Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il segreto dei cani gettati nel vuoto nel Parque Spain: la leggenda metropolitana di Rosario nel film

In questi giorni Rosario è tornato ad essere un set cinematografico. Cani suicidi e amanti non corrisposti Sono loro gli operatori a rendersi conto che questo nuovo materiale audiovisivo è in fase di sviluppo e dovrebbe essere ultimato entro la fine dell’anno. Lo staff di Perros del viento è composto da Luis Machin, Gilda Scarpetta, l’attore uruguaiano Roberto Suárez, l’attrice spagnola Estrella Zapatero, Lorenzo Machin, Carlos Portaluppi, i locali Juan Némirovsky, Roberto Moyano, Gustavo Sacconi e Gustavo Guerrado, tra gli altri interpreti.

Dopo opere come “A Cada Side” e aver diretto un racconto del grande negro in “Fontanarrosa, quello che si dice essere un feticcio”, Hugo Grosso torna nella sua città per un nuovo progetto. “Perros del Vento è un lungometraggio che abbiamo iniziato a girare a giugno e resteremo fino ai primi giorni di luglio in diversi luoghi di Rosario”, ha detto il regista in un’intervista esclusiva con lui. Rosario 3.

Hugo ha descritto il suo film come “prendendo il tema principale a La leggenda metropolitana della nostra città che ha a che fare con questo suicidio di cane che si svolge nel Parque de España, Dove i cani di razza vengono gettati nel vuoto per un motivo misterioso.”

E ha continuato ad approfondire quel misterioso episodio che ha motivato il suo nuovo film: “Per qualche strana ragione, Qualcosa che li attrae, si dice che potrebbe essere il vento, e si dice che potrebbe essere una vibrazione, qualcosa che non è udibile dagli umani Ma fa impazzire i cani e questo li fa saltare nel vuoto”, ha detto il direttore dell’audiovisivo.

Le riprese nel giardino della Spagna, dove i cani “si sono suicidati”.

Grosso ha continuato, “Questa canzone mi ha aiutato a lavorare su una sceneggiatura in realtà Si parla principalmente di ciò che l’etologia animale è paragonata al comportamento umano. Sta cercando di vedere come quando portiamo alcuni problemi diventiamo animaleschi e possiamo essere sull’orlo di un fenomeno di salto nel vuoto a causa delle ferite che ci portiamo dentro che non abbiamo risolto nel suo discorso”.

Un fenomeno insolito e irrisolto si interseca con una storia d’amore incompiuta. “Nella fiction c’è un personaggio che torna in città dopo tanto tempo per indagare su questo fenomeno. È Rosario che aveva Una storia d’amore molto forte con la moglie del suo migliore amico” L’aspettativa di Hugo.

Un po’ a causa di questa situazione e del dolore di non essere stato scelto da quella donna, rimane un po’ demoralizzato ed esiliato in Spagna. Uno sceneggiatore multimediale per un programma piuttosto interessante lavora a Madrid, Riceve notizie dei cani suicidi, e decide di tornare un po’ indietro per indagare sulla vicenda E un po’ di più per scoprire cosa resta di quella storia eccezionale”, ha continuato con la sua storia sentimentale.

L’attore di Rosario Luis Machín durante le riprese complete alla Fattoria dei bambini

Hugo Grosso ci invita a pensare a cosa guardiamo e cosa non vogliamo vedere. In questo film, un’idea ruota attorno al pittore René Magritte, che dice: Tutto ciò che vediamo nasconde qualcos’altro e vogliamo sempre vedere cosa è nascosto Dietro ciò che vediamo e il film c’è qualcosa di simile”.

E finisce: “È uno schermo che appare in esso Tutti i personaggi sanno cosa è successo Ma nessuno se ne rende conto finché qualcuno non li mette davanti ai fatti che tutti conoscono».

READ  Charlotte Kanigia ha detto che da ragazza voleva fare la cassiera di un supermercato e ha commesso l'omicidio di Al-Sadiq quando ha spiegato perché si è arresa.