Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia sequestra una villa da 108 milioni di dollari al pilota russo di Formula 1 Nikita Masebin

Roma Lunedì le autorità italiane hanno confiscato una villa del valore di quasi 100 milioni di euro (circa 108 milioni di dollari) associata al pilota russo Nikita Masebin nell’ambito delle sanzioni imposte alla Russia per l’invasione dell’Ucraina.

Un funzionario del governo ha spiegato che l’ordinanza del tribunale riguarda la Villa Rocky Ram, situata a Porto Servo in Costa Smeralda, nel nord-est della Sardegna.

La villa, del valore di oltre 100 milioni di euro, è legata alla 23enne Nikita Masebin, arrivata in Formula 1 con il padre di Dmitry, un milionario dell’industria chimica associata a Vladimir Putin.

Il giovane pilota è stato recentemente espulso dal team americano di Formula 1 Haas. Dmitry e Nikita Masebin sono tra i parlamentari nell’elenco degli oligarchi russi e dell’Unione europea.

In risposta al suo licenziamento, il pilota ha annunciato all’inizio di marzo che avrebbe costruito una fondazione a sostegno degli atleti che perdono il lavoro “per motivi politici”.

Mazepin ha dichiarato in una conferenza stampa virtuale che la fondazione è “dedicata ad aiutare gli atleti che, per motivi politici, perdono la capacità di partecipare ai massimi livelli, al di là della loro volontà”.

“Sarà finanziato da Uralkali, utilizzando i soldi stanziati per la sponsorizzazione in Formula 1 in questa stagione”, ha continuato.

L’Ural Kali, gruppo russo sponsor di Haas dal 2021, ha concluso l’accordo con la squadra statunitense sabato scorso “con effetto immediato”, mentre era in vigore l’accordo Mazepin. Dall’invasione russa dell’Ucraina, l’Italia ha bloccato centinaia di milioni di euro di immobili, comprese ville e barche di lusso appartenenti agli oligarchi russi.