Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lo scioccante documentario di Netflix sull’uomo che ha violentato centinaia di vittime, massacrato e mutilato | Cronaca

Netflix Ha scommesso di nuovo su un documentario della polizia. riguarda “Scena del crimine: omicidio a Times Square”, Una breve serie creata dal regista candidato all’Oscar Joe Berlinger Si compone di tre episodi di 50 minuti ciascuno.

Le immagini raccontano le atrocità che ha commesso Netflix-20211231-0080.html “target=”_blank”>Richard Cottinghamtra il 1967 e il 1980. Era conosciuto in tutto il mondo comeassassino di ceppi” [“El asesino de torsos”], che avrebbe violentato, torturato, mutilato e ucciso più di 100 donne, sebbene solo 11 di loro siano state condannate.

La prima rata parte da Times Square, il 2 dicembre 1979, quando i vigili del fuoco si imbatterono in quello che fu poi chiamato “camera d’albergo dall’inferno” in un Motori Travel Inn.

Sono stati chiamati per un incendio nella stanza 417 e quando sono riusciti a salvare due donne con l’intento di fare la RCP per rianimarle, si sono resi conto che ora sarebbe stato impossibile. Che i cadaveri non hanno né testa né mani. Da lì è nato il soprannome che accompagnerà il killer fino alla fine.

Testimonianze terrificanti su “The Torsos Killer”

Il documentario presenta un mix di interviste con ex detective, agenti di polizia, prostitute e un ex collega di Cottingham in Croce Blu Scudo Blu. La cosa più insolita è una conversazione con Jennifer Weiss, che è la figlia biologica di Dida Godarzi, una delle presunte vittime dell’assassino. Questa donna ha fatto notizia nel 2020 quando Si sapeva che aveva stretto amicizia con il potenziale assassino di sua madre quando stava scontando una pena in prigione.

READ  Kristalina Georgieva del Fmi ha sminuito le aspettative per un accordo veloce con l'Argentina: "C'è ancora molto da fare"

È stata data in adozione quando aveva pochi giorni, e infatti sua madre è stata riconosciuta grazie all’ultima cicatrice da taglio cesareo che ha avuto, perché non le hanno mai trovato la testa. Quando iniziò a indagare sulle sue origini biologiche, Jennifer apprese cosa era successo grazie a ritagli di giornale e da lì iniziò a visitare i corrotti in carcere per scoprire in prima persona cosa fosse successo.

Jennifer Weiss, la figlia di Deeda Godarzi, una delle prime vittime di Richard, ha raccontato perché era così vicina all’assassino di sua madre.

Tutte le donne uccise da Richard hanno lasciato questo mondo in modo orribile. Ora ho una relazione con Richard perché voglio i nomi delle vittime anonime che ha preso. Una vita che non si è mai avverata. Penso che dovremmo ricordarli perché meritano giustiziaWeiss ha detto nel documentario.