Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’OCSE prevede che l’economia italiana ristagnerà con una crescita dello 0,7% nel 2023 e nel 2024.

L’OCSE prevede che l’economia italiana ristagnerà con una crescita dello 0,7% nel 2023 e nel 2024.

Roma, 22 gennaio (Ificom).- L’economia italiana ha superato “bene” la recente crisi, ma la sua crescita ora rallenta, poiché il Pil della terza potenza dell’euro crescerà dello 0,7% nel 2023. Come nel 2024, l’economia italiana Lunedì l'Organizzazione per la Cooperazione Economica: previsioni e sviluppi.

“La crescita sta rallentando in un contesto di inasprimento delle condizioni finanziarie. Dato l'elevato livello del debito pubblico, è necessario rafforzare le finanze pubbliche”, afferma il rapporto OCSE sull'Italia nel 2024.

Il governo di destra della Georgia Meloni se ne rende conto ed è stato costretto a rivedere le sue previsioni al ribasso e ad assumere che il PIL nel 2023 non crescerà dell'1%, ma dello 0,8% precedentemente stimato, e nel 2024 rimarrà al massimo. ., all'1% e non al previsto 1,5%.

L’obiettivo ora è quello di rilanciare questa crescita, cercando al tempo stesso di ridurre l’accumulo di debito, uno dei maggiori problemi che affliggono i conti pubblici italiani.

Il governo stima che il debito crescerà del 4,3% nel 2024, continuerà a diminuire l’anno successivo (3,6%) e rimarrà al 2,9% nel 2026.

Ma le previsioni dell’OCSE sono un po’ meno ottimistiche: il Pil italiano crescerà dello 0,7% sia nel 2023 che nel 2024, per salire all’1,2% nel 2025, mentre il debito pubblico totale raggiungerà il 141,4% del Pil italiano nel 2024, anche se scenderà al 140,5%. Nel 2025.

Questo è considerato uno dei debiti più alti del gruppo OCSE.

L’OCSE ha celebrato che “un ampio sostegno fiscale” e una maggiore competitività sono riusciti a riportare il PIL italiano ai livelli pre-pandemia già a metà del 2021, oltre a lasciare la disoccupazione a “livelli storicamente bassi” (tasso di disoccupazione a novembre (7,5).% secondo l’Istituto Nazionale di Statistica).

READ  Le esportazioni di carne sono diminuite del 3,9% a settembre

L'organizzazione internazionale è praticamente d'accordo in questo senso, e stima che la disoccupazione nel 2023 sia stata del 7,6%, anche se nel 2024 crescerà di due decimi, raggiungendo il 7,8%.

In questo contesto, le famiglie italiane stanno vivendo un momento difficile: in primo luogo perché il loro reddito è stato “eroso” a causa dell’aumento dell’inflazione a causa della crisi energetica, che l’Italia ha affrontato sostituendo alla Russia con l’Algeria come principale fornitore di gas.

Tuttavia, l’OCSE conferma che l’inflazione core scenderà dal 4,5% dello scorso anno per scendere significativamente nel 2024 al 3,1%.

Ha visto anche un inasprimento delle politiche monetarie della Banca Centrale Europea e un “rapido aumento del costo del finanziamento” per famiglie, imprese e pubbliche amministrazioni.

Per il biennio 2024-2025, l’Ocse prevede “una crescita economica contenibile” in Italia, con un’inflazione in calo “graduale”, mentre “i rischi sono diretti al ribasso”.

L'organizzazione internazionale sottolinea la necessità di riportare il debito pubblico su una “via saggia” e, a tal fine, raccomanda riforme fiscali e un aggiustamento “permanente” della spesa, nonché il rispetto degli standard fiscali europei e del Patto di stabilità.

“Per riportare il deficit su un percorso più prudente, affrontare i costi futuri e rispettare le regole fiscali europee, sarà necessario un aggiustamento di bilancio permanente”, afferma il rapporto.

L’OCSE presta particolare attenzione alla transizione energetica in corso, ma afferma che per ottenere riduzioni delle emissioni, l’Italia deve “rafforzare le misure esistenti e adottare nuove politiche”, come incentivi o semplificazione della burocrazia sulle energie rinnovabili. Aficom

gsm/signor/glm