Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'opera dell'artista spagnolo Luis Leo arriva in Italia con “Pittore ad Ercolano”.

L'opera dell'artista spagnolo Luis Leo arriva in Italia con “Pittore ad Ercolano”.

Roma, 26 gennaio (EFE).- Le opere dell'artista spagnolo Lluis Lleó sono esposte per la prima volta in Italia nella mostra “Pittore a Ercolano”, che inaugura domani presso Villa Campolito, complesso museale situato nell'antica Roma Roma. Una città come Pompei (Sud) fu distrutta dal Vesuvio nel 79 d.C

Si tratta di un “viaggio fantasioso” attraverso le opere più importanti di Lleó, che “esplora l'unità tra figura e astrazione, con dipinti e sculture che trasmettono le dicotomie lirismo-forza, presenza-trasparenza e ordine-disordine”, secondo gli organizzatori. La mostra è stata curata da Maria Savarez.

Vivendo e lavorando tra Amburton (Catalogna), Messico, Parigi e Roma, Lleó (Barcellona, ​​1961) si caratterizza per l'uso della pittura, dell'affresco e del pigmento puro come tecniche tradizionali, sottolinea Saverese in una nota.

“Ho visitato Napoli per la prima volta all'inizio degli anni '90. Me ne sono subito innamorato e ho capito che mio padre aveva ragione: niente al mondo è uguale a Ercolano”, spiega l'artista.

Il cuore di questa mostra personale è 'The Perfect Year', una struttura circolare in acciaio, rivestita in terracotta, murale e composta da 365 blocchi, che “rappresenta un cerchio spazio-temporale comprendente paesaggi, date, presenze e assenze. L'artista in un simbolico diario intimo”.

Considerato il “fulcro” della mostra, quest'opera, che Lleó ha iniziato a realizzare nel 2008, rappresenta una dimensione del tempo circolare dopo la morte del padre che in qualche modo chiude tutto e dà un senso a tutto. Una stagione di vita.”

La distribuzione delle stanze al primo piano di Villa Campolitto è creata tra tele e sculture in carta, pietra e legno, “un vero trionfo di tecniche che confermano la maestria dell'autore”, che utilizza diversi supporti e strutture interattive. Secondo Savarese, abbraccia la tradizione mediterranea del romanico e dialoga con il modernismo americano.

READ  Scoprono un complotto di spionaggio in Italia contro politici, giornalisti e atleti d'élite.

“Tutte le opere in mostra hanno una radice comune e un'origine condivisa: un viaggio a Ercolano e Pompei all'inizio degli anni '90. In un certo senso è stato il viaggio che ha segnato la direzione del mio lavoro e della mia esperienza con New York come città artista”, spiega Leo.

Seguendo una pratica artistica radicata nella tradizione, l'artista è noto per il suo lavoro che sfida i confini “tra astrazione e figurazione, tra scultura e pittura”, ma è aperto al contemporaneo.

Dopo il suo ritorno nel 2017 da New York, dove ha vissuto per 30 anni, alcune delle opere esposte per la prima volta in Italia facevano parte di una mostra al Museo Marco di Vigo (nord della Spagna) che è stata visitabile lo scorso anno.

Considerata “una delle espressioni più interessanti della scena artistica contemporanea” secondo Savarese, la sua attività di pittore lo ha portato ad esibirsi in mostre in vari luoghi d'Europa, America e Asia, passando per Barcellona o Madrid, Bruxelles. a Berlino, Hong Kong e Città del Messico, tra gli altri. EFE

mas/signor/cg

(fotografia)