Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia prova ad accelerare il terzo cambio di moneta europea dopo la proroga

L’Italia prova ad accelerare il terzo cambio di moneta europea dopo la proroga

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 apr 2023 – 12:50


Roma, 21 aprile (EFE). – Il governo italiano ha convocato venerdì una riunione per accelerare gli investimenti nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) a causa della pandemia, e ottenere così la terza tranche di fondi europei, dopo che i ritardi hanno costretto la Commissione europea a prorogare di un mese la valutazione .

L’attuazione del piano, per il quale sono stati stanziati 191,5 milioni di euro, è stata una priorità del governo di estrema destra di Giorgia Meloni da quando è salito al potere lo scorso ottobre, che ha quindi creato il ministero per gli Affari europei e le politiche di coesione e il PNRR. , nelle mani di Rafael Vito.

Venerdì Veto ha convocato i ministri da cui dipendono questi investimenti: il vicepresidente e responsabile delle infrastrutture, Matteo Salvini; Quel Insider, Matteo Piantedosi; Premio Istruzione e Merito, Giuseppe Valdetara, ed Economia, Giancarlo Giorgetti, per aver mostrato il lavoro da fare entro il 30 giugno

L’obiettivo è “continuare il lavoro del governo per raggiungere un esito positivo di verifica di tutti gli obiettivi raggiunti al 31 dicembre 20222 dalla Commissione europea e completare la richiesta del terzo lotto di PNR per giugno 2023”.

Salvini ha presentato i contenuti del piano di regolazione delle concessioni portuali, che Bruxelles aveva chiesto, e sono state studiate alcune insidie, come i lavori sperimentali sull’idrogeno nella rete stradale o ferroviaria, mentre Valdetara ha spiegato lo stato di alcuni lavori in corso, come i miglioramenti della rete sistema di assistenza all’infanzia.

Il 27 marzo, dopo diversi rinvii, la Commissione Europea e Roma hanno concordato di prorogare di un mese la valutazione dei progetti finanziati dai fondi del PNRR, in particolare quelli relativi alle concessioni portuali, alle reti di riscaldamento e all’urbanistica.

READ  Macron seppellisce il gasdotto con la Spagna mentre il governo chiede 'lealtà'

Fino ad allora l’Italia aveva raggiunto tutti gli obiettivi fissati per il 2021 e il 2022, con un totale di 151 rispetto ai 527 impegnati per il 2026 – anno limite fissato dall’Ue – e aveva ricevuto 66,9 miliardi di euro.

Tuttavia, l’erogazione di 19 miliardi di euro relativa alla seconda metà del 2022 è stata sospesa a causa di ritardi nell’attuazione e ostacoli burocratici, e questi giorni sono cruciali per raggiungere il rispetto dei suddetti obiettivi.

La stessa Meloni ha sollecitato l’attuazione del programma perché la priorità è “non perdere denaro”, anche se ha approvato il motivo del ritardo perché il suo predecessore, l’economista Mario Draghi, lo ha effettivamente scritto.

Il presidente del Consiglio continua a scommettere sulla modifica del PNRR e ha confermato che le trattative con le autorità europee sono “in corso” in tal senso.

Il leader dell’opposizione, il progressista Eli Schlein, ha lamentato il ritardo nell’attuazione del PNRR, soprattutto nel sud del Paese, e ha chiesto una comparizione parlamentare per il ministro Veto, mentre era segretario del più grande sindacato del Paese, di cui ha avvertito oggi la Cgil ” rischi di perdere soldi”.

Maurizio Landini ha esortato che “Il nostro Paese è l’ultimo ad applicare i soldi europei perché non è in grado di spenderli. Lo chiediamo da tempo, e le Regioni e i Comuni vanno nominati e formati perché possano farlo .” . EFE

GSM/MR/PDdp

© EFE 2023. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe è espressamente vietata, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA