 anni, l'apocalisse climatica inizierà con uragani e uragani indomabili

Durante quella conferenza stampa a Planalto Lula ha ricordato il suo incontro con il capo del Fondo monetario internazionale, che gli ha detto: “Con tutto il rispetto, tu non conosci il Brasile” e la sua economia. Questo perché nei primi mesi del 2023 gli esperti di quell’organizzazione prevedevano una crescita dello 0,8%, quando Lula li ha smentiti asserendo che ci sarebbe stata un’espansione maggiore: previsioni confermate dai fatti.

Le parole del Presidente a Georgieva non erano scortesi: si trattava piuttosto di un gesto del capo dello Stato che, durante il suo primo mandato (2003-2006), pagò il resto dei suoi debiti al Fondo quasi nello stesso momento in cui l'Argentina fece il stessa cosa.

Lula dice spesso che il Brasile è un paese “normale”, e si vanta di non dover ricevere, come è successo altre volte, i commissari del FMI, con le loro ricette tradizionali e di privatizzazione.

ottobre

Invece di recarsi nelle fredde Alpi svizzere, dove avrebbe potuto incontrare Miley, Lola resterà per tutto il mese di gennaio. Brasile tropicale con temperature estremeCome già accaduto a novembre e dicembre, perché Cambiamento climatico Il che è più esagerato in questo paese perché Devastazione dell'Amazzonia.

Inoltre, a Planalto credono che una foto con Georgieva non sarebbe elettorale redditizia in quest'anno di elezioni municipali in cui saranno messe alla prova la popolarità del governo e, attraverso la proprietà fugace, le aspirazioni di rielezione del presidente. Lula ha trovato il tempo nella sua agenda per diventare popolare Marta Suplici, ex sindaco di San Pablo.

È rientrata nel partito laburistaconvincendo Lula a farsi suo vice Guilherme Boulos, il giovane candidato sindaco di San Paolo del Partito del Socialismo e della Libertà (PSOL). Con una popolazione di dodici milioni di persone San Pablo sarà il teatro della madre di tutte le battaglie Elezioni di ottobre.

READ  Israele ha bombardato un covo di terroristi in Cisgiordania che veniva utilizzato per pianificare “attacchi imminenti” contro i civili.

Pauls è uno psicologo ed esperto della rivolta popolare argentina del 2001, oltre al suo accompagnamento ai movimenti sociali in America Latina. Nel 2022 è stato il rappresentante federale con il maggior numero di voti nello Stato di San Pablo. Ha ottenuto questo voto elevato nonostante non disponesse della forte struttura del partito o delle risorse statali di cui si è avvalsa il suo principale rivale, il deputato Eduardo Bolsonaro, grazie al contributo e all’influenza di suo padre Jair.

Bolsonaro Jr., che pur essendo il successore di Polis ha ricevuto un buon voto che gli ha permesso di rimanere alla Camera dei Deputati Federali, ha utilizzato la piattaforma per pubblicizzare la candidatura di Javier Miley alle elezioni argentine dello scorso anno.

Agroalimentare e Bolsonaro

Il successo dell’equilibrio economico nel primo anno del governo Lolista non è privo di contraddizioni.

I dati complessivi indicano una crescita di circa il 3% del Pil (i dati ufficiali definitivi non sono ancora stati pubblicati), grazie… Migliorano consumi e occupazione. Ma senza progressi nella distribuzione della ricchezza Non si registra alcun aumento significativo dei lavori formali ben retribuiti.

Inoltre, non vi è stato alcun significativo empowerment delle organizzazioni sindacali che li dominavano Lavori di riparazione certificati Durante il governo Il golpista Michel Temer (2016-2018), e dopo una repressione poliziesca raramente vista a Brasilia, dove per la prima volta dopo anni sono state schierate le forze dell’esercito, in quella che sarebbe stata una prova generale di ciò che sarebbe accaduto dopo. Militarizzazione Al governo durante l'amministrazione Bolsonaro (2019-2022).

Anche Lula e il suo ministro delle Finanze Fernando Haddad, che di solito riceve più elogi dal mercato che dai settori del Partito dei Lavoratori, non sono stati in grado di rivedere la struttura economica primaria e sempre più finanziata. Si tratta di una struttura che il governo sta cercando di invertire attraverso la sua politica di finanziamento delle infrastrutture, in cui la Banca Nazionale per lo Sviluppo Economico e Sociale (BNDES) è supportata dalla Nuova Banca di Sviluppo del gruppo BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Paesi Bassi). paesi del Sud). Africa, alla quale hanno aderito altri paesi a gennaio).

READ  La Spagna ha donato all'America Latina 750.000 dosi di vaccini contro il coronavirus AstraZeneca: quali paesi li riceveranno

Allo stesso tempo, Il presidente ha trascorso l’intero anno conducendo una battaglia quasi solitaria contro gli alti tassi di interesse fissati da una banca centrale gestita a distanza da banche private. È riuscito a ridurlo all'11,75% annuo. Si è trattato di una vittoria, ma è vero che è ancora uno dei tassi reali più alti al mondo dal momento che l’inflazione complessiva è rimasta inferiore al 5%.

L'aumento delle esportazioni deriva principalmente dalle spedizioni verso la Cina da essa effettuate Impresa agricolaÈ un settore che, oltre a non apportare un contributo fiscale significativo, è principalmente responsabile della distruzione di centinaia di migliaia di ettari nella regione amazzonica, nel nord, e nella regione del Cerrado, un bioma situato nella regione occidentale.

Con il segnale di Bolsonaro e il consenso dell’esercito di stanza nella foresta, i proprietari terrieri di grandi e medie dimensioni hanno appiccato il fuoco e occupato terreni pubblici tra il 2019 e il 2022. Allo stesso tempo penetrarono, con il sangue e il fuoco, nelle riserve indigene. Popoli, che sono i migliori custodi della foresta.

La stessa classe dei proprietari terrieri ha dato un aperto sostegno alla rielezione di Bolsonaro, parte della quale ha sostenuto il tentativo di colpo di stato dell'8 gennaio 2023 per mantenere il Capitano al potere nonostante la vittoria di Lula.

E un certo numero di membri del suo blocco parlamentare, noto come Sedile del toroL'assenza del presidente, dei membri del Congresso e dei giudici era evidente lunedì scorso quando il presidente, i membri del Congresso e i giudici hanno ricordato l'anniversario del fallito colpo di stato.