Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’opera di Enrique Tabara tornerà in mostra a Barcellona dopo 58 anni | cultura | intrattenimento

Il gruppo latinoamericano aprirà il 25 gennaio come mostra postuma che rappresenterà l’omaggio della città catalana all’artista di Guayaquil.

La relazione tra Enrique Tabarra (1930-2021) e la città Barcellona (Spagna) profondo, dalla fine degli anni ’50 un artista di Guayaquil ha trovato coincidenze speciali tra i suoi interessi creativi e Un movimento artistico chiamato informalità che si svolgeva in quella città e in tutta Europa, che esprimeva un linguaggio astratto che includeva cose diverse dall’arte, come la rete metallica, i tessuti e la sabbia.

E c’era molto di lui che era lì in quella città Nel 1961 è stato invitato a rappresentare la Spagna Un omaggio al Surrealismo organizzato dal poeta André Breton in Francia, al quale ha partecipato con artisti come Salvador Dalì, Joan Miró ed Eugenio Granel.

Quindi i figli dell’artista mostrano grande sollievo e orgoglio quando viene annunciato Il Collezione America Latina Scritto da Enrique Tabara Inaugurazione il 25 gennaio a Barcellona su iniziativa del Circolo dei Critici d’Arte della Catalogna e della Fabbrica Culturale di Terrassa (Barcellona), Entità che gli offrono in questo modo un tributo dopo la sua morte come risultato di ammirazione e apprezzamento per le sue opere d’arte.

Conferenza stampa venerdì 12 novembre al MAAC di presentazione della mostra Latin American Group a Barcellona (Spagna). Includono i fratelli Ricardo Tabara (a sinistra), Eduardo Tabara (presidente della Fondazione Enrique Tabara), Oswaldo Tabara e l’artista Hernán Zúñiga. Foto: Moisés Pinchevsky. Foto: l’universo

E’ quanto e’ emerso durante una conferenza stampa tenutasi venerdi’ nell’auditorium del Museo di Arte Antropologica e Arte Contemporanea (MAAC). “Questa collezione è iniziata nel 2016 con una mostra qui al MAAC in onore delle culture ancestrali. Da qui il nome gruppo latinoamericano Ha spiegato Eduardo Tabara, presidente della Fondazione Enrique Tabara, l’ente co-organizzatore della mostra di Guayaquil.

Il campione è composto da 40 opere della Fondazione Enrique Tábara e 10 opere della collezione Galería Estudio Tábara, Il che permette dopo 58 anni di eccezionale talento a Buenos Aires di tornare in Spagna.

Joan Gil, storico dell’arte catalano, critico d’arte e curatore, Chi ha incontrato Tábara 20 anni fa, è uno dei responsabili del ritorno dell’arte Tábara a Barcellona. Ha spiegato attraverso un videoclip registrato da Barcellona, ​​​​specialmente per questa occasione, che l’artista di Guayaquil ha instaurato una grande amicizia con talenti come Anthony Tabez, Will Fabre e Roman Valles, “Enrique ha avuto un ottimo rapporto con il Barcellona”. , tra gli altri espositori del movimento informale, nonché critici d’arte dell’epoca. Ha fatto riferimento al carattere forte dei dipinti come il cosiddetto La gamba, con due gambe e due piedi, simboleggia Tabara.

Conferenza stampa venerdì 12 novembre al MAAC di presentazione della mostra Latin American Group a Barcellona (Spagna). Sono costituiti da Ricardo Tabara, Eduardo Tabara, Oswaldo Tabara e Hernán Zúñiga. Sullo schermo, il catalano Joan Gil dà il suo messaggio. Foto: Moisés Pinchevsky. Foto: l’universo

Gil ha aggiunto che la tappa non ufficiale di Tabara si è concentrata tra il 57 e il 63 a Barcellona e ha persino raggiunto Madrid. Ha partecipato anche in Italia, Francia, Germania e Svizzera. “Era uno degli artisti stranieri molto attivi nell’informalità catalana”. Ha inoltre evidenziato lo stretto rapporto che lo lega alle sue origini ancestrali in Ecuador.

L’artista Hernan Zúñiga, che era un amico di Tabara, ha espresso sollievo durante la conferenza stampa quando ha notato che questa mostra mostrerà che il suo collega è ancora vivo attraverso il suo lavoro e i suoi figli. “Si rifiuta di partire… Il sogno di Enrique di contattare la Catalogna è ancora vivo… Trovo abbastanza soddisfacente e commovente che Enrique torni in Spagna e Catalogna”.

Conferenza stampa venerdì 12 novembre al MAAC di presentazione della mostra Latin American Group a Barcellona (Spagna). Sono costituiti da Ricardo Tabara, Oswaldo Tabara, Ernan Zuniga e Eduardo Tabara. Foto: Moisés Pinchevsky. Foto: l’universo

Zuniga ha aggiunto di conoscere molto bene il modo di lavorare di Tábara. “Eravamo con due chef. Ciascuno conosce la cucina dell’altro.” Così l’ho notato spesso che acquistava materiali per il suo lavoro, come sabbia, gesso, granito e colla bianca, nei negozi di ferramenta nel mezzo, dove faceva ciò che Hernan descriveva come Guayaquil non ufficiale.

La mostra durerà due mesi a Barcellona, ​​dopodiché diversi dipinti saranno esposti nella Casa Museo di Enrique Tabara, che aprirà, come annunciato, sabato 4 dicembre, nella sua casa di riposo situata a Quattro Mangas. Campus, Canton Buena, nella provincia di Los Rios.

Ha detto Oswaldo Tabara, direttore della Fondazione, che ha illustrato le opere di vari artisti, nonché i suoi dipinti, collezioni e oggetti personali. Al piano terra sarà allestita una collezione archeologica.

La Casa-Museo Enrique Tábara farà parte di un affascinante centro culturale progettato dall’artista, che spera di completare in un prossimo futuro con il sostegno di entità nazionali (come i comuni di Buena Fe e Quevedo e la provincia di Los Rios) e all’estero.

Il centro culturale, che sarà murato e avrà una superficie di un ettaro, avrà una grande piramide (che fungerà da ricevitore di energia naturale) e mostrerà gli altri interessi dell’artista, come lo studio del fenomeno degli UFO. . Per questo motivo sono fiduciosi che servirà anche come meta per il turismo astrologico. (IO)

READ  Celebrity MasterChef: Sol Perez, urlando a Maria O'Donnell