Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia vuole accelerare i progetti “verdi” con meno burocrazia attraverso l’EFE

© Reuters. L’Italia vuole accelerare i progetti “verdi” con meno burocrazia

ROMA, 5 mag. (.) .- Il governo italiano vuole accelerare l’approvazione dei progetti di energie rinnovabili, stanziando fino ad ora quasi 70.000 milioni di euro nel piano di ripresa, insieme a misure per alleggerire la burocrazia.

Il ministro per il cambiamento ambientale Roberto Cingolani, eletto dal presidente del Consiglio Mario Draghi per gestire uno dei ministeri più appropriati dell’attuale amministrazione, ha affermato mercoledì in un incontro con la stampa estera che è necessario ridurre il riconoscimento da parte di Roma dei processi di investimento “verdi”. .

Singolani, che ha fondato l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) nel 2005, ha affermato che l’Italia è impegnata a installare 70 gigawatt di nuova capacità di energia rinnovabile entro il 2030, e attualmente si attesta a 0,8 gigawatt all’anno. Concessione dell’autorizzazione.

“Se continuiamo a questo ritmo, arriveremo al 2090. La situazione è urgente”, ha detto, aggiungendo che è in procinto di compilare un elenco di riforme strutturali che presenterà all’esecutivo entro la fine di maggio.

L’Italia ha fissato un obiettivo nel suo ultimo progetto energetico, che sarà consegnato alla fine del 2019, con una nuova capacità verde di 65 gigawatt nel prossimo decennio, ma il ministro ha anticipato che invierà un aggiornamento “entro la fine del June “per sostituire quello nuovo. Obiettivi fissati da Bruxelles.

Singolini aveva già detto a marzo che il governo italiano voleva ridurre le emissioni di carbonio del paese del 60% entro il 2030 e che l’Italia dovrebbe riconsiderare il suo processo di gara per gli impianti di energia rinnovabile per collaborare con altri stati vicini come la Spagna.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci

Il piano di ripresa dell’Italia destina 68,6 miliardi di euro ai progetti sul cambiamento climatico (59,3 miliardi dal meccanismo europeo di ripresa e 9,3 miliardi dalle risorse nazionali complementari) e all’area di intervento pesante, seguita dalla digitalizzazione.

Avviso legale: Fusion Media Vorrei ricordarti che i dati su questo sito web non sono in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi forex non sono forniti dalle borse ma dai market maker, quindi i prezzi possono essere imprecisi e possono differire dal prezzo di mercato effettivo, ovvero i prezzi sono contrassegnati e non rilevanti ai fini del trading. Fusion Media pertanto non si assume alcuna responsabilità per eventuali perdite aziendali che potresti subire a seguito dell’utilizzo di questi dati.

Fusion Media O chiunque sia associato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni derivanti dall’affidamento su informazioni inclusi dati, preventivi, grafici e segnali su questo sito web. Si prega di essere pienamente informati sui rischi e sui costi associati al trading sui mercati finanziari, che è una delle forme di investimento potenzialmente rischiose.