Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'Italia rifiuta di estradare Reverberi in Argentina per crimini contro l'umanità

L'Italia rifiuta di estradare Reverberi in Argentina per crimini contro l'umanità

Roma, 12 dicembre (EFE).- Il ministro della Giustizia italiano Carlo Nordio ha cambiato idea e ha deciso di non autorizzare l'estradizione in Argentina di Franco Reverberi, sacerdote italo-argentino accusato di crimini contro l'umanità. Dittatura militare (1976-83), lo hanno confermato oggi all'EFE fonti vicine alle vittime.

Lo scorso dicembre, la Corte Suprema italiana ha respinto un ricorso contro l'estradizione di Reverberi, accusato, tra gli altri crimini, dell'omicidio del 1976 del ventenne Jose Guillermo Peron, ancora scomparso, e lo ha condannato al pagamento delle spese.

“Siamo molto delusi. Il ministro ha cambiato idea, ma la Corte Suprema ha vinto due processi, concedendogli una sentenza esemplare che copre tutti i motivi della sua deportazione”, ha detto George Iturburu della ONG il 24 marzo. , che ha lavorato sul caso insieme ad altre organizzazioni e alle autorità argentine.

In seguito alla sentenza della Corte Suprema, il ministro Nordeo ha concesso 45 giorni per confermare o smentire la consegna, e dopo aver inizialmente dato il permesso il 2 agosto, il sacerdote, che ha 87 anni, alla fine lo ha respinto adducendo motivi di salute.

Il sacerdote, accusato di aver assistito a molteplici torture da parte dei prigionieri della giunta militare, comparirà il 19 e ritirerà l'unica misura precauzionale nei suoi confronti. dal paese.

“Ciò che ci resta è ricorrere al tribunale amministrativo regionale dove si svolgerà questo processo. Sarà complicato”, ha spiegato Itupuru, che ha sottolineato di non aspettarsi la decisione, dopo che Nordeo aveva autorizzato l'estradizione il 2 dicembre. Agosto

Ha spiegato che l'estradizione è “sempre un accordo tra paesi”, “una decisione politica”, e Nordeo potrebbe aver valutato che “non ha senso continuare con il nuovo governo argentino”.

READ  L’Italia salva Zoo

La richiesta di estradizione verso l'Italia, attualmente al potere dell'estrema destra Giorgia Meloni, è stata promossa dall'esecutivo in vista dell'arrivo del nuovo presidente, il libertario Javier Millay.

Reverbery era cappellano militare in una struttura segreta conosciuta come Casa Departmental de San Rafael (Mendoza), secondo le testimonianze di diversi sopravvissuti di aver assistito a sessioni di tortura condotte sui prigionieri durante la dittatura militare argentina.

La nuova decisione del ministro italiano arriva dopo due precedenti respingimenti del 10 luglio, quando la corte d'appello di Bologna aveva accolto la richiesta di estradizione del governo argentino in un'udienza a porte chiuse dopo la prima sentenza della Corte Suprema. Quel sentimento.

Nato a Sorbolo (Italia) nel 1937, Reverberi si trasferì con la famiglia in Argentina e visse per più di quarant'anni a San Rafael, una cittadina a sud di Mendoza, dove durante la dittatura militare operava un centro segreto di tortura e sterminio. Parte di un massiccio sistema di “sparizioni forzate” che, insieme al Plan Contor, ha portato alla morte di migliaia di persone.

Reverberi era il vice cappellano della Forza di spedizione a cavallo VIII di San Rafael ed è indagato per le sue azioni presso il Centro di detenzione segreto dipartimentale, che opera fuori dalla sede dei tribunali locali.

È fuggito dal Paese nel 2011, quando a Mendoza si è tenuto il primo processo per crimini contro l’umanità e le testimonianze dei sopravvissuti e dei parenti hanno cominciato a evidenziare la sua responsabilità.

Nel corso del lungo iter giudiziario in Italia, iniziato nel 2013 e promosso nel 2021, è stata promossa la riforma del sistema giudiziario italiano, che considerava come crimini contro l’umanità solo i reati di omicidio che implicano la tortura. EFE

READ  Spagna, Francia, Italia e Grecia spingono per riforme del mercato elettrico

Sig./R.F