Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia, un potenziale nuovo partner per il principale carro armato europeo del futuro

Roma dovrebbe acquistare un nuovo carro armato principale per sostituire la sua flotta esistente sviluppata a livello nazionale intorno al 2035 RAM. Il momento coincide con il palinsesto del programma franco-tedesco MGCS (Main Ground Combat System) per sostituire l’attuale Leopardo 2 tedeschi e Leclerc Francese, quindi l’unione dell’Italia con il progetto è considerata di grande importanza.

Ciò si riflette in un ampio articolo pubblicato all’inizio del mese da Centro europeo di analisi delle politiche (torsionein breve in inglese), composto da un gruppo di esperti con sede negli Stati Uniti e in Polonia, specializzati in ricerca e rendicontazione sulla politica americana in riferimento all’Europa centrale e orientale, alla Russia e alle regioni limitrofe.

Lo scorso maggio è stato presentato al parlamento del Paese un documento preparato dal governo tedesco in cui si prevede l’ingresso di nuovi partner nel progetto. MGCSguidato da società tedesche Rheinmetall S Krauss Muffy Wegmann (KMW)accanto ai francesi Avanti.

KMW e Nexter fanno parte del consorzio dal 2015 KNDSche nel 2018 ha presentato la sua proposta per un carro armato principale europeo EMBT (abbreviazione di European Main Battle Tank) come scommessa per MGCS. Si prevede che lo sviluppo che esce da questo programma sostituirà il suddetto Leopardo 2 S Leclerc A partire dalla metà degli anni Trenta.

Attualmente, i paesi dell’Unione Europea mantengono in funzione 17 diversi modelli di carri armati. Al contrario, gli Stati Uniti, che sono la più grande potenza militare del mondo, hanno un solo modello.

Progetto con Spagna e Polonia

Nell’ottobre 2020 si è scoperto che l’Italia stava cercando di aggiungere Polonia e Spagna al proprio progetto per sviluppare un nuovo carro armato per sostituirlo. RAM C1 in realtà Leopardo 2 Spagnoli e polacchi, avendo precedentemente tentato di entrare a far parte dell’MGCS franco-tedesco, senza successo.

READ  Soddisfazione nel settore dei croccanti al primo giorno di pescato dopo cinque mesi di fermo

Ora, tuttavia, le possibilità che l’Italia entri nel programma di Parigi e Berlino stanno diventando sempre più chiare, secondo l’articolo CEPA, che rileva che l’Italia è una potenza europea con una solida base industriale difensiva e un ruolo importante nella politica e nella sicurezza antica . continente, che ha la terza economia più grande.

Consorzio Iveco-Oto Melara

La fonte sottolinea che l’Italia può fornire capacità tecnologiche per potenziare il prossimo progetto europeo di carri armati e cita la possibilità di entrare in società come Iveco-OTO Melara Alliance (CIO)Società per azioni Leonardo e Veicoli da difesa Iveco Con decenni di esperienza nello sviluppo di attrezzature militari a terra. In questo modo il carattere europeo del progetto, stimato in 1.800 milioni fino al 2028, sarà sostenuto da Roma.

Rileva inoltre che “dato il recente accordo di cooperazione in materia di difesa tra Francia e Italia e la crescente cooperazione politica tra Germania e Italia, ha senso includere un terzo importante partner nel progetto”.

Lo scorso ottobre, la Svezia ha fatto domanda per entrare MGCS, inizialmente come osservatore. Il paese scandinavo ha attualmente una flotta di 120 auto 122derivato da Leopardo 2A5 Lingua tedesca attiva dalla fine degli anni ’90.